Magazine Per Lei

Una donna, un cocktail… ma anche no!

Da Faye
Bottles of flavoured ABSOLUT vodka.

Image via Wikipedia

Ovvero: all’inizio c’era solo il vodka lemon. Evoluzioni alcoliche della Faye

Bei tempi quando ancora non bevevo. O forse no, meglio ora, è tutto molto più divertente, ma sicuramente il mio fegato, il mio stomaco e la mia linea stavano meglio prima.

Io ero astemia, ma non perché non volessi bere, semplicemente gli alcolici mi facevano cagare. Il gusto, non ero abituata al sapore. Il vino… roba da rabbividire. La birra… meglio una coca cola.
E poi cosa è successo? Poi sono diventata single, e ho avuto la necessità di uscire e di fare un sacco di vita sociale. Bere in compagnia probabilmente è uno dei gesti più sociali che ci sia. E quindi, proprio a causa della mia insofferenza ai sapori, ho iniziato con dei cocktail leggeri, di quelli pieni di succhi di frutta, con superalcolici abbastanza neutri, come la vodka.

Ora, sarà che ho origini polacche, ma la passione per la vodka m’è rimasta. Un po’ meno per i coktail dolci, perché man mano che aumentavo il livello di resistenza, mi sono orientata su bevande meno stucchevoli. E così il Vodka Lemon è diventato il cocktail per eccellenza, quello che mi trovate in mano praticamente in ogni foto alcolica. Si perché il vodka lemon è fresco, dissetante, anche sgrassante, non è stucchevole. E poi è uno di quei cocktail da maratoneta, che se la serata si preannuncia lunga, se ben distribuito e centellinato ti mantiene in un costante stato di ebbrezza senza causare troppo malessere. Poi mettici che la mattina non accuso nessun sintomo post sbronza… insomma il mio cocktail perfetto.

Era.

Dico era perché questa cosa che non bevevo né vino né birra la vivevo un po’ come una limitazione. Non tanto per la birra, anche se in effetti è della giusta gradazione quando non si vuole partire direttamente di superalcolici.

Una donna, un cocktail… ma anche no!

Ma il vino! Il vino è socialità, il vino è pasteggio, il vino è storia, mitologia e tradizione, è romanticismo, è seduzione. Non essere in grado di apprezzare un buon vino è stata veramente una mancanza, una lacuna da colmare. E così ho iniziato un percorso di “avvicinamento e abitudine al sapore”. Un po’ come quando vai la prima volta al ristorante cinese e ti sembra che tutto ha lo stesso sapore, mentre dopo un po’ inizi ad apprezzare le diverse pietanze, anzi non ne puoi fare a meno.

Così ho fatto io col vino, obbligandomi ad assaggiarlo e a sorseggiarlo. Ovviamente l’ho fatto per bene, sono andata in enoteca, ho iniziato con dei vini buoni da bere stuzzicando taglieri di salumi e formaggi, ho imparato che se dico che voglio un vino dolce per cena vengo guardata male perchè pensano subito a un passito… E poi di punto in bianco mi si è sbloccato! Come se avessi fatto un upgrade. Si è sbloccato il sapore del vino, e mentre prima facevo facce disgustevoli al solo sentirne l’odore, adesso riesco a bere e ad apprezzare. Anche il vino rosso!! E quello mi faceva venire direttamente la pelle d’oca!!

Insomma sono traguardi importanti.

C’è solo un piccolo problema: se in una sera come quella di sabato, invece dei miei soliti vodka lemon, inizio con la birra per aperitivo, passo al vino per cena, e continuo con vodka lemon e rum liscio… poi non mi devo lamentare se finisco la nottata in bagno con le dita in gola ^^



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Consigli per una vacanza rigenerante

    Siamo tutti pronti per una grande vacanza. Ancora non abbiamo chiuso la valigia e già ci immaginiamo distesi su una spiaggia rovente con dinanzi un mare... Leggere il seguito

    Da  Vivaglisposi
    PER LEI
  • C'era una donna: "estratto12"

    C'era donna: "estratto12"

    Estratto 12 “Giulia vieni giù, c’è il signor Rambaldi dell’appuntamento delle quattro.” “Ma Rebecca, sono le tre!” “E io che ci posso fare? È già arrivato…”... Leggere il seguito

    Da  Pensorosa
    PER LEI
  • Nessuno vuole una ragazza sovrappeso

    Nessuno vuole ragazza sovrappeso

    Cara Simona, ti scrivo con il cuore in mano, perchè nonostante legga il tuo blog da mesi e nonostante tutto quello che so sui disturbi alimentari io ne sono... Leggere il seguito

    Da  Simonasessa
    PER LEI
  • Ore una della notte

    Sono quasi l'una e io sono qui che cerco di rivedere uno dei miei romanzi (devo consegnarlo entro il venticinque), ma dopo un'intera giornata al pc la... Leggere il seguito

    Da  Rossellamartielli
    PER LEI
  • Vi racconto una storia...

    racconto storia...

    Sardo,di Pierluigi MontalbanoEra una notte d’estate e Sardo decise di avvicinarsi al mare e guardare l’orizzonte. Il buio era ovunque, la vegetazione schermava... Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, RACCONTI, STORIA E FILOSOFIA, TALENTI
  • una giornata di ordinaria follia

    Sveglia questa mattina alle 7.30, con un nano febbricitante (che strano!) e una nana con segni evidenti di una notte passata a un rave party (terribilmente... Leggere il seguito

    Da  Goldberry
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Una mattinata complicata

    mattinata complicata

    Stamattina non c’era il sole, non che ora ci sia, anzi è gia buio. La luce sembrava quella alogena di un neon che sta per scaricarsi. Faceva un freddo cane e... Leggere il seguito

    Da  Marlenetrn
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, MUSICA, PER LEI

Magazines