Magazine Attualità

Yes we can

Creato il 10 febbraio 2012 da Vpostulato @luballets

Yes we can


Ieri è uscito su Repubblica un articolo che può interessare i (numerosi?) matematici che ci seguono: Obama, ospitando una fiera delle scienze alla Casa Bianca, ha detto che farà ingenti investimenti (80 milioni di dollari) per l'assunzione e la formazione di centomila nuovi professori di matematica e per aumentare gli stipendi a chi già insegna materie scientifiche.
Infatti, secondo Obama "più scienza nel futuro dei giovani è la chiave per avere una marcia in più, aumentare le chance di successo sul mercato del lavoro".
Ai finanziamenti statali si sono anche aggiunti finanziamenti e supporto da parte dei privati (Google è sempre in prima linea per il supporto allo sviluppo della formazione scientifica e tecnologica, come dimostrano i finanziamenti di Google Foundation e Google Science Fair) e il supporto dal mondo accademico.

Sembrerebbe che anche gli Stati Uniti (India e Cina l'avevano già capito da tempo) si siano resi conto che le materie scientifiche sono alla base dello sviluppo di una nazione, speriamo che ieri Obama abbia consigliato qualcosa a riguardo a Monti!

La cosa in Italia ha già avuto un effetto inaspettato: Odifreddi ha scritto un post senza di complimenti e non di critica.

Io invece ho apprezzato molto ciò che ha detto Priya Natarajan, docente di astrofisica a Yale ed editorialista del Washington Post:

[...] La preoccupa il fatto che gli studenti nelle facoltà scientifiche americane arrivano con una discreta preparazione "astratta" di matematica, ma poco allenamento a "risolvere problemi". Dell'istruzione elementare che lei ricevette a Delhi, invece, ricorda che oltre all'algebra fin dall'inizio c'era un costante addestramento ad applicare i concetti matematici a situazioni concrete.

Questo è in linea con il mio pensiero di intendere la didattica della matematica e più in generale la didattica a scuola, che come avevo già detto in un vecchio post è ferma a 100 anni fa mentre tutto il resto corre.

Curiosità: su Repubblica sembra che Priya Natarajan sia un maschio, neanche su Wikipedia riescono a controllare!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Yes, We Can't....e zitti zitti è iniziato il "bailout" degli States

    Yes, Can't....e zitti iniziato "bailout" degli States

    Come da attese sulla testa di Obama è arrivata la ramazzata delle Midterm Elections: i Repubblicani hanno conquistato il Congresso mentre i Democratici si... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Yes, we do!

    Yes,

    Si diffondono evidenti manifestazioni di fragilità sia personali che di massa: comportamenti e atteggiamenti spaesati, indifferenti, cinici, passivamente... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Smoke? yes

    Yesmoke è un’azienda di Settimo Torinese, cintura est di Torino, che produce sigarette con un’approccio innovativo al mercato, al marketing ed alla produzione. Leggere il seguito

    Da  Giorgiofontana
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • yes, we cat

    Seguire un blog tenuto da qualcuno che, anche se sempre un po’ a disagio, lavora in una libreria, mi permette di venire a conoscenza delle migliori chicche... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Yes, Wi kio

    Yes,

    Per il terzo mese consecutivo, sono nella classifica Fumetti di Wikio. Questo naturalmente mina fortemente l’attendibilità di Wikio Ecco comunque, in anteprima... Leggere il seguito

    Da  Atride
    SOCIETÀ
  • Yes, dio can

    Yes,

    Prima che l’impero americano cessi definitivamente d’esistere e prima che l’avvento di una nuova egemonia culturale ci ricordi che siamo tutti uguali e con gli... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Una donna alla presidenza del Consiglio. Yes, We Can!

    Bankitalia dovrebbe trovare il suo degno erede: Saccomanni. Per non far perdere all'opinione pubblica la posta in gioco, mentre il governatore Draghi è stato... Leggere il seguito

    Da  Mirella
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