Magazine Attualità

Trovato un papiro del IV secolo: Gesù era sposato?

Creato il 19 settembre 2012 da Cagliostro @Cagliostro1743

Trovato un papiro del IV secolo: Gesù era sposato?Così come riporta il The New York Times, Karen L. King – una storica delle origini del cristianesimo alla Harvard Divinity School – ha individuato un pezzo di papiro critto in copto nel IV secolo e contiene una frase mai visto in qualsiasi parte della Scrittura: «Gesù disse loro: “Mia moglie ….”».
Il frammento di papiro sbiadito è più piccolo di un biglietto da visita, con otto linee da un lato, in inchiostro nero leggibile sotto una lente di ingrandimento. Appena sotto la linea di Gesù in cui c’è scritto che aveva una moglie, il papiro contiene una seconda disposizione provocatoria che dice presumibilmente «lei sarà in grado di essere mio discepolo».
La scoperta è stata resa pubblica martedì a Roma al Congresso Internazionale di Studi copti da Karen L. King, una storica che ha pubblicato diversi libri in merito a nuove scoperte sul Vangelo.
La provenienza del frammento di papiro è un mistero, e il suo proprietario ha chiesto di rimanere anonimo. Fino a martedì, King aveva mostrato il frammento solo ad una ristretta cerchia di esperti di papirologia e di linguistica copta, i quali hanno concluso che non è più probabile che sia un falso. Ma lei ed i suoi collaboratori dicono che sono desiderosi che altri studiosi valutino e forse sconvolgano le loro conclusioni.
Sebbene molte domande restino irrisolte, la scoperta potrebbe riaccendere il dibattito sulla possibilità che Gesù fosse sposato, se Maria Maddalena fosse sua moglie e se aveva una discepola. Questi dibattiti risalgono ai primi secoli del cristianesimo, dicono gli studiosi. Ma sono rilevanti oggi, quando il cristianesimo riaccende il dibattito sul ruolo delle donne nel ministero e i confini del matrimonio.La discussione è particolarmente animata nella Chiesa cattolica romana, dove nonostante le richieste di cambiamento, il Vaticano ha ribadito l’insegnamento che il sacerdozio non può essere aperto alle donne e agli uomini sposati a causa del modello stabilito da Gesù.
King ha rilasciato un’intervista e ha mostrato il frammento di papiro, racchiuso in un vetro, ai giornalisti del The New York Times, The Boston Globe e Magazine Harvard nel suo ufficio alla Harvard Divinity School.
Ha più volte avvertito che questo frammento non dovrebbe essere preso come prova che Gesù, la persona storica, sia stato effettivamente sposato. Ha detto che il testo è stato scritto probabilmente secoli dopo la morte di Gesù, e tutti i primi testi della la letteratura cristiana che sono storicamente attendibili non rivelano nulla a proposito.
La dottoressa King ha detto che la scoperta è entusiasmante perché è il primo documento noto dall’antichità che si riferisce a Gesù parlando di una moglie. Esso fornisce un’ulteriore prova che ci fosse una discussione attiva tra i primi cristiani sul fatto che Gesù fosse celibe o sposato, e quale percorso dovrebbero scegliere i suoi seguaci.
«Questo frammento suggerisce che alcuni primi cristiani avevano una tradizione che Gesù era sposato», ha detto ed ha aggiunto: «Già sappiamo che c’è stata una polemica nel secondo secolo sulla questione se Gesù fosse sposato ed ha coinvolto un dibattito sul fatto se i cristiani debbano sposarsi e fare sesso».
King imparato a conoscere quello che lei chiama “Il Vangelo della moglie di Gesù”, quando ha ricevuto una e-mail nel 2010 da un collezionista privato che le ha chiesto di tradurlo. Karen L. King, 58 anni, è specializzata nella letteratura copta ed ha scritto libri sul Vangelo di Giuda, il Vangelo di Maria di Magdala, gnosticismo e le donne nell’antichità.
Il proprietario, che ha una collezione di papiri greci, copti e arabi, non è disposto a essere identificato perché, ha detto la dottoressa King, «non vuole essere perseguitato da persone che lo vogliono acquistare».
Non si sa quando, dove o come il frammento sia stato scoperto. Il collezionista lo ha acquistato in un lotto di papiri nel 1997 da un precedente proprietario tedesco. Il frammento è pervenuto con una nota scritta a mano in tedesco che indica un professore di egittologia di Berlino, ora deceduto, e lo ha citato definendo il frammento come “unico esempio” di un testo in cui Gesù parla di una moglie.
