Magazine Società

Viva la Vida

Creato il 20 gennaio 2011 da Aronne

 Viva la Vida
 -------------------------------------------------------------
vgRenzo Sicco e Assemblea Teatro fanno nuovamente centro. Lo spettacolo nato dal colpo di fulmine tra Renzo Sicco e il libro di Pino Cacucci “Viva la Vida” ha fatto registrare ieri sera al Teatro Agnelli di Torino il tutto esaurito. Assemblea Teatro non è nuova a questi risultati. Ma va considerato il fatto che ieri sera era un normale mercoledì di Gennaio, con peraltro gli appuntamenti di Coppa Italia in TV. E che nulla, recentemente, ha riportato all’attualità delle cronache la parabola di Frida Khalo.
Pino Cacucci è chiaro. Non voleva riscrivere una biografia sulla pittrice più famosa del Mexico. Ma voleva farla parlare, facendole raccontare, in un centinaio di pagine, quello che per Pino Cacucci sono i tratti essenziali della sua parabola esistenziale. Una biografia mette in fila gli eventi essenziali dell’esistenza di un personaggio. Qui, invece, è Frida, la protagonista, il personaggio stesso in prima persona a svolgere la pellicola della sua esistenza. Con le suoi urla di dolore e di gioia. Con le sue incazzature e i suoi inni alla vita.
Pino Cacucci prima e la brava Anna Bardeloni sul palco poi, si fanno medium. In una sorta di seduta spiritica con la pittrice registrano e ripetono, sofisticati sistemi audio emozionali, quello che Frida ha ancora da dire alla comunità femminile italiana. Oggi messa all’angolo da una cultura dominante vetero fascista. Dove la donna non è comandante ma subordinata, non rivendica ma somatizza, non urla ma geme. Dove la donna non conosce i sospiri, i fiati della passione, dove non vive alcuna epopea rivoluzionaria, nessun frizzante periodo di vivacità intellettuale, di fervente attività politico e culturale di rinnovamento. Ma dove è invece investita da una forza centrifuga che la risucchia nell’agape del più bigotto e truculento festino dove l’uomo mangia, beve, piscia e scopa un universo di schiave svestite.
Renzo Sicco di fronte ad una materia così interessante non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di trasformare un’opera nata di fatto per il teatro in una piece che farà parlare di sé. “Viva la Vida” permette di parlare dell’oggi attraverso l’ugola ancora irriverente, senza censure e rivoluzionaria di Frida, artista, politica, donna simbolo di un intera nazione.
Renzo Sicco con questo spettacolo riesce a coniugare l’ impegno civile alla sua passione e sensibilità verso l’America Latina che è peraltro comune ad altre produzioni di Assemblea Teatro (le madri di playa de Mayo) .
Ecco quindi Annapaola Bardeloni a dare voce e corpo al monologo registrato da Cacucci in “Viva la Vida”. Suggestivo l’accompagnamento di Macarena Paz Pizarro voce che intona dal vivo splendidi pezzi spagnoleggianti. .  v

  



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Viva la Birmania libera

    Viva Birmania libera

    E’ accaduto un miracoloLa Birmania ad una svolta 0.000000 Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Viva l'Italia

    Viva l'Italia

    Ho molto apprezzato l'intervista di Aldo Cazzullo a Che tempo che fa, per presentare il suo libro.Viva l'Italia: l'Italia dei partigiani rossi e neri. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Arsa viva

    Arsa viva

    Sostengo da tempo la tesi per cui molte religioni ed in particolare quella cristiana, non fosse perché è quella che conosco meglio, affondano le radici della... Leggere il seguito

    Da  Mcg
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Viva la libertà

    Viva libertà

    Oscurato il sito Wikileaks.Il provider EveryDNS.net che ospitava il dominio è stato infatti costretto a interrompere il suo servizio perché il sito aveva... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    ATTUALITÀ, INTERNET, SOCIETÀ
  • Viva Guantanamo?

    Forse non è un caso che negli stessi giorno in cui Obama viene messo sotto per la chiusura di Guantanamo (prorogata di un anno), il criminale più ricercato del... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • "Viva la mafia" sotto casa

    "Viva mafia" sotto casa

    Palermo, quartiere Zisa, via Silvio Pellico. “Viva la mafia“, parole dorate che sconcertano. Non è la prima volta che succede in città. Non sarà neanche... Leggere il seguito

    Da  Waltergianno
    SOCIETÀ
  • Viva l’Italia

    Ma quant’è bella l’unità d’Italia se te la racconta Benigni. Premesso che, solitamente, Benigni non mi piace molto, ho trovato che questa sera abbia fatto un... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ

Magazine