Magazine Cultura

There was an old song playing on and on...

Creato il 13 settembre 2010 da Wordsinsound
There was an old song playing on and on...
Voglio raccontarvi una storia. Torniamo indietro di una decina d'anni circa. Il primo disco che ascoltai fu "Imagine" di John Lennon, rubato da mio padre. Non avevo mai ascoltato della musica "inglese"...che parolone mi sembrava allora. Era Dicembre e avevo appena otto anni, lo ricordo perfettamente. E quello è stato il primo disco di musica vera che ho visto girare nel mio vecchio lettore CD, tutto blu e argento. Iniziai per caso, ero solo un bambino.Poi gli anni passano, il rock arriva e con lui la mia adolescenza. La prima volta che ascoltai Bob Dylan fu con "Blowin'in the wind" e mi sembrò la voce più traboccante di ideali che fino a quel momento avessi mai ascoltato. Ed era stonato. Aveva le palle, lui. Era inarrivabile, mister Zimmerman. E quanto mi piaceva sentirlo gracchiare e travolgere tutti i falsi miti che mi circondavano. Su un pullman ho conosciuto Bruce Springsteen con "Backstreets" e tutto il mondo che avevo visto fino a quel momento iniziò a cambiare sotto i miei occhi. Con quei quattro minuti ci sono cresciuto e ho promesso a me stesso di tornare a guardare sempre indietro, tra le storie dei personaggi del Boss, se mai avessi abbandonato la strada che dovevo percorrere insieme alle persone che mi stavano più a cuore. Mio padre mi regalò "Born to Run" qualche anno dopo, quasi a volermi ricordare quali erano le cose importanti per cui vale la pena crescere. I Pearl Jam hanno distrutto quello che mi soffocava nei giorni in cui le aspettative, le mie e quelle degli altri, erano diventate troppo pesanti. Era rabbia infuocata quella dei ragazzi di Seattle e non importa dove sei o come vivi per essere anche tu uno di loro. Mi hanno fatto incazzare con tutto ciò che c'era di falsoin giro e così mi hanno fatto capire un sacco di cose. I Rolling Stones...senza di loro non avrei mai iniziato questo stupendo ed illusorio viaggio verso nemmeno io so cosa. Farebbero abbassare la cresta a qualunque fottuto punk new wave in giro. Con Neil Young ho scoperto il blues, quello vero e centinaia di frasi su cui ho sempre immaginato immortalare i momenti più belli della mia vita. "Old man take a look at my life, I'm a lot like you. I need someone to love me the all day through." Con un vecchio disco country  ascoltavo tristi canzoni andare avanti e avanti. Gli Aerosmith erano la musica che scuoteva il cuore mio e quello della mia prima ragazza, o almeno ho sempre voluto credere così. Questa estate sono rimasto solo sulla spiaggia quando ne avevo bisogno portando con me un disco; l'ho messo nel  lettore, ormai le impronte delle dita hanno tolto l'argento che c'era una volta, ho premuto Play, ha iniziato a girare ed una voce malinconica ha iniziato a cantare "No retreat, no regrets". E sorrido pensando a quante ne ho passate con i miei amici, con quelle canzoni. Non ci sono ritirate nè rimorsi per chi cerca solo un posto dove riposarsi...tanti testi me lo ricordano. E poi ci sono tutti gli eroi che ho imparato ad amare, i rimpianti, gli amori, il bambino che giocava a fare il cowboy, la mia macchina che non parte, i compagni di sempre e quel disco...e quelle vecchie canzoni che suonano e suonano e suonano...

"It's just the blues, Mary...the blues"

R.Clockheart


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog