Magazine Politica

Un'altra Russia

Creato il 11 giugno 2011 da Matteo

Forma di vita – misericordia

Misericordia è la prontezza a dare aiuto a chi ne ha bisogno per compassione.
Dizionario monolingue di lingua russa redatto da D.N. Ušakov

Ho conosciuto il sacerdote Arkadij Šatov circa 15 anni fa. Allora lavoravo alla “Nezavisimaja gazeta” [1] ed ecco che arriva una sorta di redattore del supplemento tematico “Religione” Natal'ja Archipova e dice: “Ascolta! Ho trovato qui casualmente un sacerdote, un tipo del tutto sconvolgente, assolutamente vero, andiamo, facciamo un reportage…”

Arriviamo, facciamo conoscenza e subito cadono tutti i dubbi, ecco che ci sono persone così autentiche, la cui chiarezza, nitidezza e affidabilità una volta per sempre vincono qualsiasi scetticismo, qualsiasi incredulità.

In epoca sovietica lavorò come infermiere in un ospedale e vide tante di quelle sofferenze e di quella rozzezza che decise di diventare sacerdote per portare misericordia nella vita di tutti i giorni di quegli stessi ospedali, per esempio…

Intendeva la misericordia come un lavoro. Anche oggi la intende così.

Nel 1990 padre Arkadij (Šatov) insieme alla sua parrocchia sul territorio del 1° Ospedale Cittadino “N.I. Pirogov” (costruito 200 anni prima su progetto dell'architetto Matvej Kazakov) restaurò la chiesa di san Demetrio, zarevic [2] ucciso (là in epoca sovietica c'era certamente un magazzino) e creò il primo istituto medico ortodosso in Russia dopo la rivoluzione del 1917, che già da vent'anni prepara infermiere per la sanità nazionale.

Alla sanità nazionale è andata bene da non dirsi che da noi ci siano tale istituto e tali infermiere!

Le prime diplomate di questo istituto erano donne del tutto adulte, con due lauree o un dottorato, inoltre madri di quattro o più figli. Queste volevano appassionatamente (e sinceramente) cambiare la propria vita e intendendo la misericordia alla lettera: come cuori amorosi volevano dedicarsi proprio a opere di misericordia. Insieme a padre Arkadij andarono nei reparti più difficili del 1° ospedale cittadino, dai malati più gravi e disperati e non li accudivano, li sanavano [3]. Dandosi il cambio, giorno e notte non si allontanavano dai letti dei malati…

I medici mi raccontavano, che inizialmente non credevano alle sorelle della misericordia piombategli addosso, cercava di strappare a padre Arkadij cosa gli servisse, ma poi si riempirono di fiducia e gratitudine e con stupore scoprirono che con l'arrivo di queste sorelle della misericordia era calata la mortalità tra i malati più gravi, era calata perché “era migliorata la cura per loro”. Semplicemente la cura…

La professione di sorella della misericordia, un tempo diffusa nell'Impero Russo, adesso è rinata. Le diplomate ottengono titoli di tipo statale (da quando esiste l'istituto ci sono stati 22 diplomi). La preparazione delle specialiste e la fornitura di conoscenze, la formazione di attitudini e capacità è svolta nell'istituto secondo lo standard statale di istruzione. Ma la principale differenza dell'istituto dagli altri sta nel fatto che in esso insegnano amore, misericordia e compassione per il prossimo. Sarete d'accordo che è un compito difficile.

Alla sezione diurna giungono ragazze e anche ragazzi di diverse famiglie, credenti e non credenti. La cosa importante è che l'adolescente stesso voglia studiare qui e non compia la volontà dei genitori. E ancora più importante è il desiderio di aiutare le persone. Perché a volte riportare una persona alla vita normale è più importante che salvarla dalla stessa morte.

Nell'istituto c'è una materia, si chiama “duchovnye osnovy miloserdija[4] (DOM). Come nessuna casa [5] può restare stabile senza fondamenta, così il fare il bene è impossibile senza fede e amore.

Già nel primo anno gli studenti fanno pratica in molti ospedali di Mosca: il 1° ospedale clinico, la clinica infantile “N.G. Speranskij”, gli ospedali clinici n. 4 e n. 7 e altri, ma la base principale dell'istituto è l'ospedale di sant'Alessio.

