Magazine Famiglia

Una poesia...da grande...

Da Mamma Non Basta
Rovistando, per mettere un pò d'ordine tra le mie cose "passate", ho ritrovato dei diari di molti anni fa. Dovrò decidermi a buttarli via, prima o poi...
E'solo vita vissuta ormai...è tutta in me e fa parte di ciò che sono...e, forse, anche di ciò che sarò.
Dovrò decidermi a buttarli per far spazio ai diari e alla vita dei miei figli...perchè è quella che devo "conservare" e "proteggere"...
In uno di quei diari "da ragazzina", però, ho trovato questa poesia...e, giuro, che rileggerla in questo particolare momento della mia vita, mi ha dato una stranissima emozione...
Per cui...ho deciso di pubblicarla.
Vieni con me a sederti, Lidia, in riva al fiume.Fissiamo calmamente il corso suo e impariamoche la vita passa, e non teniamo le mani intrecciate.(Intrecciamo le mani).
Pensiamo poi, bambini adulti, che la vitapassa e non resta, niente lascia e mai ritorna,va verso un mare remoto, presso il Fato,più degli dèi lontano.
Disgiungiamo le mani, perché non val la pena di stancarci,che godiamo o non godiamo, passiamo come il fiume.E' meglio saper passare silenziosamentee senza grandi inquietudini.
Senza amori, né odii, né passioni che alterano la voce,né invidie che troppo movimento danno agli occhi,né cure, ché se il fiume li avesse correrebbe ugualmentee sempre andrebbe al mare.
Amiamoci tranquillamente, pensando che potremmo,volendo, scambiarci baci e abbracci e carezze,ma che è meglio stare seduti uno accanto all'altrosentendo il fiume che scorre e vedendolo.
Cogliamo fiori, prendili tu e lasciali sul grembo,e che il loro profumo renda soave il momento -questo momento in cui tranquillamente non crediamo in niente,innocenti pagani della decadenza.
Almeno se sarò ombra prima, ti ricorderai poi di meSenza che il mio ricordo ti bruci o ti ferisca o ti commuova,perché mai intrecciammo le mani, né ci baciammo,né fummo altro che bambini.
E se prima di me tu porterai l'obolo al fosco nocchiero,niente dovrò soffrire ricordandomi di te.Mi sarai soave memoria, ricordandoti così - in riva al fiume,pagana triste e con dei fiori in grembo.
                                                   R.Reiss ( alias Fernando Pessoa)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una visita inattesa

    visita inattesa

    Questo fine settimana nonno Bosse e nonna Eivor sono venuti a trovarci e si sono portati gatto Simon. Sia Eleonora che Sofia sono rimaste prima sorprese e poi... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Una bimba a pois

    Tipico. Il giorno in cui tua moglie è via per un paio di giorni per lavoro arriva la telefonata dell'asilo che la bambina, in questo caso Sofia, non sembra star... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Una dolce, lenta vittoria

    dolce, lenta vittoria

    Vincere è facile. È convincere che è difficile. Molto. Un giorno mi hanno raccontato una storia. C'era una volta un uomo probo e vero, che viveva felice e... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Io, una nota stonata nel web

    A volte mi sento veramente come una nota stonata, in questa parte di blogosfera, tutta dedicata alle mamme. Quando ho intitolato il mio blog Mamma non basta... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Due inizi ed una fine (con imprevisto)

    inizi fine (con imprevisto)

    È definitivamemente iniziata la bella stagione e così ho finalmente tirato fuori dal box lo scooter. Scooter vuole anche dire portare Eleonora all'asilo sul... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Una nuova scuola

    Fatta la prima riunione dei genitori alla scuola elementare che Eleonora frequenterà da agosto. Lo scopo era conoscere le maestre ed avere delle prime risposte... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Una nuova espressione

    Sofia ha trovato un modo nuovo di esprimere il proprio disappunto: fa la faccia triste e spinge in fuori il labbro inferiore. Non piange, non dice nulla,... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines