Magazine Talenti

Vecchia pagina di Mariastella

Da Paride

Mentre ascoltavo il rumore di sassi gettati nel silenzio, la creatura si mosse in un gorgoglio di stelle. Domando a mia madre se le pareti del tempo hanno un senso, le chiedo perdono, ma il coraggio di un sogno uniformato non mi si addice davvero. Sono come un mare perfido perché rinchiuso nei lembi del velluto grigio, di una terra senza luce, che esiste solo nei ricordi di un alieno bambino e, vorrei essere l’altrove, colmare l’abbandono. Prego in silenzio un Dio di convenienza, riposte per il tepore della notte le maschere nel baule delle illusorie e sgargianti fogge. O semplici foghe? Ritrovo sempre qualcosa di vecchio in ogni luogo e in ogni

Mente
Nel sogno
Forse mi segue o sono io a portarmela dietro?

Scopavo in maniera astratta a volte. Mio nonno faceva il vaccaio ma era un conte, mi raccontava della guerra, delle donne e non ho mai capito se gli fregasse qualcosa. Adesso sta in pensione, è vecchio e zoppo, dice “sai Davide niente è peggio delle offese della senescenza” e io davvero vorrei potergli dare ragione. La mia lampadina palpita e mi ricorda un poco quei film noir in cui lo scrittore scrive ignaro, alle spalle l’assassino che sferra il suo colpo e lo lascia a terra a versare sangue, sul bellissimo tappeto persiano così finemente lavorato. Un assassino lo conobbi in un altro tempo: ricordo che divise quei poveri creatori in mostriciattoli erranti, vendicativi, scaltri e senza patria o terra madre. Ho volato su una gola in mezzo a un deserto rosso fuoco danzante e mi sono visto affogare in mezzo all’eternità del nulla. Ho incrociato i miei occhi coi miei e poi ho continuato a incrociare e a incrociare e a incrociare

Altre parti
Dei miei corpi
Si incastravano perfettamente

I continenti
Tornavano
La grande Pangea.

Mi aspetto come si desidera l’odore della pioggia. Ieri mi sono seduto su una roccia e ho immaginato un regno dipinto con gli ultra-colori che non si vedono. Regno in cui non si proferiva parola pena la morte, il suono dei simboli sciocchi dell’uomo avrebbe fatto cadere la volta del cielo di carbonio cristallizzato, avrebbe reso cenere i pascoli, annegato le creature del mare, avrebbe diviso le cellule felici del corpo di Dio. Ma accadde e fu morte. D’improvviso la più bella fra le lame nate per conficcarsi nell’anima, domanda sicura: “cosa

Posso offrirti
Per farti lasciare il paradiso?

La ferita
Di un sogno nato dai ricordi di un altro ricordo vivo?”

Adesso credo che lascerò questo infinito schizzo di parole pericolose al mio regno, al desiderio del nulla, al volere del tempo e alle prigioni delle sue pareti invincibili.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Vecchia Signora

    Vecchia Signora

    Ho 2 o 3 centinaia di nuove foto, anche nuove di Milano oggi. Ho scelto di mettere questa, però, che è uno scatto risalente a quest'estate in una lavanderia a... Leggere il seguito

    Da  Mavironchi
    DIARIO PERSONALE, FOTOGRAFIA, TALENTI
  • Da una collana vecchia una collana nuova

    collana vecchia nuova

    Vi ricordate la matrioska che ho trovato l'altro giorno? Bè non potevo resistere e la sera stessa ho fatto questa collana per farla ho usato un bracciale e una... Leggere il seguito

    Da  Labea
    FAI DA TE, TALENTI
  • La vecchia scuola

    vecchia scuola

    Si legge spesso, sui blog dedicati al GdR, della “Vecchia Scuola”, ovvero di quei giocatori che si sono avvicinati al gioco di ruolo in tempi in cui l’hobby... Leggere il seguito

    Da  Willoworld
    CULTURA
  • sono troppo vecchia per certe cose

    dopo qualche tentennamento alla fine ho deciso di prendere una decisione sull’argomento. sono troppo vecchia per l’aperitivo. niente in contrario né... Leggere il seguito

    Da  Luci
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Ma cos'è Città Vecchia?

    cos'è Città Vecchia?

    Mi rendo conto che un'associazione come Città Vecchia è fuori dagli schemi canonici delle associazioni culturali. E' naturale visti sia il fine dell'associazion... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • se sono vecchia non buttarmi via.....dipingimi !!!

    sono vecchia buttarmi via.....dipingimi

    Qualche tempo fa avevo visto vicino ai bidoni della spazzatura una vecchia bicicletta tipo "graziella", era malridotta ma non abbastanza da meritare di finire... Leggere il seguito

    Da  Sabrina2007
    HOBBY, LIFESTYLE
  • Vecchia bottega: festa della mamma

    Vecchia bottega: festa della mamma

    Per la festa della mamma, approfittate del coupon sconto, per regalare e regalarvi cosmetici eco-biologici certificati, spugne naturali, accessori eco-bio,... Leggere il seguito

    Da  Saracosmesi
    BELLEZZA, PER LEI

Dossier Paperblog

Magazine