Magazine Lifestyle

Tutti pazzi per il twerking

Creato il 11 agosto 2013 da Webnewsman @lenews1
Tutti pazzi per il twerking

Se un tempo si ballava il twist (chi non ricorda i mitici anni '60 con Saint Tropez Twist, di Peppino di Capri, ndr), ora è tempo di twerking, il movimento sexy che simula gli atti sessuali. Basta ondeggiare il bacino e scuotere il lato B- meglio se tonico e in super forma-, e il risultato è una vera e propria venerazione da parte di chi guarda, nonché un'indiscussa approvazione dalla persona con cui si balla.
Perché di danza si tratta, e a quanto sembra è per tutte le età. Parola dei bellissimi animatori turistici palestrati e abbronzati, che sono stati quasi sicuramente stregati da Miley Cirus, che da Montana è diventata montata, pubblicando su Facebook un video in cui cimenta in una provocante danza sulle note de Florida.
I più timidi, quelli che pensano di non essere capace a twerkare, possono affidarsi all'applicazione per iPhone e Android o ai video tutorial caricati su YouTube, che insegnano ad ondeggiare i glutei e il bacino attraverso movimenti sì sensuali, ma senza cadere nel volgare.
Nessuna scusa, dunque, per non scuotere in modo forsennato i fianchi, facendo roteare il fondoschiena in modo energetico. É proprio questo, infatti, il significato del termine twerking, che deriva da "twirk" e "jerk", rispettivamente "girare" e "scuotere". Un mix intrigante per rimettersi in forma in prossimità delle abbuffate previste per Ferragosto, un rimedio last minute per chi non è ancora andato in ferie, e un'occasione per divertirsi con gli amici, celebrando la bella stagione che sta finendo.
La parola d'ordine dunque è quindi “muovi 'sto sedere”, un messaggio che ha riscosso un successo enorme e che era già lanciato qualche anno fa da diversi tormentoni estivi. Cosa pensavate infatti che “mueve la colita” (Los Locos), “shake your boom boom” (D-Bomb), e “taca mamasita tacata” (Tacabro) volessero dire?

Potresti essere interessato anche a:

Altre Informazioni


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :