Magazine Cucina

Una giornata alla Ferrero!

Da Spadelliamo @spadelliamoblog
Oggi vi racconto un'avventura, una giornata speciale che ho avuto l'onore di passare insieme ad altre blogger alla Ferrero, si quella della Nutella, dei Rocher, dei Kinder, i Mon Cheri... insomma quella!
Il tutto è successo venerdì 25 gennaio, ma ora ripensando a quella giornata, se mi viene da raccontare a qualcuno dell'esperienza che ho trascorso, non posso non associare la giornata alla famiglia Ferrero, piuttosto che al nome della fabbrica che produce un sacco di cose buone di cui tutti più o meno andiamo ghiotti.
Si perchè si respira un clima talmente familiare che non riesci più a vedere quella scritta gialla lì sopra come un marchio, ma solo come un cognome di un uomo che è stato un genio, che ha creato un impero in una piccola cittadina, un uomo che segue ancora oggi tutti i dettagli, un uomo che coccola i suoi dipendenti.
Una giornata alla Ferrero!
La storia vede l'inizio di questa azienda nel 1942 ad Alba cittadina delle Langhe e del Roero.
In un piccola pasticceria il padre e la mamma di Michele iniziamo a creare la pasta gianduia e il lavoro aumenta a dismisura e si spostano dal centro di Alba alla sede dove si trova oggi, nel 1946.
Da lì inizia ufficialmente l'avventura Ferrero.
Negli anni 50 è il boom della Supercrema, la versione precedente della oggi famosa Nutella e proprio in quegli anni entra nell'azienda Michele Ferrero, l'uomo della famiglia che la trasformerà nella multinazionale che è oggi. Ed è un susseguirsi di successi iniziati molti anni fa con episodi decisivi per l'azienda: il 1964 è l'anno della Nutella, il 1968 Pocket Coffee, nel 1969 Kinder barretta al cioccolato e le Tic Tac...e tanti altri.
Prodotti che hanno fatto la storia di varie e epoche, compresa la nostra.
Ma se volete maggiori dettagli storici potete visitare la pagina dedicata del sito con la storia e avrete tutti i dettagli che vi possono essere utili.
La nostra giornata però è iniziata prima dei numeri dell'azienda, con una visita alla Fondazione Ferrero, il cui motto è "Lavorare, donare, creare". I fondatori sono Piera, Pietro e Giovanni, genitori e zio di Michele nel 1983, oggi invece portata avanti il tutto la moglie Maria Franca. Vi riporto da un pezzo sul sito:
Michele Ferrero ha sempre fortemente voluto che coloro i quali avevano lavorato al suo fianco per la crescita dell’azienda, profondendo risorse materiali e intellettuali, e dimostrando un’adesione e uno spirito di squadra che andava ben oltre il formale rapporto lavorativo, trovassero anche nell’età della pensione l’opportunità di essere persone attive, valide e incisive sulla vita propria e altrui, in una cornice ambientale ed emotiva di sicurezza e solidarietà.
Una giornata alla Ferrero!
Alla Fondazione abbiamo visitato la mostra di Carlo Carrà, che era attiva fino a fine Gennaio.
Quello che mi ha lasciato questa visita, oltre alla bellezza delle opere, è l'intento della famiglia Ferrero di ricreare un posto che possa far vedere cose belle e cultura, ai turisti della loro cittadina e ai dipendenti dell'azienda. Un bellissimo luogo, architettonicamente interessante, luminoso e accogliente.
Siamo poi entrate in azienda, accompagnate dallo staff composto anche da ex dipendenti che ci hanno raccontato vari aneddoti mentre visitavamo la produzione dei fantastici Ferrero Rocher!
Adesso ve lo posso dire... l'assaggio del Rocher in tutte le sue fasi di produzione è stata una libidine, vedere come viene creato, l'attenzione e la meticolosità nella lavorazione spiega perché è un successo incontrastato. Quando le cose, che siano prodotti, marchi o altro sono le migliori, è sempre perché dietro c'è un grosso lavoro e nulla viene lasciato il caso.
Una giornata alla Ferrero!
Un'altra cosa molto carina che racchiude il pensiero del fantastico cioccolatino, è il blog L'ospitalità è d'Oro creato per raccontare e condividere la bellezza di passare dei bei momenti insieme ai nostri amici o famigliari, per raccontarmi come i piccoli gesti fanno più dei grandi budget, come il gesto di un cioccolatino ;)
Io ovviamente sono stata rapita... e ora ogni volta che mordo un Ferrero Rocher non posso non ricordare la storia dell'azienda, l'alluvione del 1994 dove i dipendenti sono usciti di casa per salvare il posto di lavoro, gli "anziani" che ci accompagnano per farci vedere dove hanno passato una vita e quanta riconoscenza hanno nella famiglia Ferrero.
Vi consiglio una visita alla fondazione, un giro per le stradine nel centro di Alba e un cioccolatino per chiudere in bellezza.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cheesecake Ferrero Rocher

    Cheesecake Ferrero Rocher

    Ho chiesto a mia figlia che dolce voleva che le facessi per il suo onomastico (San Francesco) , mi aspettavo chissa' che richiesta...e invece ha voluto un... Leggere il seguito

    Da  Tuttogolosamente
    CUCINA, RICETTE
  • Ferrero rocher

    Ferrero rocher

    RICETTA DI: DANIELA LABRIOLA INGREDIENTI: -100 gr cioccolato a latte -100 gr cioccolato con le nocciole -100 gr cioccolato fondente -150 gr di wafer alle... Leggere il seguito

    Da  Loredanads
    CUCINA, RICETTE
  • Una famiglia perfetta.. e una torta perfetta

    famiglia perfetta.. torta perfetta

    Questo Natale potete regalarvi una serata in compagnia di una famiglia perfetta. Due fratelli si incontrano in una magnifica casa nel cuore dell'Umbria, per... Leggere il seguito

    Da  Nonsolopizzaecinema
    CINEMA, CUCINA
  • Torta Ferrero Rocher =D

    Torta Ferrero Rocher

    Ebbene si ! dovete sapere che un'altra mia passione sono i dolciii *_* per questo oggi ho deciso di darvi la ricetta di una torta mooolto golosa =) è... Leggere il seguito

    Da  Piccolatester
    CUCINA, RICETTE
  • Ferrero rocher

    Ferrero rocher

    350gr di cioccolato fondente 150gr di latte 300gr di nocciole tostate 120gr di wafers alla vaniglia granella di nocciole cioccolato fondente Tritare... Leggere il seguito

    Da  Saporiedissapori
    CUCINA, RICETTE
  • Una domenica con una ricetta speciale

    domenica ricetta speciale

    Si chiama “alla cacciatora” per “nobilitare” preparazioni sprovviste di un nome ben preciso ritenendo degno di “eccellenza” tutto ciò che proveniva dalle mani... Leggere il seguito

    Da  Simoeffe
    CUCINA, CULTURA, LIBRI, RICETTE
  • Una cena, una sera

    cena, sera

    1 Replica Per i bocconcini Stemperare il caprino con poco olio, sale, pepe e erba cipollina e nocciole tritate. Stendere il carpaccio di manzo e porre al... Leggere il seguito

    Da  Bb
    CUCINA, RICETTE

Dossier Paperblog

Magazine