Magazine Attualità

Addio a Giulio Questi, regista amatissimo da Tarantino

Creato il 03 dicembre 2014 da Retrò Online Magazine @retr_online

È morto Giulio Questi. Oggi, mercoledì 3 dicembre, è mancato uno dei registi più originali del cinema italiano degli anni ‘60 e ‘70, ma anche sceneggiatore, attore e scrittore.

90 anni compiuti lo scorso 18 marzo, lo si è visto per l’ultima volta qualche giorno fa al Torino Film Festival mentre presentava i suoi unici tre film per il grande schermo: Se sei vivo spara (1967), La morte ha fatto l’uovo (1968), Arcana (1972). Dopo il 1972, infatti, Questi si ritirò dal cinema e passò a lavorare per la televisione, ma i lungometraggi che aveva realizzato nell’arco di 5 anni lasciarono il segno.

Se sei vivo spara è sicuramente il suo film più famoso: uno spaghetti-western atipico e violento, commissionato dal produttore Alessandro Iacovoni a Giulio Questi nel periodo d’oro del genere. Al TFF 32 Questi ha raccontato a un pubblico estremamente divertito le peripezie che hanno caratterizzato tanto la realizzazione quanto la distribuzione di questo film. «Innanzitutto, non avevamo [lui e Arcalli] la minima idea da dove cominciare per fare un western. Allora decidemmo di partire con la scena più tipica del genere: l’assalto ad una diligenza carica d’oro. Poi la trama ebbe uno sviluppo un po’ particolare: quindi non aspettatevi i soliti, lunghissimi primi piani o altre cazzate alla Sergio Leone!». Avendo alle spalle un produttore sull’orlo del fallimento, Questi e l’inseparabile amico e sceneggiatore Franco Arcalli partirono alla volta della Spagna per iniziare le riprese. Questi avrebbe voluto girare nella location per eccellenza del genere western, Almería (in Andalusia), set di molti dei film di Sergio Leone. «Ma ovviamente non potevamo permettercelo, avevamo un produttore che rischiava il fallimento da un momento all’altro! Però ci è andata bene, perché alla fine ho trovato un posto perfetto per girare il film, anche meglio di Almería: poco fuori da Madrid stavano denudando delle colline per costruirci non so più cosa, forse un centro commerciale. Sta di fatto che noi siamo arrivati proprio al momento giusto: le colline erano completamente a nudo, senza vegetazione, si vedevano solo le rocce di un bianco abbagliante, ma ancora non avevano iniziato a costruire nulla. Così è nato Se sei vivo spara, per puro caso». Il film uscì nelle sale nel 1967, vietato ai minori di 18 anni a causa di alcune scene estremamente violente per l’epoca. Stando a quanto raccontato da Questi, in una sala cinematografica di Milano due signore particolarmente impressionabili sarebbero svenute durante la proiezione del film: questo fatto avrebbe influito sui pesanti interventi di censura operati sulla pellicola dopo il suo sequestro, avvenuto l’8 marzo del 1967. Il film scomparve poi dalla circolazione per un lungo periodo: tornò nel 1975, reintegrato di alcune scene censurate nel 1967, con il titolo di Oro Hondo. Se sei vivo spara è stato più volte citato da Quentin Tarantino come una delle sue opere preferite: la scena di Kill Bill vol. 2 in cui la Sposa riesce ad uscire dalla bara dove Budd l’aveva sepolta è un chiaro riferimento – nonché omaggio – alla sequenza iniziale del western di Questi, dove si vede Tomas Milian strisciare fuori dalla fossa che si era scavato da solo.