Nell'istituto delle sorelle della misericordia insegnano a curare i malati, di regola, dopo malattie gravi e, di regola, sono pazienti costretti a letto, con piaghe da decubito e atrofie muscolari, qui le conseguenze di patologie gravi si curano con un metodo speciale.

E perciò adesso gli studenti dell'istituto già dal primo anno vanno per la maggiore, li chiamano a fare pratica tutti gli ospedali di Mosca, strappandoseli l'un l'altro…

Senza guardare i voti nei libretti, ma guardandoli negli occhi, la frase fatta “Gli occhi sono lo specchio dell'anima” qui è adeguata come non mai. In altro modo è semplicemente impossibile valutare quel grado di compassione per il prossimo.

La misericordia non ha nazionalità, appartenenza politica e neanche una propria fede. Sì, le cose si sono messe in modo che le sorelle della misericordia e l'ortodossia sono recepiti da noi come qualcosa di unico. Ma non è proprio così. Perlomeno di questo è convinto il vescovo Arkadij Šatov: “Cristo stesso, parlando di misericordia, portò ad esempio un samaritano, che non aveva la vera fede, – spiega padre Arkadij, – ma aveva compassione e aspirazione ad aiutare. Un esempio più vicino – le infermiere della Grande Guerra Patriottica [6]. Le giovani del Komsomol [7], lavorate fin dalla scuola dalla propaganda dell'ateismo, quali miracoli di abnegazione, immolazione e amore hanno compiuto!”.

Natal'ja Preobraženskaja

09.06.2011, “Novaja gazeta”, http://www.novayagazeta.ru/data/2011/062/17.html (traduzione e note di Matteo Mazzoni)

[1] “Giornale indipendente” (che per un buon periodo ha fatto onore al nome).

[2] Lo carevič era il figlio maggiore erede dello zar. Dimitrij era figlio di Ivan il Terribile e morì ucciso nel corso della lotta per il trono dopo la morte del padre.

[3] I verbi hanno una radice comune in russo, ma u-chaživat' indica il “prendersi cura”, vy-chaživat' il “guarire, sanare”.

[4] “Basi Spirituali della Misericordia”.

[5] Dom in russo.

[6] La guerra contro la Germania nazista.

[7] Kommunističeskij Sojuz Molodëži (Unione della Gioventù Comunista).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Eccone un'altra

    Eccone un'altra

    E' la Presidente della Provincia di Padova, Barbara Degani (PDL), e ha pensato bene di regalare un piccolo gadget ai bambini del territorio: un bel calendario... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • Un'altra cosa

    C'è un collega, Antonio, che non si chiama veramente Antonio ma non so se poi gli da fastidio se lo chiamo per nome vero, c'è questo collega Antonio che mi... Leggere il seguito

    Da  Piesio
    SOCIETÀ
  • La Russia non riformabile

    Riforma come crimine Sapete perché nella Russia putiniana le riforme sono impossibili? In un paese dove chi governa è estremamente inefficiente, l'efficienza è... Leggere il seguito

    Da  Matteo
    SOCIETÀ
  • Un'altra bufala: l'insulto alla parlamentare disabile.

    Un'altra bufala: l'insulto alla parlamentare disabile.

    Ormai non si contano più. Le bufale virali che la "contro-informazione" della sinistra diffonde via internet hanno raggiunto l'apice, soprattutto da quando... Leggere il seguito

    Da  Giancarlo
    SOCIETÀ
  • Un'altra guerra per eliminare il dittatore

    Un'altra guerra eliminare dittatore

    Costa D'AvorioAd Abidjan sono in corso ormai da dieci giorni violenti combattimenti tra le forze del presidente uscente Laurent Gbagbo e del Capo di Stato... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • Gli aleviti: un'altra turchia

    aleviti: un'altra turchia

    Un convegno di Osservatorio Balcani e Caucaso per parlare degli Aleviti turchi: musulmani eterodossi, né sunniti, né sciiti, di origine nomade, di tradizione... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    SOCIETÀ
  • Tutta un'altra storia

    Ho cominciato con Un samba per Sherlock Holmes: un romanzo divertente e un po' assurdo, più nello stile di Jorge Amado che in quello di Conan Doyle. Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    SOCIETÀ