Il proprietario ha portato il frammento alla Divinity School nel dicembre 2011 e lo ha lasciato alla dottoressa King. Nel mese di marzo, ha portato il frammento a New York per mostrarlo a due papirologi: Roger Bagnall, direttore dell’Istituto per lo studio del mondo antico, alla New York University, e Annemarie Luijendijk, professore associato di religione all’Università di Princeton.
Hanno esaminato il frammento con un forte ingrandimento. Era molto piccolo – solo dai 4 agli 8 centimetri. La scritta era chiazzata e irregolare, la mano di un dilettante, ma non inusuale per il periodo di tempo, quando molti cristiani erano poveri e perseguitati.
Il dottor Luijendijk ha detto in un’intervista che è stato scritto in copto, una lingua egiziana che utilizza i caratteri greci – e più precisamente, in copto Sahidic, un dialetto del sud dell’Egitto.
Ciò che li ha convinti che era probabilmente vero è proprio stato il venir meno dell’inchiostro sulle fibre di papiro, e tracce di inchiostro alle fibre piegate ai bordi strappati. Il lato posteriore è così debole che solo cinque parole sono visibili, solo in parte: “la mia mad[re],” “tre”, “quarto”, “che”.
«Sarebbe impossibile da creare»: ha detto il Dott. Luijendijk, che ha contribuito alla ricerca di King.
Il Dr. Bagnall ha motivato che un falsario avrebbe dovuto essere esperto in grammatica, scrittura a mano e concetti della cultura copta. La maggior parte dei falsi che ha visto non erano altro che parole senza senso. E se si trattasse di un falso destinato a creare un colpo o fare qualcuno ricco, perché ne sarebbe rimasto nell’oscurità per così tanti anni?
Il Dottor Bagnal ha detto: «È difficile costruire uno scenario che sia del tutto plausibile in cui qualcuno falsifichi qualcosa del genere. Il mondo non è in realta pieno di papirologi disonesti».
Il pezzo è strappato in un rettangolo ruvido, in modo che il documento manchi del testo adiacente a sinistra, destra, in alto e in basso – molto probabilmente il lavoro di un commerciante che ha diviso un pezzo più grande per massimizzare il suo profitto, ha detto il dottor Bagnall.
Molto del contesto, pertanto, è mancante. Ma il dottor King è rimasto colpito da frasi del frammento come “Mia madre me l’ha data la vita”, e “Maria è degno di esso”, che ricordano frammenti di testo del Vangelo di Tommaso e Maria. Gli esperti ritengono che che sono stati scritti alla fine del II secolo e tradotti in copto. La dottoressa King ipotizza che questo frammento è stato copiato anche da un testo greco del secondo secolo.
Il significato delle parole “mia moglie” è fuori discussione ha detto la dottoressa King. «Queste parole possono significare niente altro». Il testo al di là di “mia moglie” è tagliato fuori.
La dottoressa King non ha datato l’inchiostro con il test del carbonio. Ha detto che ciò avrebbe richiesto di raschiare troppo, distruggendo la reliquia. Si prevede ancora di testare l’inchiostro con la spettroscopia, che potrebbe determinare la sua età circa in base alla sua composizione chimica.
La dottoressa King ha inviato il frammento al The Harvard Theological Review, che ha chiesto a tre studiosi di riesaminarlo. Due hanno messo in dubbio la sua autenticità, ma avevano visto solo fotografie a bassa risoluzione del frammento e non sapevano che papirologi esperti aveva visto il papiro originale giudicandolo autentico. Uno dei due ha espresso dei dubbi sulla grammatica, la traduzione e l’interpretazione.
Ariel Shisha-Halevy, un eminente linguista di copto alla Hebrew University di Gerusalemme, è stato consultato e ha scritto in una e-mail a settembre «Io credo sulla base del linguaggio e la grammatica che il testo sia autentico».
I dubbi principali sono stati dissipati, The Harvard Theological Review prevede di pubblicare l’articolo della dottoressa King nel suo numero di gennaio.
La dottoressa King ha detto che avrebbe spinto il proprietario a farsi avanti, in parte per evitare che si alimentino teorie complottistiche.
L’idea che Gesù aveva una moglie è stato il concetto principale del best seller e film Il Codice Da Vinci ma la dottoressa King ha detto che non vuole avere niente a che fare con il Codice o il suo autore: «Almeno, non dite che ciò dimostra che Dan Brown aveva ragione».

Trovato un papiro del IV secolo: Gesù era sposato?


Filed under: News, Religione

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog