Magazine Cinema

World War Z

Creato il 11 luglio 2013 da Sostiene Pereira...
World War ZGli zombi hanno un loro fascino come tante altre creature di fantasia e dell'orrore, immuni per loro fortuna a trasfigurazioni più o meno discutibili in figure romantiche per adolescenti sospiranti (vedi Twilight), queste figure decrepite hanno sempre conservato un'estetica riconoscibile e ripugnante, che in questo film ben poco ha a che vedere con quella cui siamo stati abituati dai tempi di Romero e dalla recente serie televisiva The Walking Dead.Questi zombie forse sono più prossimi a quelli di Danny Boyle e il suo 28 giorni dopo, piuttosto che all'iconografia classica, ma al di là di tutto, di fronte ad un film come questo dove sei pronto ad aspettarti situazioni estreme e convulse, dopo un quadretto familiare apparentemente idilliaco, ma ancor più inverosimile degli zombie che ti aspetti di vedere di lì a poco sulla scena, perché puzza già di fregatura e di sceneggiatura tirata come i capelli fintamente trasandati del bel Brad Pitt, il giudizio non può che essere di piatta delusione.Come in tutti i film scritti per un pubblico che dovrebbe bersi ogni situazione e soluzione che gli venga sottoposta si vengono a creare situazioni involontariamente comiche e battute discutibili come alcuni personaggi messi in campo, che vorresti venissero subito travolti dalla furia devastatrice di questi pseudo-zombi.Peccato, che il libro di partenza di Max Brooks abbia fornito l'occasione per realizzare un prodotto alquanto banale nelle sue scelte narrative, dimostrando un'idiozia di fondo che forse è apparsa talmente palese da non dover ricevere nessun commento indignato da parte di soggetti potenzialmente lesi da un film che ogni tanto scade nell'umanamente ridicolo.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines