Magazine Cultura

Una donna in corriera

Creato il 22 settembre 2012 da Cannibal Kid
Condividi Una donna in corriera Una donna in carriera (USA 1988) Titolo originale: Working Girl Regia: Mike Nichols Cast: Melanie Griffith, Sigourney Weaver, Harrison Ford, Alec Baldwin, Joan Cusack, Kevin Spacey, Oliver Platt, Jeffrey Nordling Genere: laborioso Se ti piace guarda anche: Crime d’amour, Il segreto del mio successo, Il diavolo veste Prada, Jerry Maguire, Wall Street
“Ho un cervello per gli affari e un corpo per il peccato, ci trovate qualcosa da ridire?” Tess McGill (Melanie Griffith)
C’è qualcosa di più anni ‘80 di Una donna in carriera? Forse possono competere giusto Il segreto del mio successo, Wall Street, gli Wham!, i paninari, il programma Drive In e Heather Parisi. Che fine ha fatto Heather Parisi? Non lo so e non lo voglio sapere. Probabilmente sta in mezzo alle cicale, cicale cicale cicale.

(Madonna che video! Nel senso che Madonna un video così se lo sogna...)
Dalla prima fino all’ultima scena, Una donna in carriera (Working Girl) è un tripudio di ottantitudine. A partire dal cast con Harrison Ford, Sigourney Weaver, Melanie Griffith e, soprattutto, i capelli di Melanie Griffith!
Una donna in corriera
Tra le tante cose degli 80s che sono tornate di moda nel passato più o meno recente, per fortuna non ci sono state le pettinature vaporose come quella sfoggiata dalla Griffith all’inizio del film. Che l’umanità stia facendo progressi?
Una donna in corriera Il film è una celebrazione dei valori del capitalismo americano più spinto. Quello del farcela a tutti i costi. Farcela a fare cosa? Ad avere una carriera e ad essere rispettati nel mondo del lavoro, meglio se nell’alta finanza, meglio se a Wall Street, altrimenti sei solo uno sfigato. Roba che se uscisse oggi ci sarebbe da guardarlo sdegnati, però all’epoca ci poteva stare. Anche perché poi Una donna in carriera è un film di denuncia… Ehm, no eh? Diciamo allora che cerca comunque di presentare un’etica del lavoro fondata sulla libera competizione, come quando Melanie Griffith la segretaria intraprendente gioca sporco con Sigourney Weaver la capa stronza, credendo che quest’ultima le abbia soffiato una sua idea, e forse è proprio così o forse no, e insomma il tutto si trasforma in un girl fight a tutti gli effetti, soltanto che anziché lottare nel fango, le due se le danno di santa ragione a suon di contatti con uomini potenti e finiscono invischiate immancabilmente pure in un triangolo amoroso con Harrison Ford. Indiana Jones in persona. Han Solo in persona. L’attore che non azzecca più manco mezzo film da almeno un decennio e forse anche da molto di più in persona. Anche Melanie Griffith non arriva da un periodo molto fortunato, a livello di carriera; negli ultimi tempi la si è vista solo nella stagione finale di Nip/Tuck, dove interpretava la madre di Kimber, e da allora è passato già qualche anno. Colpa proprio di quella stessa chirurgia estetica protagonista di Nip/Tuck che l'ha trasformata così?
Una donna in corriera
Una donna in corriera Meglio stanno andando le cose a Sigourney Weaver. Al di là dell’apparizione nell’atroce Avatar diretta dal suo regista preferito (e mio meno preferito) James Cameron, è infatti comparsa in qualunque film (Abduction, La fredda luce del giorno, Quella casa nel bosco, Ancora tu!, Paul, Rampart…) ed è protagonista pure della nuova serie Political Animals, discretamente interessante. A me non è mai piaciuta e continua a non piacere, però devo dire che in Una donna in carriera, nella parte della stronzilla, se la cava alla grande. Sarà un caso?
Nel cast timbra il cartellino di presenza anche Kevin Spacey, in un’apparizione flash però memorabile in cui interpreta il tipico uomo d’affari 80s cocainomane e sessuomane, che così tanto assomiglia al tipico uomo d’affari d’oggi cocainomane e sessuomane. Performance breve, ma fenomenale. E poi c’è anche Alec Baldwin. Alec Baldwin e il suo petto villoso pure questo troppo 80s.

