Magazine Cultura

Una domenica

Creato il 27 febbraio 2011 da Mirco
Una domenicaOggi non volevo aggiornare il blog. E' domenica e i blogger di domenica dovrebbero riposare, dovrebbero aggiornarlo soltanto durante le ore di lavoro, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00, come ho detto già una volta, per darsi l'impressione di essere pagati per scrivere.
Non c'è nulla di meglio di rubare tempo al proprio datore di lavoro, sempre meglio delle matitine gratuite dell'Ikea, che dopo due o tre volte che ti riempi le tasche non sai più dove metterle. E anche meglio delle fotocopie in ufficio di straforo, o della stampa dell'ultimo libro di Umberto Eco scaricato in rete. Ma come, dite voi, non c'erano i DRM? Non c'era quel medievale tentativo di proteggere i diritti d'autore? I diritti d'autore... mi sembra una definizione così vecchia, sorpassata e così fuori da certi modelli economici che hanno dimostrato più di una volta che si può guadagnare lo stesso.
Cosa spinge la gente a scrivere? Chi ve lo fa fare? Esistono vie più brevi alla notorietà: esiste il pluriomicidio aggravato, esiste la rapina a mano armata, esiste Amici di Maria De Filippi... no, forse per questo ci vuole talento.
Ci sono tanti modi per diventare famoso e quello della scrittura è il più infido e difficile. Chi ve lo fa fare?
Ditemelo voi. E non pensate che scrivere per un blog sia molto diverso perché se siete un po' come me controllate i vostri accessi unici, quante persone vi leggono, quante persone si sono iscritte al vostro canale. Controllate quali altri blog famosi sono degni di una vostra partecipazione, perché sotto un certo numero di accessi quella gente non esiste proprio (soprattutto se siete sconosciuto, altrimenti...). E' tutto un dare-avere anche nella blogosfera. Io do una recensione a te, tu dai un link a me. Non è molto diverso da quello che succede nelle alte sfere dove favori sessuali vengono convertiti in denaro.
Quindi anche nei blog devi entrare in un giro, far parte di un giro di amici che si coprono le spalle a vicenda. Parli male di uno e quattro di essi ti danno addosso. E' successo pure a me. Me ne guardo bene a dire chi e quando, perché proprio non mi interessa né la logica del branco (e mi ritengo un cane sciolto), né la logica alla Wolf di Pulp fiction (per chi capisce la citazione).
Statemi bene un po' tutti. Vado a rileggere qualcosa che sono sicuro che interesserà a pochi: un libro che ha per target bambini di sei/sette anni. E se mi arrabbio poi ne parlo anche qui, per fare contenti quei disperati che ogni giorno vengono a cercarmi nel blog.
Non so chi siete, ma vi ringrazio. E ringrazio chi, senza neanche dirmelo, mi cita nel suo spazio e mette un link al mio blog. Ditemi chi siete, vorrei sapere per chi sto scrivendo.
(1). Si tratta di Storie del piccolo Franz di Christine Nostlinger (Piemme Junior, Il Battello a vapore). La bellezza sta nella semplicità. Per questo leggo molti libri per bambini.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • YouCanPrint.it, una vera casa editrice

    Quando contattiamo Alessandro De Giorgi per la nostra inchiesta sul self-publishing, l’Amminstratore di YouCanPrint.it chiarisce subito che il suo non è un... Leggere il seguito

    Da  Scrid
    CULTURA, LIBRI
  • una poesia è una città. oggi a Libra

    ∞ Cosicché la coscienza pare offuschi gli atti che essa rende consci, i quali, da soli, hanno più purezza, più forza, più vita; e in questo stato di... Leggere il seguito

    Da  Vivianascarinci
    CULTURA, LIBRI
  • Marvel: una testata per magneto?

    Marvel: testata magneto?

    un assorto Magneto medita sulla direzione narrativa che dovrà prendere la sua testata?Da quando la Marvel Comics ha diradato la diffusione delle solicitations... Leggere il seguito

    Da  Comixfactory
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Memorie di una Geisha

    Memorie Geisha

    Ed eccoci al secondo libro dell'anno. L'ho comprato un sacco di tempo fa, in un raptus di estremo consumismo libresco, l'ho tenuto sulla scrivania per... Leggere il seguito

    Da  Ihaveadream81
    CULTURA, LIBRI, PER LEI
  • Traditori, il farsi una nazione

    Traditori, farsi nazione

    Sto leggendo l'ultimo libro di Giancarlo De Cataldo, Traditori. Un libro che è anche una sfida: sia per l'autore (che affronta un periodo storico poco studiato ... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    CULTURA, LIBRI
  • Le ragioni di una scelta

    ragioni scelta

    “Sono scelte quelle che compiono i ragazzi protagonisti del racconto. Ma è tutto il romanzo che descrive con efficacia il tormento di una scelta, la scoperta ch... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Una gradita sorpresa

    gradita sorpresa

    Il recente trasloco, come ho già avuto modo di scrivere, ha avuto il pregio di rimescolare i miei fumetti, consentendone ora, nella nuova ampia libreria, una... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines