Magazine Talenti

Una sera con Audrey

Da Gabbianoj

Una sera con Audrey

Se il filmato che vedrete ballerà un po’, è perché mentre lo riprendevo ero emozionato.
È passato un po’, da quella sera del 19 novembre, ma per certi versi sono così appropriati questi giorni, per scriverne.
Perché quel balletto elegante mi fa venire in mente in qualche modo anche un ballo di capodanno, un ballo romantico e intimo, quasi da sogno.

Ma di quale balletto stiamo parlando? Di quello intitolato Dedicato ad Audrey: Colazione da Tiffany, che, come potete intuire, ha voluto essere un omaggio a Audrey Hepburn, con una danza sulle note di quella che si può definire la canzone di Colazione da Tiffany: Moon River.
E se ero emozionato è forse anche perché, poco tempo prima, qui, avevo un po’ sognato pensando a quella melodia, abbandonandomi, come qualche volta avviene

;-)
, a sogni romantici.

Il balletto si è tenuto presso l’Ara Pacis, in quell’unica sera del 19, la sera dei “Musei in musica”, arricchendo la mostra Audrey a Roma: esterno giorno, di cui vi avevo parlato.
Essere presenti a quel balletto, in quel luogo già speciale, vedere “Audrey” scendere da quelle scale, be’, si, mi ha emozionato!

Delle foto che ho fatto, credo che quella con cui ho aperto l’articolo colga più di tutte lo spirito del balletto. Ho preferito trasformarla, “anticandola” (anche grazie all’aiuto di una amica più brava di me nel fotoritocco), perché entrare quella sera all’Ara Pacis era come fare un viaggio nel tempo, tornando a quegli anni dalle foto in bianco e nero.

Ma volete forse vedere questo famoso ballo? Eccolo!

Una sera con Audrey

Per l’occasione, ho aperto su Youtube il nuovo canale-gabbiano, dove è stato inserito questo video.

Visto il balletto, ho visitato la mostra, apprendendo una notizia molto interessante, per me! Le sopracciglia di Audrey erano ad ala di… gabbiano!

;-)

Non avevo mai notato quel particolare, e sembra che quell’accorgimento la aiutasse ad addolcire i lineamenti, così come i suoi mitici occhiali da sole grandi e tondeggianti.

Una sera con Audrey

Una foto di Audrey Hepburn a Roma

Osservando le foto di Audrey a spasso per Roma, come per esempio dal fioraio a Piazza di Spagna, si percepiva come fosse rimasta una persona semplice pur essendo già famosa.
Belli i vestiti in mostra, parecchi di Valentino. Sobri ed eleganti, come lei. Quello che mi è piaciuto di più è stato uno molto delicato, color malva, plissettato.
Ma oltre ai meri oggetti, Audrey ci ha lasciato anche un messaggio, un messaggio di generosità, col suo essere ambasciatrice Unicef, organizzazione a cui è stato devoluto parte dell’incasso della mostra.

Mentre giravo tra le foto, mentre curiosavo tra i vestiti, sentivo ogni tanto ripartire Moon River al piano di sopra (il balletto è stato ripetuto più volte), e quell’accompagnamento sonoro, che si andava ad unire a quelle sensazioni visive, infondeva al tutto una magia.

Che il nuovo anno possa essere per tutti voi sereno, come quella serenità che mi è giunta dal sorriso semplice di Audrey.

:-)



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una persona...

    persona...

    Una persona è i libri che ha letto, la pittura che ha visto, la musica ascoltata e dimenticata, le strade percorse. Una persona è la propria infanzia, la sua... Leggere il seguito

    Da  Linda
    POESIE, TALENTI
  • Una tragedia?

    tragedia?

    Non sono un esperto di politica internazionale (per quanto sia molto più interessante di quella di casa nostra), pertanto è forse per questo che non riesco a... Leggere il seguito

    Da  Aquilanonvedente
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI
  • “Audrey a Roma – Esterno giorno”

    “Audrey Roma Esterno giorno”

    Segnalo, specialmente ai lettori romani, la mostra Audrey a Roma – Esterno giorno, aperta fino al prossimo 4 dicembre 2011, presso il Museo dell’Ara Pacis a... Leggere il seguito

    Da  Gabbianoj
    TALENTI
  • Una pagliacciata

    pagliacciata

    Quello che e' accaduro ieri allo stadio di Padova si puo' definire in un solo modo. PAGLIACCIATA Il primo tempo e' stato regolare,noi giochiamo male,e' un... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una Storia.

    -Avete dimenticato la borsa dei giochi!-Sento il rumore dei loro passi che scendono le scale, o forse salgono. No stanno scendendo. Li prenderanno la prossima... Leggere il seguito

    Da  Nicolamondini
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • Una parola

    parola

    Unsasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche che si allargano sullasua superficie, coinvolgendo nel loro moto, a distanze diverse, con diversieffetti... Leggere il seguito

    Da  Sunwand
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una rosa

    rosa

    Con grande orgoglio vi presento il mio ultimo tatuaggio! Non è proprio recentissimo, l'ho fatto quasi un mese fa, è che ha impiegato molto tempo a guarire (in... Leggere il seguito

    Da  Sari81
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Magazine