Una donna in corriera

"Hey tu, ieri sera mi sembravi molto più sexy. Avrò mica bevuto troppo?"


Una donna in corriera

"Auguri ai tuoi capelli! Sono 3 decenni che non vedono un parrucchiere, vero?"

Non l’ho ancora detto? Davvero? E allora lo dico: la pellicola è diretta dal solito buon Mike Nichols, uno che è riuscito a passare con disinvoltura attraverso i vari decenni, dal film simbolo dei 60s Il Laureato alla splendida disamina delle relazioni moderne di Closer.
La colonna sonora è poi firmata da Carly Simon. Una che se non ne sapete nulla di musica anni Ottanta dopo aver sentito il suo nome domanderete: “Chiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii?” perché è una cantante pure lei troppo 80s, di quelle che l’1 gennaio 1990, allo scoccare della mezzanotte, è sparita nel nulla. È finita in un’altra dimensione, insieme a molti altri artisti simbolo del decennio, spazzati via dal grunge, dall riff di Smells Like Teen Spirit, dalla Generazione X e da Quentin Tarantino. Ma gli anni Ottanta si sarebbero rifatti qualche tempo più tardi, facendo la loro riapparizione nell’immancabile revival degli ultimi anni, a livello di musica, di stile, di cinema, di moda, ma per fortuna non di capigliature. Yuppie! (voto 6,5/10)
Una donna in corriera
ATTENZIONE SPOILER P.S. Due parole, ma anche qualcuna in più, a proposito della scena finale della pellicola: Melanie Griffith corona il suo sogno di Working Girl e da semplice segretaria (nessuna offesa nei confronti delle semplici segretarie) ottiene un ufficio tutto suo. E senza nemmeno fare troppi pompini in giro, Harrison Ford a parte. La macchina da presa poi si allontana e ci mostra Melania dentro il suo ufficio, al fianco di decine, centinaia, di altre persone chiuse nei loro uffici del grattacielo. Il classico lieto fine, con la protagonista che ha ottenuto ciò che vuole. Bene così? Montato con una musica differente, il finale potrebbe però essere visto sotto una luce ben più negativa. Come l’alienazione totale all’interno della società moderna. Il capitalismo più sfrenato che inghiotte le persone e le fa diventare dei criceti isolati, ognuno chiuso dentro il suo ufficetto, impegnato a fo**ere gli altri nella maniera migliore per ottenere un ufficio ancora più grande e ancora più isolato.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • una domanda e una risposta dal talmud

    domanda risposta talmud

    se tutti amassero lo studio come rabbi akivà (sospiro). Amore per la Torà Tutti conoscono il racconto straordinario della vita di Rabbi Akivà che, fino all’età... Leggere il seguito

    Da  Aa
    CULTURA, RELIGIONE
  • Una passione quaresimale

    passione quaresimale

    Una donna quasi ottuagenaria si è uccisa gettandosi dal quarto piano della sua casa dopo l’ennesima riduzione della pensione. La miseria non è sostenibile... Leggere il seguito

    Da  Winged_zephiro
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Romanzo di una strage

    Romanzo strage

    (id.)di Marco Tullio Giordana (Italia, 2012)con Valerio Mastandrea, Pierfrancesco Favino, Fabrizio Gifuni, Giorgio Colangeli, Michela CesconVOTO: ****Ci sono de... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Romanzo di una strage

    Romanzo strage

    Regia: Marco Tullio GiordanaOrigine: Italia Anno: 2012Durata: 129'La trama (con parole mie): siamo nel pieno degli "anni di piombo", e l'Italia è percorsa da... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Romanzo di una strage

    Romanzo strage

    Per una che è nata nel 1973 e si è affacciata all'età della ragione in pieni anni Ottanta in un piccolo paesino di provincia dell'Italia meridionale dove della... Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CULTURA
  • Una giornata Terra Terra

    giornata Terra

    Anna Lombroso per il SimplicissimusImpercettibile dalle coscienze e dai radar della politica come dell’opinione pubblica sempre più privata, soffocato dalla... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • una bella storia e una madeleine_fulvio ervas

    bella storia madeleine_fulvio ervas

    Nell'articolo del "Giornale" sul bestseller di Fulvio Ervas si dice che il libro ha venduto ottantamila copie e che altre ventimila se ne prevedono. Leggere il seguito

    Da  Aa
    CULTURA, LIBRI