Meno noto, forse anche perché più complesso da seguire e interpretare, è Arcana, l’ultimo film diretto da Giulio Questi, con protagonista Lucia Bosè. Da molti critici è stato definito un horror, ma durante il TFF32 il regista ha espresso ancora una volta il suo scetticismo verso la circoscrizione del suo film in una ben poco flessibile definizione di genere. Questi ha spiegato che la sua volontà era semplicemente quella di raccontare una storia di immigrati meridionali trapiantati dalla realtà del piccolo paese d’origine in una grande metropoli in piena espansione, Milano. In realtà, il film, sin dall’inizio cosparso di fosche tinte edipiche, si sviluppa prendendo una piega sempre più surreale, fino a giungere ai limiti del simbolismo. Dopo averlo visto, si può ben comprendere la ragione per cui sia stato definito il film maledetto della coppia Questi/Arcalli. Maledetto anche perché ebbe una stentata distribuzione in Italia e non approdò mai sul mercato cinematografico estero.

Giulio Questi merita di essere ricordato anche per la prima “attività” della sua vita, quella che ha poi segnato profondamente ogni suo lavoro successivo: la partecipazione alla lotta partigiana. Testimone dell’importanza che ha avuto per lui tale esperienza è l’opera Uomini e comandanti, raccolta di racconti partigiani pubblicata pochi mesi fa per Einaudi. Uomini e comandanti è stato definito come la rinascita della letteratura della e sulla Resistenza, in una forma nuova, limpida e smaliziata, che era propria di Giulio Questi.

Tags:cinema,GiulioQuesti,SergioLeone,Tff,torino,western Next post

Articolo piu recente.

Related Posts

La cronaca di TorinoPiemonteSocietà & Cultura

Natale coi fiocchi a Torino

CalcioIl corriere Sportivo

Serie A: magia di Pirlo al 93′, derby alla Juve

CinemaEventi e PersonaggiLa cronaca di TorinoSocietà & Cultura

Profondo Rosso torna a Torino: Dario Argento presenta il cult del 1975 al TFF

AttualitàCronacaLa cronaca di Torino

Via Roma diventa pedonale


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Porto Cesareo Omicidio coniugi Ferrari, fermato Vincenzo Tarantino

    Porto Cesareo Omicidio coniugi Ferrari, fermato Vincenzo Tarantino

    E’ stato fermato Vincenzo Tarantino, di 51 anni, ritenuto responsabile dell’omicidio di Luigi Ferrari, di 54 anni, e di sua moglie Antonella Parente, 55 anni,... Leggere il seguito

    Da  Yellowflate
    ATTUALITÀ
  • Addio professore!

    Addio professore!

    27 LUGLIO – Nella giornata di ieri, 26 luglio, molti colleghi giuristi, professori, avvocati, ma anche tanti amici e studenti hanno partecipato ai funerali del... Leggere il seguito

    Da  Ilnazionale
    ATTUALITÀ
  • Addio a Robin Williams

    Addio Robin Williams

    L'attore Robin Williams è stato trovato morto nella sua casa di Tiburon, in California. Stando alla prima ricostruzione diffusa dalle agenzie statunitensi, si... Leggere il seguito

    Da  Andrea86
    ATTUALITÀ
  • Addio Robin Williams

    Oggi se n'è andato un grande, un mito per tutte le generazioni, ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere, ogni volta che si vedeva il suo sorriso in un film si... Leggere il seguito

    Da  Hilly89
    ATTUALITÀ, CINEMA
  • Addio a Robin Williams

    Addio Robin Williams

    La notizia è di quelle che sconcerta, oggi è un giorno malinconico e la sensazione è che il mondo sia un po' meno bello. Robin Williams ci lascia sgomenti... Leggere il seguito

    Da  Luz Cris
    ATTUALITÀ, CINEMA
  • Questi magistrati

    Questi magistrati

    Ecco i gufi della CGIL, sono tutti soddisfatti dell'accordo sul jobs act. Se la metà della metà della metà delle energie che la classe politica ha investito... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Un tragico addio!

    tragico addio!

    Tragica notizia, quella di cui oggi sono costretto a scrivere, con cuore rattristato e colmo di ogni amarezza. È morto oggi, vittima di un vile attentato... Leggere il seguito

    Da  Alby87
    CULTURA, SATIRA, SOCIETÀ