Magazine Cinema

009 Re: Cyborg

Creato il 25 aprile 2013 da Drkino

Sul filo del rasoio, Kamiyama firma un'opera rischiosa, che non riesce a porsi positivamente né ai pazienti più giovani, né ai fan malati di “ishinomoria”…

images-6
Era il 1964 quando il mangaka Shotaro Ishinomori ideò la serie shōnen Cyborg 009, dando il via ad una saga fumettistica trentennale, conclusasi con la morte dell'autore stesso. Oggi, con un anno di ritardo rispetto alla versione giapponese, arriva alla XV edizione del Future Film Festival l'ultima opera derivata dal fortunato manga: 009 Re: Cyborg. Siamo nel 2013; una serie infinita di attentati suicidi getta l'umanità nel panico. Apparentemente slegati gli uni dagli altri, gli attacchi terroristici costringeranno gli ex-eroi cibernetici (i protagonisti del manga originale), andati in “pensione” dopo aver riportato la pace nel mondo, a riunirsi per fronteggiare una nuova oscura minaccia.

C'è da dire fin da subito che il soggetto di base del film è un azzardo pericolosissimo; di fatti, l'idea di riassumere, in un'ora e quaranta minuti, gli eventi salienti dell'articolato passato dei protagonisti, lasciando spazio anche per una nuova avventura, non riesce ad accontentare né i fan di vecchia data, né tanto meno il “nuovo pubblico”. Se i secondi troveranno il plot confusionario e poco appassionante, i primi proveranno la noia del “già visto”, causata principalmente dai lunghi dialoghi reminiscenti. Già fin dalla premessa, la scelta del regista Kamiyama di porsi a metà strada tra i due poli, crea dunque caos. Ad aumentare lo sbilanciamento della pellicola, interviene una distinzione netta tra scene dialogate, prolisse e verbose oltre ogni misura di sopportazione, e d'azione, spettacolari e potenziate dall'ottimo implemento del 3D. Bisogna oltremodo far notare come in un film che, per quanto faccia un utilizzo massiccio della CGI, rimane ancora fortemente ancorato all'animazione tradizionale, la stereoscopia sia un'arma a doppio taglio. La profondità di campo e l'incredibile definizione dei paesaggi sono da mozzare il fiato, ma di contro le animazioni dei personaggi risultano gommose, ricordando (spiacevolmente) le serie animate a basso budget destinate alla TV.

images-7

Inoltre, seppur il film abbia un buon climax narrativo nel finale, nel complesso, come già detto, manca di empatia e all'uscita di sala non lascia molto. Nonostante le grandi ambizioni filosofiche e antropologiche, 009 Re Cyborg si mostra più come una caduta di stile, un Metal Gear Solid senza pathos e troppo pretenzioso per quel poco che ha da offrire. I personaggi sono troppi per essere anche solo minimamente approfonditi, e la scarsa brevità della pellicola non fa che aumentare la sensazione di un'occasione sprecata. Probabilmente, con alcuni accorgimenti maggiori sul piano dell'animazione e con una durata maggiore, il lungometraggio sarebbe potuto risultare più completo, annullando l'impressione di un'opera mozzata.

FARMACO ANTI-NOSTALGIA, DESTINATO AI FAN PIÙ AMMALATI

Dr. Hannibal Lecter

Regia: Kenji Kamiyama – Cast: Mamoru Miyano, Chiwa Saito, Daisuke Ono – Nazione: Giappone – Anno: 2012 – Durata: 103'


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Re della terra selvaggia

    della terra selvaggia

    Penultmia recensione per i film nominati agli Oscar, oggi tocca ad una sorpresa a basso badget. Titolo: Re della terra selvaggia Cast: Quvenzhané Wallis,... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Su Re (Film 2012)

    Su Re - Film Drammatico, Italia 2012 del regista Giovanni Columbu con Pietrina Menneas Fiorenzo Matu Paolo Pillonca. Film in uscita al cinema dal 21 marzo . Leggere il seguito

    Da  Intrattenimento
    CINEMA, CULTURA, TELEVISIONE
  • Re della terra selvaggia

    della terra selvaggia

    (Beasts of the Southern Wild) di Benh Zeitlin con Quvenzhané Wallis e Dwight Henry CANDIDATO A 4 PREMI OSCAR Se ti piace guarda anche: Vita di Pi TRAMA Hushpupp... Leggere il seguito

    Da  Persogiadisuo
    CINEMA, CULTURA
  • Re della terra selvaggia

    Benh Zeitlin L'America, terra di spazi sterminati, nella sua vastità ha qualcosa che noi nella stretta e popolata Europa non possediamo: la dimensione dell'Eden. Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • Su Re

    Anno: 2012Nazionalità: ItaliaDurata: 80’Genere: DrammaticoRegia: Giovanni ColumbuDistribuzione: Sacher DistribuzioneUscita: 21/03/2013 Giovanni Columbu, che... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Su Re

    Nuvole nere scorrono sui picchi acuminati delle montagne, a valle, tra i ciottoli e i cespugli bassi, figure avvolte in tuniche nere schiaffeggiate dal vento... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Il Discorso del Re

    Discorso

    Tra i titoli più discussi degli ultimi anni per i suoi apparentemente immeritati premi conferitigli innanzitutto dall'Academy ma anche da tante altre... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA