Magazine Società

Un accento italiano

Creato il 24 marzo 2010 da Dragor

   Non averlo significa averlo, perché il nostro non è mai un accento. Si scopre quando è diverso, così l’accento ce l’hanno sempre gli altri. In Francia, a nord della Loira ridono per l’accento del Sud, a sud della Loira ridono per l’accento del Nord. In Italia, dove i dialetti cambiano ogni 10 chilometri, l’accento è quello del villaggio vicino. Non parliamo delle regioni che una volta erano nazioni e hanno abbandonato a malincuore la loro lingua. Repressa dalla parlata toscana, in che modo affiora la lingua locale? Con l’accento.

L’accento significa portare con sé un pezzetto della propria terra. Parlare del proprio paese anche quando si parla d’altro. E’ un bagaglio invisibile che si porta in viaggio. All’estero è un ricordo della nostra patria, in patria un ricordo della nostra identità. Quasi tutti parliamo una lingua straniera, perché in ogni paese la lingua di una città si è imposta sulle altre. In Italia è la lingua di Firenze. L’accento dimostra che non ci siamo lasciati colonizzare fino in fondo. E' un segno di libertà.

Se parlate inglese, non prendetevela se vi dicono che avete l’accento del vostro paese. Siatene fieri. Significa portare l’Italia con voi, far splendere il sole del Sud fra brume del Nord. L’accento ce l’hanno anche gli anglofoni. Unamericano, un australiano, un sudafricano o un canadese hanno un accento che si taglia con il coltello. E anche l’accento di Oxford è un accento. Così che male c’è ad avere uno splendido accento italiano?

Dragor

.

Ascoltate Fernandel con il suo delizioso accento marsigliese nel monologo “L’accento”.

____________________________________________________________________________________




Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Di mattino, un papà...

    Mattina agitata, questa. Molto In genere quando la madre degli Squali non c'è, loro rigano dritti come fusi, eseguono gli ordini come buoni soldatini visto che... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Finalmente un commento lucido

    C’è una sola cosa che mi fa stare peggio dell’ennesima vittoria di Berlusconi: quelli che si lamentano dell’ennesima vittoria di Berlusconi. Che pontificano ex... Leggere il seguito

    Da  Parolecomplicate
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Se un matrimonio fra sportivi diventa un “caso” sociale

    matrimonio sportivi diventa “caso” sociale

    Si celebreranno a metà aprile le nozze fra due star asiatiche dello sport: Shoaib Malik, 28 anni, capitano della nazionale pakistana di cricket la tennista Sani... Leggere il seguito

    Da  Milleorienti
    CULTURA, SOCIETÀ, SPORT
  • Un po’? No, un pò!

    Si dice che la grammatica sia l’errore codificato. In poche parole, quando un errore lo fanno tutti, ma proprio tutti, viene accolto nella grammatica ufficiale ... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    SOCIETÀ
  • Esattamente un anno fa

    scrivevo questo post. Ricordo che stavo guardando il film “Bambole russe”, il sequel de “L’appartamento spagnolo” di Cédric Klapisch. Leggere il seguito

    Da  Olineg
    SOCIETÀ
  • Un messia diverso

    Il gruppo biblico "Vangelo e yoga" si incontra attorno al capitolo 17 di Matteo e alla vita di ciascuno.Quando si legge il vangelo, è difficile accettare di... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • Un Anemone per amico

    Anemone amico

    «Se dovessi acclarare che la mia abitazione fosse stata pagata da altri senza saperne io il motivo, il tornaconto e l'interesse, i miei legali eserciterebbero l... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine