Magazine Informazione regionale

Trovarsi bene a Torino

Creato il 11 dicembre 2011 da Vanderkraken
Trovarsi bene a TorinoL'altro giorno, cercando una buona idea per qualche regalo di Natale, ho sfogliato in libreria un libro di Philippe Delerm, Il piccolo libro degli istanti perfetti. Con mia sorpresa, scopro che il primo capitolo dopo il prologo parla proprio dell'esperienza dell'autore a Torino; due paginette di commenti sparsi tratti dalla sua visita a Torino avvenuta probabilmente nei primi anni '80 a cui Delerm ha dato un titolo che fa ben sperare "Trovarsi bene a Torino":
Non è che si fossero profusi in commenti entusiasti. Giusto una punta di bonaria sufficienza nell’inflessione calante della frase: «Ah! Vai a Torino!» Molti non detto in una simile riserva. Torino non è propriamente l’Italia. In un Paese che trabocca di città affascinanti, questo nome è quasi respingente. L’idea di un’industrializzazione ingombrante, e anche la vicinanza riduttiva del confine. Parallelamente maturano già la prospettiva di rimanerne piacevolmente meravigliati, la salubre speranza di rovesciare gli archetipi.
Sorpresa. Non serve sforzarsi. Le piazze di Torino sono ampie, molto più belle di quanto potessimo immaginare. Certo, non ci sentiamo troppo spaesati dall’opulenza dei palazzi, ma una sorprendente aria di libertà aleggia in questo inizio d’ottobre assolato. Ci arrischiamo a un tavolino all’aperto, ben sapendo che con il buio non tarderà ad arrivare anche il fresco. Lasciando piazza Castello scopriamo il fascino d’epoca della Galleria Subalpina, un antico passaggio coperto dalle vetrate quasi nordiche, o slave.
La mattina, la città mormora prestissimo, tutto è rapido, indaffarato. Scivolare oziosi tra la folla è facile, anche controcorrente. Sotto gli archi, i negozietti di libri usati sono sommersi da un disordine che ha poco a che vedere con l’impero Fiat. Proseguiamo sul Lungo Po. A ovest scorgiamo alcune cime alpine. Davanti, colline disseminate di ville patrizie. Ci avviciniamo al fiume. I circoli di canottaggio sparsi lungo le sponde hanno un’aria british mista a un’eleganza tutta italiana.
I motivi per ammirare, per sentirsi in armonia non mancano, ma il migliore deriva anche da quel pizzico di malafede iniziale che ha il suo posto nell’alchimia del piacere. Amare ciò che gli altri hanno disdegnato, ciò di cui diffidano. Non si tratta tanto di fare gli iconoclasti, quanto di propiziarsi una capacità di stupore personale. Non siamo come Léautaud, che comprava le copie del Nipote di Rameau per paura che cadessero in mani sbagliate. Ma non rientriamo nemmeno tra quelli che hanno voglia di leggere solo ciò che leggono gli altri. Ci piace credere un po’ in noi stessi. Trovarsi bene a Torino.

Come ogni torinese tutte le volte che i forestieri riconoscono la bellezza della città, mi sono sentito lusingato e ovviamente non ho potuto non comprare il libro (che tra l'altro è molto bello nella sua placidità, da leggere durante un viaggio o su un treno).

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Torino sotto la neve

    Torino sotto neve

    E' il titolo di un catalogo che ho recentemente acquistatoE' stata assolutamente un' occasione, in quanto ritornando da una consegna di fiori in centro città, m... Leggere il seguito

    Da  Sirio
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Neve “chimica” a Torino

    Neve “chimica” Torino

    Sembrava che finalmente anche a Torino fosse arrivata la neve, invece era un preoccupante miscuglio di sostanze chimiche prodotte dalle industrie torinesi. Lo... Leggere il seguito

    Da  Mondoinformazione
    CURIOSITÀ, ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE, SOCIETÀ
  • Mozart a torino

    Mozart torino

    "Rifletté un momento se era il caso di dirle tutti i suoi nomi. No, non era il caso. 'Chiamatemi Amadé', rispose". Protagonista di questo racconto è proprio il... Leggere il seguito

    Da  Sirio
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Torino sotto la neve

    Torino sotto neve

    Cari lettori, ho raccolto in un video alcune immagini di Torino innevata.Ho percorso la città in lungo e in largo - e non solo -in parte a piedi facendo... Leggere il seguito

    Da  Sirio
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Una terrazza su Torino

    terrazza Torino

    Sullo sfondo della collina, oltre il fiume Po, il tempio appare simile ad un mausoleo.E' la chiesa del Monte dei Cappuccini, o se preferiamo chiamarla con un... Leggere il seguito

    Da  Sirio
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Agguato a Torino

    Alberto Musy, 44 anni, avvocato e docente, capogruppo del Terzo Polo in consiglio comunale, è stato ferito stamattina in un agguato sotto casa. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Torino Jazz Festival

    Torino Jazz Festival

    Waiting for the Torino Jazz Festival since tonight 'til the first of May. Torino has been one of first destination in Europe for the African-American music. Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    CONCERTI E FESTIVAL, INFORMAZIONE REGIONALE, JAZZ / BLUES, MUSICA

Dossier Paperblog