Magazine Musica

Witches Of Doom – Obey

Creato il 02 settembre 2014 da Iyezine @iyezine
  • Etichetta: Sliptrick Records
  • Anno: 2014
&appId;&version;

Premessa: quest’album è di una bellezza straordinaria, almeno per chi, con un po’ di musica rock oscura sul groppone ed una mentalità abbastanza aperta per seguire la quarantina d’anni di evoluzione che il metal dalle tinte dark ha regalato a chi è affascinato da queste sonorità.

Obey, primo album dei romani Witches of Doom, raccoglie il meglio del dark, doom, gothic mondiale e attraverso nove brani dal grande appeal, a tratti violentato da pesanti scosse stoner, esplode in una cinquantina di minuti entusiasmanti, passando dal doom settantiano dei Black Sabbath ai maestri del dark ottantiano Sisters Of Mercy e Mission, da Jirki e i The 69 Eyes (quelli appena passati dal rock’n’roll delle origini al capolavoro “Wasting the Dawn”) ai Type 0 Negative del mai troppo compianto Peter Steele.
Band formatasi solo lo scorso anno, ma dotata di personalità da vendere, le “Streghe” ci deliziano di questo vademecum del dark/gothic che risulta vario proprio per la sua ecletticità, passando da brani più orientati al dark (sempre molto potenti), resi ipnotici da un riuscito vortice di suoni creati da una sezione ritmica devastante (Jacopo Cartelli al basso e Andrea Budicin alle pelli) e dal chitarrismo graffiante e dal forte impatto seventies del bravissimo Federico Venditti.
Senza nulla togliere agli ottimi musicisti, a cui si aggiungono le tastiere di Fabio Recchia e Graziano Corrado, entrato in pianta stabile nella band, il vero mattatore del disco è il cantante Danilo Piludu, un po’ Jirki 69, un po’ Jim Morrison, sempre sul pezzo nel dare alle songs la giusta tonalità, teatrale quando il songwriting si fa drammatico, superandosi nella lunghissima title-track posta in chiusura, una lunghissima jam dark/stoner da antologia, vero viaggio “acido” nel mondo degli Witches of Doom.
Non una nota fuori posto in questo debutto, dall’iniziale The Betrayal, con una slide guitars dai rimandi Fields of the Nephilim, devastata da massicci chitarroni stoner, alla gothic’n’roll Witches of Doom, bissata dalla trascinante To the Bone, dalla smiballad Crown of Thorns, improbabile ma efficacissimo mix tra Black Label Society e Sisters of Mercy.
Dance of the Dead Flies e Rotten to the Core sono brani dall’andamento freak cadenzato, devastanti sotto l’aspetto dell’impatto, macigni metallici dove i generi descritti si incontrano in una danza sabbatica che avvolge, come un serpente che scivola sul corpo di una bellissima strega.
It’s My Heart arriva giusto prima della fantastica Obey e, purtroppo, si arriva anche in fondo a questo bellissimo album che, a mio parere, eguaglia l’ultimo lavoro dei grandi Bloody Hammers, forse l’unica band che si avvicina alle streghe romane, anche se lo stoner settantiano prevale nel songwriting del gruppo americano, mentre qui l’alternanza di atmosfere e influenze è l’asso nella manica della band capitolina.
In conclusione, album fantastico.

Tracklist:
1. The Betrayal
2. Witches of Doom
3. To the Bone
4. Neeedless Needle
5. Crown of Thorns
6. Dance of the Dead Flies
7. Rotten to the Core
8. It’s My Heart (Where I Feel the Cold)
9. Obey

Line-up:
Jacopo Cartelli – Bass (2013-present)
Andrea “Budi” Budicin – Drums
Federico “Fed” Venditti – Guitars
Danilo “Groova” Piludu – Vocals
Graziano “Eric” Corrado – Keyboards

WITCHES OF DOOM

Articoli Correlati:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Best of STEFANO CAVANNA

    Best STEFANO CAVANNA

    L’approssimarsi della fine dell’anno come sempre spinge a fare dei consuntivi e, talvolta, si rivela utile per tirare le somme di ciò che è accaduto oltre... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    MUSICA
  • My best of 2014

    best 2014

    Finalmente posso iniziare diversamente questo MY BEST OF THE YEAR, contrariamente agli ultimi anni il 2014 ha regalato (si fa per dire) ottimi dischi e splendid... Leggere il seguito

    Da  Maurozambellini
    CULTURA, MUSICA
  • Recensione - STORY OF JADE

    Recensione STORY JADE

    Loony BinBlack TearsC'è del talento negli Story Of Jade, un talento finissimo, rafforzato da idee ed inventiva. Il tutto viene frullato in un insieme di classe... Leggere il seguito

    Da  Themetalup
    MUSICA
  • Risk of Rain – Recensione

    Risk Rain Recensione

    Recensione del 08/03/2014 PC TESTATO SUPC Genere: Avventura, Azione, Piattaforma Sviluppatore: Chucklefish Produttore: Chucklefish Ltd. Leggere il seguito

    Da  Videogiochi
    GADGET, TECNOLOGIA, VIDEOGIOCHI
  • Taste of Tanzania 26

    Taste Tanzania

    Col collo curvo,aspettando la morte.Grigio avvoltoio. Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Best of oscar 2014

    Best oscar 2014

    Cate Blanchett in Armani Lupita Nyong’o in Prada Jessica Biel in Chanel Portia De Rossi in Naeem Khan Anne Hathaway in Gucci Angelina Jolie in Elie Saab Naomi... Leggere il seguito

    Da  Carmelita Falcone
    MODA E TREND
  • Atlas of urban lighting

    Atlas urban lighting

    Humanlike_Chuck Anderson (2) Triple Bridge Gateway Port Authority Bus Terminal New Lots e Schenk avenue Materiale fotoliuminescente Linnaea Tillett_East New Yor... Leggere il seguito

    Da  Alchimag
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE