Magazine Diario personale

Vorrei – Francesco Guccini

Da Saraconlacca

Vorrei conoscer l’ odore del tuo paese,
camminare di casa nel tuo giardino,
respirare nell’ aria sale e maggese,
gli aromi della tua salvia e del rosmarino.
Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero
parlando con me del tempo e dei giorni andati,
vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero,
come se amici fossimo sempre stati.
Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci
e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri,
le strisce delle lumache nei loro gusci,
capire tutti gli sguardi dietro agli scuri

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei con te da solo sempre viaggiare,
scoprire quello che intorno c’è da scoprire
per raccontarti e poi farmi raccontare
il senso d’ un rabbuiarsi e del tuo gioire;
vorrei tornare nei posti dove son stato,
spiegarti di quanto tutto sia poi diverso
e per farmi da te spiegare cos’è cambiato
e quale sapore nuovo abbia l’ universo.
Vedere di nuovo Istanbul o Barcellona
o il mare di una remota spiaggia cubana
o un greppe dell’ Appennino dove risuona
fra gli alberi un’ usata e semplice tramontana

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei restare per sempre in un posto solo
per ascoltare il suono del tuo parlare
e guardare stupito il lancio, la grazia, il volo
impliciti dentro al semplice tuo camminare
e restare in silenzio al suono della tua voce
o parlare, parlare, parlare, parlarmi addosso
dimenticando il tempo troppo veloce
o nascondere in due sciocchezze che son commosso.
Vorrei cantare il canto delle tue mani,
giocare con te un eterno gioco proibito
che l’ oggi restasse oggi senza domani
o domani potesse tendere all’ infinito

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…


Tagged: canzone, guccini, vorrei

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il romanzo che vorrei

    romanzo vorrei

    Nel romanzo che vorrei scrivere ci saranno le notti calde, in città, quando il sapore di asfalto riempie l’aria immobile e le strade, bagnate dal temporale del... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Gente che vorrei essere

    Gente vorrei essere

    Escludiamo Dalai Lama e Papa, perché sono sempre vestiti uguali e mi viene la noia. Escludiamo gli scrittori queli occhei tipo Palahniuk e Welsh perché per... Leggere il seguito

    Da  Micamichela
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Vorrei esserne libera

    Il suo nome se rigenera se contamina è una corea, una favela, talora è una pulsazione dallo spirito ai piedi ai versi, come una rovina e vorrei che questa... Leggere il seguito

    Da  Met Sambiase
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI
  • nel mulino che vorrei

    Dopo aver passato in macchina i 18 minuti che separano casa mia dal dentista urlando al nulla come un isterico e prendendo fiato ad intervalli regolari di tre... Leggere il seguito

    Da  Scorretoblog
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vorrei conoscere quel preside…

    … per stringergli la mano (clicca qui – se vuoi). Gente che porta a scuola volantini, li distribuisce asserendo di non averli nemmeno letti e noi – trattati com... Leggere il seguito

    Da  Aquilanonvedente
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vorrei incontrare un fantasma

    Vorrei incontrare fantasma

    Fantasma (Photo credit: Wikipedia) No, non pensate che io sia pazza. Vorrei incontrarlo davvero. Per provare l’adrenalina della paura come la provavano gli... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La TV che vorrei

    vorrei

    Rido da ieri per tutto questo parlare del programma di Fazio e Saviano in onda su La sette. Rido perché in tanti, pur giudicandolo pieno zeppo di luoghi... Leggere il seguito

    Da  Bibolotty
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ, TALENTI