Magazine Attualità

Valori non negoziabili

Creato il 24 marzo 2010 da Pierrebarilli
VALORI NON NEGOZIABILI Si sente spesso parlare – soprattutto da parte del clero – di valori non negoziabili. A quanto pare tutti comprendono di che si parla, ma è il caso di chiedersi che significhi “valore”.
Il Devoto-Oli, al punto 4 del lemma, dà del “valore” una definizione che lascia tramortiti e induce a dubitare seriamente che assolutamente tutti capiscano questo, quando il clero parla di valori. Eccola: “Nel linguaggio filosofico, il termine è generalmente contrapposto al ‘fatto’, in quanto questo è indifferente mentre quello ‘importa’ allo spirito umano (il ‘fatto’ è l’essere, il valore è il ‘dover essere’). La misura di tale importanza oscilla fra la sfera oggettiva  (fino a costituirsi come principio assoluto e universale, specialmente nel campo morale (i supremi valori dello spirito; valori umani, civili, ecc.) e quella soggettiva e pratica, specie nella filosofia moderna, dove si tende a concepire tale soggettività non come arbitrio ma come impegno assoluto, che è insieme affermazione di esistenza, contro l’accettazione passiva delle norme (il rovesciamento o capovolgimento dei valori , nella filosofia nietzschiana”. 
Emergendo, ci rivolgiamo ad un dizionario più terra terra (lo Zingarelli) e leggiamo al punto 11: “Ciò che è vero, bello, buono, secondo un giudizio personale più o meno in accordo con quello della società dell’epoca e il giudizio stesso: valori morali, sociali, estetici; rovesciamento dei valori, capovolgimento di tutti i valori | i valori umani, gli ideali a cui aspira l’uomo nella sua vita. | Scala dei valori…” Per semplificare, saldiamo alcune parole delle due definizioni: il valore è “Ciò che è vero, bello, buono, secondo un giudizio personale”; questo giudizio si trasferisce poi nella “sfera oggettiva  (fino a costituirsi come principio assoluto e universale, specialmente nel campo morale)”. Traduzione: ci sono alcuni che pensano qualcosa (sfera soggettiva) e finiscono con l’imporla alla società intera (sfera oggettiva). Ma che siano autorevoli e numerosi non cambia il fatto che il loro è “un giudizio personale”. Se uno dice che le stelle sono fredde dice una sciocchezza; se lo dicono in cento dicono una sciocchezza; se infine sono mille e impongono questa idea alla società, “sfera oggettiva”, quell’affermazione rimane lo stesso una sciocchezza. Questo fatto è talmente evidente che, per rendere i valori “oggettivi”, coloro che vogliono imporli non si richiamano a se stessi, ma ad un’autorità superiore: Dio. Non dicono: “È quello che pensiamo noi”. Dicono: “È ciò che vuole Dio”.  Rimane però il problema di conoscerla, la volontà di Dio. Nessuno può dimenticare che, per avere le Tavole della Legge, Mosè salì sulla vetta del Sinai e fu oscurato da una nube: il suo contatto con Dio rimase nascosto alla folla. Gli ebrei non videro Dio e non udirono la sua voce, ebbero da fare solo con il patriarca che diceva: “Dio mi ha detto questo”. Ma che gliel’avesse detto nessun altro poteva testimoniarlo: bisognava credergli sulla parola.  La situazione non è cambiata: quando il clero e il Papa ci parlano della volontà di Dio, di fatto ci dicono la loro volontà. Affermano che essa corrisponde alla volontà di Dio ma questa corrispondenza dipende sempre dalla loro testimonianza. La nuvola del Sinai non si dirada. Sicché in fin dei conti la loro affermazione suona così: “È così perché ve lo diciamo noi”. Qualcun altro, meno religioso, fa però notare che spesso i valori corrispondono all’interesse della specie, questo sì oggettivo. Per esempio, l’ostilità all’aborto nasce dall’istinto di sopravvivenza della specie. Se, per ipotesi, tutte le donne abortissero, l’umanità si estinguerebbe nel giro di un secolo. Ma questi valori sono sì o no negoziabili?  Negoziabile significa “discutibile”, “che può essere oggetto di contrattazione”, e per l’istinto è sicuramente così. Non solo l’uomo da sempre si vanta molto della sua capacità di dominarlo – e reputa lo stupro un crimine orrendo – ma mentre pensa che i bambini non devono essere maltrattati (sono “la vita” del futuro), reputa che l’aborto nel primo periodo di gravidanza rientri nei diritti soggettivi della donna. Lo stesso per la libertà sessuale, che non è certo ciò che fu nel Seicento, e il discorso potrebbe proseguire per la pena di morte, per la cura del dolore, l’eutanasia, la morte cerebrale, l’ingegneria genetica, ecc. Tutti campi in cui si discute, si riformano le leggi, si negozia eccome. In totale i “valori non negoziabili” non sono affatto oggettivi: sono soltanto i valori che la Chiesa vuole imporre a tutti. Ognuno può anche condividerli, ma riconoscendo da un lato che non sono oggettivi, dall’altro che la società moderna li negozia ogni giorno. Gianni Pardo, [email protected]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I valori

    valori

    “I gay sono malati e deviati, hanno bisogno di aiuto psicologico, dobbiamo scoprire dove sono e identificarli, e se sono clandestini devono venir espulsi. I... Leggere il seguito

    Da  Olineg
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Demolire e non apparire

    Lanciare il sasso e nascondere la mano Fa il santo. Si mostra estraneo ed indignato di quanto scrivono i Giornali di famiglia, quando lanciano offese e strali... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La palude dei valori

    palude valori

    Nel Pdl che non c’è più continuano a volare le bombe a grappolo.“Squadrismo mediatico", “Bocchino in stato confusionale”, "Manganellatori di professione",“Fini... Leggere il seguito

    Da  Gps
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Cota, non Cota, Cota, non Cota…

    La proposta lanciata oggi da Bocchino di allargare la maggioranza all’Udc, a Rutelli e ai moderati del Pd, ha sancito la morte definitiva del terzo goveno... Leggere il seguito

    Da  Simmen
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • “Nessuna intenzione di svilire valori del 25 aprile”

    “Nessuna intenzione svilire valori aprile”

    L´amministrazione, per la ricorrenza del 65° anniversario della Liberazione, ha voluto organizzare, oltre alla doverosa  commemorazione degli italiani partigian... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Qualcosa non quadra!

    Qualcosa quadra!

    (apparso su Caosmo, i diritti sono i suoi)Qualcosa non quadra!Sabato 29 Maggio, in via festa del perdono 7 si terrà una maratona di lettura, organizzata da... Leggere il seguito

    Da  Leonardocaffo
    CULTURA, I NOSTRI AMICI ANIMALI, SCIENZE, SOCIETÀ
  • Napolitano non ha firmato!!!!

    L’Ansa è di qualche ora fà, temevamo avesse già firmato ed invece … Fondazioni liriche, Napolitano non firma il decreto legge Il presidente della Repubblica... Leggere il seguito

    Da  Nenet
    ATTUALITÀ, CULTURA