Magazine Cultura

Un Beckett a quasi un milione di sterline

Creato il 11 luglio 2013 da Sulromanzo
Autore: La RedazioneGio, 11/07/2013 - 15:30

MurphyQuello di Samuel Beckett è un nome fondamentale per la letteratura del ventesimo secolo, non staremo qui a ripeterlo, e il suo apporto alla storia della narrativa e del teatro è a tutt’ora inestimabile. Stimabili invece, sono stati i quaderni contenenti la prima bozza del romanzo d’esordio Murphy (1938), acquistati di recente all’asta dalla Reading University, per una cifra astronomica: 962.500 sterline, vale a dire oltre un milione e centomila euro.

L’importanza di questo straordinario documento sta non solo nel suo essere un raro esempio del “metodo compositivo” di Beckett, ma anche nell’estensione, più di settecento pagine, molte delle quali furono escluse dalla versione che andò in stampa, oltre che negli appunti a margine, negli scarabocchi e in generale in tutti quegli elementi apparentemente di contorno, ma indicativi dello svolgersi delle idee nella mente dello scrittore nato a Dublino.

Ghiottissima acquisizione, dunque, questi manoscritti che Beckett regalò a un amico, Brian Coffey, nel 1938, dopo il famigerato episodio dell’aggressione subita dallo scrittore ad opera di un magnaccia, a Parigi, e che poi furono venduti, nel 1968, a un collezionista privato che li ha conservati sotto chiave, fino alla sua morte, avvenuta l’anno scorso.

Di certo, gli innumerevoli spunti che il documento offre agli studiosi, lo rendono qualcosa di molto pregiato, se non unico, per la storia della letteratura internazionale, all’interno della quale Samuel Beckett occupa un posto importante.

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Media: Scegli un punteggio12345 Nessun voto finora

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog