Magazine Cultura

Una volta

Da Marcofre

Una volta, essere ignoranti era una vergogna, e il fine di un individuo, se e quando ne aveva la possibilità, era di affrancarsi da una simile condizione. Si studiava. Si leggeva. Si tentava con ogni mezzo di abbandonare questo stato per approdare a qualcosa di meglio.

Una volta.

Sembra che le cose siano cambiate a tal punto che l’ignoranza non è considerata tale, ma si cerca solo di acchiappare i privilegi, o meglio certi privilegi, in ogni modo. E i risultati sono concreti e visibili a chiunque.

Come scriveva George Orwell: “L’ignoranza è forza”.

Che cosa è successo non è difficile da comprendere. Certo, la televisione e via discorrendo. Soprattutto, abbiamo scelto.

Non ho mai creduto che la televisione sia l’origine di tutti i mali; è un modo abbastanza raffinato (ma c’è di meglio) per assolverci. Credere che il male sia là fuori, mentre invece alberga in noi, dialoghiamo con lui anche nel sonno, e a volte lo abbracciamo.

Perché è affascinante.

Un individuo sceglie una cosa anziché un’altra perché gli conviene. E la scelta cade su ciò che lo avvicina agli altri, invece di allontanarlo.

Esistono percorsi difficili che si affrontano in solitudine. Senza alcun tornaconto e successo. Lo si fa perché perché richiedono un impegno non comune. Perché piace l’idea di affrontarli.

Oppure perché esistono, e basta. Come lo scalatore che affronta la montagna perché “È lì”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Trovare una lingua interessante

    Come diavolo si riesce a trovare una lingua interessante? Mica semplice. Tutti sono impegnati a scrivere bene. Ma qui ho già affermato una sciocchezza; perché... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Una scoperta chiamata Joseph Conrad

    Di Conrad, credo di avere da qualche parte un suo libro che però non ho mai letto. Lord Jim? È possibile.Qualche mese fa ho approfittato di un’offerta di... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Perché serve una rete di relazioni

    In molti, si stupiscono (ancora?) quando scoprono che una rete di relazioni per essere costruita e funzionante, necessita di tempo. Immaginano (ancora?) che... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Basta una persona

    Non so proprio cosa dire a proposito della mancanza di lettori in questo Paese. Sarò cinico o realista, non so. Ma mentre Michelangelo dipingeva, la gente... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Una bussola per non perdersi

    Cosa rende una storia capace di sedurre il bravo lettore? Quali gli ingredienti in grado di prenderlo al lazzo, e trascinarlo nelle pagine fino... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Una forma di intrattenimento

    Dopotutto, l’arte è una forma di intrattenimento, no? In una intervista, Raymond Carver affermava questo. Niente male. Alla fine l’arte quello è: intrattiene... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Una conversazione con Jón Kalman Stefánsson

    Ho scovato un’intervista allo scrittore islandese Jón Kalman Stefánsson. Purtroppo è in inglese, ma con i sottotitoli in francese. Di lui ho scritto un paio di... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI