Magazine Cinema

Too big to fail - Il crollo dei giganti

Creato il 28 agosto 2013 da Thetalkingmule @TheTalkingMule
Too big to fail - Il crollo dei giganti
"Non so se resisterò ad un altro giorno come ieri" "Sei sceso da una Mercedes e stai entrando alla Federal Reserve, non è lo sbarco in Normandia!"
Dopo aver visto Margin Call, di cui già ho scritto qui, cercando qua è là mi sono imbattuto in un film per la TV prodotto dalla HBO con grande dispendio di risorse e reclutando un mazzo di attori di primissima classe. Se nel film di J.C. Chandor la prospettiva era quella interna ad una banca d'affari (più o meno ipotetica), in Too big to fail - Il crollo dei giganti la prospettiva si allarga fino a comprendere l'intero sistema delle banche d'investimento, facendosi comunque ancora più aderente alla cronaca. La sceneggiatura, infatti, è basata sul libro "Too Big to Fail: The Inside Story of How Wall Street and Washington Fought to Save the Financial System—and Themselves" del giornalista del New York Times Andrew Ross Sorkin, e racconta nel dettaglio come si è dipanata (o come potrebbe probabilmente essersi dipanata) la gestione della crisi nelle sue  primissime e più violente fasi.
Too big to fail - Il crollo dei giganti
La trama racconta di come il segretario del tesoro Henry Paulson (un William Hurt a livelli eccelsi) ed il suo staff abbiano disperatamente tentato ogni strada per salvare il sistema finanziario di Wall Street e con esso l'intero ecosistema economico USA. Il film mostra come l'inizio della crisi - dovuta ai mutui subprime ed alle riassicurazioni stipulate fra le banche per sostenerne l'altissimo livello di rischio - abbia colto completamente di sorpresa l'intero gotha della finanza USA, troppo impegnato ad accendersi il sigaro con un biglietto da 500$ per accorgersi di farlo seduti su un barile di polvere da sparo, se mi passate l'immagine colorita. Lasciamo da parte per un momento le considerazioni moralistiche e apprezziamo invece il taglio quasi da docufiction della pellicola, coinvolgente ma senza perdersi in tecnicismi poco comprensibili dai non addetti ai lavori. Efficace in questo senso l'espediente di far spiegare cosa sta succedendo agli stessi personaggi che di volta in volta istruiscono Michele Davis, l'assistente di Paulson addetta alle PR (una Cynthia  Nixon molto lontana dallo stereotipo Sex & the city) su cosa comunicare alla stampa in modo da trasmettere un messaggio intellegibile ai più.
Too big to fail - Il crollo dei giganti
Fra gli interpreti si trova un Paul Giamatti che assomiglia in modo impressionante a Ben Bernanke (il che gli valse uno Screen Actors Guild Award), i direttori delle merchant bank sono impersonati da Matthew Modine, Bill Pullman, Tony Shalhoub, Evan Andler, Ajay Metha. Billy Crudup è Timothy Geithner, James Woods è grande nell'interpretazione di Dick Fuld, il CEO di Lehman Brothers, che assiste impotente al crollo della sua azienda. Il Presidente invece (all'epoca Bush figlio) non compare mai, se non nei notiziari.
Too big to fail - Il crollo dei giganti
La ricostruzione degli eventi è giornalistica, quindi presumo abbastanza veritiera; i dialoghi fra i personaggi (si indica per tutti nome cognome e ruolo) ovviamente non possono che essere immaginati. Alcune cose saltano comunque agli occhi: il potere, quello vero non viene gestito nè dal Presidente nè dal suo staff: le decisioni più importanti vengono prese da Paulson, Bernanke e Geithner e lo stesso Congresso alla fin fine non può far altro che ratificare le scelte prese da questo terzetto di illuminati. Paulson non parla mai di Europa, al massimo telefona al Cancelliere dello Scacchiere britannico o al ministro delle finanze francese (Christine Lagarde, ora direttore del FMI). Nello staff governativo, molti provengono da Goldman Sachs, il che crea comunque problemi a prendere decisioni serene.
Too big to fail - Il crollo dei giganti
Più di un parallelismo si può trovare con la realtà che conosciamo in Italia, ma forse ancora più importanti sono le differenze: nessuna delle figure che compaiono nel film è preoccupata più di garantirsi un futuro che non di salvare la propria azienda (o il sistema nel complesso). Le decisioni vengono discusse, ma giuste o sbagliate che siano una volta prese non ci torna sopra nè le si usa per far polemica. Nessuno, nemmeno al Congresso, strumentalizza politicamente la crisi per cercare di affossare l'avversario. Insomma si tratta di un mondo forse privo di morale ma che non lascia spazio al moralismo: ci sono avidi, opportunisti e cinici, ma tutto sommato ognuno fa il proprio mestiere senza rimproverare agli altri di aver fatto il loro.
Molte quindi le lezioni che si possono trarre e che - temo - sarà bene tenere a mente per il prossimo futuro, se l'evoluzione della attuale situazione politica sarà quella al momento più facilmente prevedibile.
2011 - Too big to fail Il crollo dei giganti (To big to fail)
Regia: Curtis Hanson
Soggetto: Andrew Ross Sorkin
Sceneggiatura: Peter Gould
Montaggio: Jonathan Olive


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il demonio

    demonio

    Un tempo amavo molto i film demoniaco/esorcistici. Purtroppo però - sarà perché il genere già di per sé consente poche variazioni sul tema, sarà perché ho... Leggere il seguito

    Da  Theobsidianmirror
    CINEMA, CULTURA
  • The walking dead 4x08 - too far gone - midseason finale

    walking dead 4x08 gone midseason finale

    Qualche leggerissimo spoilerFinalmente il Governatore ha mostrato il suo vero volto.Un grandissimo bastardo che, con la scusa di cercare un luogo sicuro, ma... Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • Il passato

    passato

    Regia: Asghar FarhadiOrigine: Iran, FranciaAnno: 2013Durata: 130'La trama (con parole mie): Ahmad giunge a Parigi da Teheran dopo quattro anni per incontrare... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il Quaalude

    Quaalude

    The Wolf of Wall Street è un film che ha due meriti: una magica interpretazione di Di Caprio, e una saporita discesa negli inferi della tossicodipendenza più... Leggere il seguito

    Da  Paopru
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricatto

    ricatto

    (Gran Piano) di Eugenio Mira con John Cusak, Eliah Wood Spagna, 2013 genere, thriller durata, Il film narra di Tom Selznick, genio del pianoforte che aveva... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Il mio, il vostro, il nostro...Kaos

    mio, vostro, nostro...Kaos

    Dopo gli ultimi e passati eventi politico-economici l'unica possibilità è contattare #PadreAmorth e tentare un esorcismo di massa. Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • i do have a sweatshirt, too

    have sweatshirt,

    vero che nei miei outfit mi vedete sempre un po' "in tiro": sempre curatina, un po' come si dice in casa mia "gne gne gne". è vero, mi piace vestirmi in questo... Leggere il seguito

    Da  Labibu
    CINEMA, LIBRI, LIFESTYLE, MODA E TREND