Magazine Politica

TURCHIA: Quando Obama costrinse Bibi a chiedere scusa a Recep

Creato il 23 marzo 2013 da Eastjournal @EaSTJournal

Posted 23 marzo 2013 in Turchia with 0 Comments
di Matteo Cazzulani

Mavimarmara YasinOnat Flickr

Il Presidente democratico USA vero regista della pacificazione tra Tel Aviv ed Ankara. Un risultato diplomatico non facile da raggiungere, che apre prospettive importanti per l’Europa e l’Occidente sul piano politico ed energetico. 

Nella giornata di venerdì, 22 Marzo, il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, ha convinto il Premier israeliano, Benjamin Netanyahu, a ricucire lo strappo diplomatico con il suo collega turco, Recep Tayyip Erdogan. 

Le relazioni tra Israele e Turchia -due Paesi che hanno sempre collaborato anche in virtù dell’appartenenza di Ankara alla NATO, e della vicinanza di Tel Aviv agli USA- sono congelate dall’attacco militare israeliano del Marzo del 2010 alla ‘Freedom Flottilla’. L’attacco armato contro le navi, che secondo l’equipaggio della ‘Flottilla’ avrebbe dovuto consegnare viveri in Palestina, mentre Israele ha ritenuto che essa trasportasse munizioni per armare il terrorismo palestinese, ha provocato nove morti di nazionalità turca.

Nella telefonata, Netanyahu ha ritenuto l’agguato un errore dalle conseguenze imprevedibili, ed ha espresso la volontà di riprendere lo smalto del passato nelle relazioni tra Israele e Turchia. Soddisfazione è stata espressa dal Ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, che ha sottolineato come il Premier Erdogan abbia condiviso la necessità di ripristinare le relazioni diplomatiche tra Tel Aviv ed Ankara.

Il riavvicinamento tra Israele e Turchia è una vittoria diplomatica del Presidente Obama, che consente agli USA di ricompattare il fronte turco-israeliano, necessario per proteggere l’Occidente dalle minacce  costituite da Siria e Iran e, più in generale, dal terrorismo fondamentalista. Con il sostegno al riavvicinamento tra Tel Aviv ed Ankara, e il supporto dato alla costituzione di uno Stato palestinese accanto a quello di Israele, il Presidente democratico ha inoltre corretto definitivamente la linea di politica estera muscolare del suo predecessore repubblicano, George W. Bush, nel Mondo arabo, conferendo agli USA un’immagine meno negativa.

Il gas di Israele in Europa attraverso la Turchia, ora si può

Particolare importanza dell’attività diplomatica di Obama è anche legata all’energia, poiché il ripristino delle relazioni diplomatiche tra Israele e Turchia potrebbe portare alla realizzazione del progetto di trasporto del gas israeliano in Europa attraverso il territorio turco.

Israele, che possiede un giacimento di 10 miliardi di piedi cubi di gas, ha preventivato l’esportazione del carburante in Europa grazie ad una partnership con Cipro che, tuttavia, è stata sospesa in seguito alla situazione critica vissuta da Nicosia. Per questa ragione, Tel Aviv potrebbe riprendere l’ipotesi -congelata da Ankara in seguito alla crisi diplomatica con Israele- della costruzione di un gasdotto verso la Turchia, dove il gas verrebbe immesso nelle condutture che veicolano carburante dall’Azerbaijan in Unione Europea.

Tale soluzione renderebbe possibile per l’Unione Europea l’importazione di gas da Israele, ed annullare l’azione di disturbo dell’operazione attuata dalla Russia, che sta puntando sul controllo del settore energetico di Cipro per impedire l’importazione di carburante israeliano attraverso Nicosia.

Foto: Flickr

Tags: Ahmet Davutoglu, Barak Obama, Cipro, Freedom Flottilla, gas, Israele, matteo cazzulani, Mavi Marmara, Netanyahu, Recep Tayyip Erdoğan, scuse, Stati Uniti, Turchia, Usa Categories: Turchia


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Turchia: cosa vuole davvero erdogan?

    Turchia: cosa vuole davvero erdogan?

    Un centro commerciale (e una moschea) al posto del parco Gezi di Istanbul, una legge restrittiva sulla vendita di alcolici (in un Paese in cui il loro consumo... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Da Obama a Obama (direttamente da New York)

    Dal nostro inviato a New York: Today is The Day: election day. Si decide chi governa gli USA e un po' anche il mondo, per non farsi mancare nulla. Leggere il seguito

    Da  Serenzia
    ATTUALITÀ, POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Obama e l’abbronzato col maglioncino

    Obama l’abbronzato maglioncino

    Sulla vittoria di Obama, ci sarebbero mille cose da dire e molte di queste mille con compaiono nelle diecimila che si affollano lungo i canali dell’informazione. Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • L’era Obama continua

    L’era Obama continua

    7 NOVEMBRE – Alla fine ce l’ha fatta. Barack Obama è stato rieletto per il secondo mandato da “uomo più potente del mondo” alla Casa Bianca. Leggere il seguito

    Da  Ilnazionale
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Obama Wins

    Obama Wins

    Foto tratta da Giornalettismo.comFour More Years.Ancora 4 anni. Obama è stato rieletto presidente degli Stati Uniti D'America e lo ha fatto con una vittoria... Leggere il seguito

    Da  Strippi
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Obama ed il destino dell'occidente

    Obama destino dell'occidente

    Scritto da Cristian Obama ha battuto lo sfidante repubblicano alla Casa Bianca Mitt Romney ed entra nel suo secondo, importante, mandato presidenziale. Leggere il seguito

    Da  Webnewsman
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Discorso di Obama sulle armi.

    Discorso Obama sulle armi.

    È di ieri, lunedì 8 aprile, il discorso all’Università di Hartford in Connecticut, in cui il presidente Obama ha trattato delle leggi sul possesso delle armi,... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