Magazine Cultura

"American dust" di R. Brautigan

Creato il 29 agosto 2012 da Bens
I libri a cui sono più affezionata sono quelli letti in viaggio, che non sono necessariamente i migliori che abbia mai letto, ma rimangono quelli a cui voglio più bene. Sono belli e brutti, ma anche zeppi di frammenti di vita intrappolati in foto rubate, sono colorati, alcuni hanno il sapore di una birra belga o di una fetta di torta austriaca, altri hanno rapito l'odore delle spezie e la sabbia del deserto.
Pastorale Americana, oltre ad essere un libro immenso nella sua sbalorditiva perfezione, è anche il mio viaggio in Grecia, dopo aver sfangato la maturità. Il Conte di Montecristo, in realtà, è una dettagliatissima mappa che parte da San Francisco e termina nelle terre infuocate di Tijuana, per tornare su, verso casa.
Non so bene spiegarvi questa cosa, ma probabilmente il motivo sta nel come si legge. Io, ad esempio, leggo per attutire un disagio, ma quando sono in vacanza leggo per il puro piacere di farlo, smette di essere una necessità. Ed è per questo che American dust sarà per sempre legato ad Istanbul. Che poi la cosa veramente buffa è che se American dust è un libro compassato e quasi rassegnato, così Istanbul è feconda e voluttuosa. Sono solo due amanti occasionali, e siete fortunati, perché questo li rende indipendenti e potrete leggere l'uno senza trovarvi nell'altra. Ad Istanbul potrete leggere Pamuk, come la reginetta della banalità che mi sedeva accanto sul tram verso Taksim, e potrete sfogliare comodamente American dust sul vostro divano, dopo aver prenotato un volo per l'Islanda.
Ma vi avverto, questo è un libro che fa male al cuore, non è un dolore lacerante, è più una costante stilettata al petto, come tutti i libri che sbagliano ed espiano. L'espiazione di un errore e la sincronizzazione handicappata che scava nei rimedi e nelle soluzioni. Se i libri potessero parlare e se avessero una sensibilità cognitiva di quello che accade attorno a loro, questo libro prenderebbe per le orecchie quella fighetta asciutta di McEwan, darebbe un calcio a quella mandria di drogati autori beat, per riappropriarsi del suo posto nel mondo, e quel posto nel mondo sono le vostre librerie.
Brautigan non ha molto in comune con la strafottenza dei grandi autori americani, è più il tipo timido e bruttino che alle feste, invece di divertirsi ed infilare, indecente, le mani sotto le gonne, muore lentamente in un angolo.
Ricordatevi di essere buoni con lui, in fondo chiede solo il permesso di essere letto.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La luce morente - George R. R. Martin

    luce morente George Martin

    I ContenutiLa storia di un pianeta che vive la sua ultima stagione di luce prima del buio intergalatticoUn vagabondo, un viaggiatore senza meta, una scoria dell... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • American (R)Evolution

    American (R)Evolution

    In attesa del Guggenheim ad Abu Dhabi, Roma celebra l’avanguardia americana post-bellica attraverso la collezione permanente del Museo di NY e una selezione... Leggere il seguito

    Da  Robertavanali
    ARTE, CULTURA
  • American Horror Story

    American Horror Story

    IDEATORE: Ryan Murphy, Brad Falchuk;TITOLO ORIGINALE: //NAZIONE: USA;GENERE: horror, drammatico;ANNO DI INIZIO: 2011;ANNO DI TERMINE: in produzione;N° SERIE:... Leggere il seguito

    Da  Asgarothmidnight
    CINEMA, CULTURA
  • American Pie – Ancora insieme

    American Ancora insieme

    Quarto capitolo della serie, "American Pie - Ancora insieme" ripresenta pregi e difetti dei suoi predecessori, con il valore aggiunto di poter contare... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • American Pie - Ancora Insieme

    American Ancora Insieme

    Dopo esser rimasto strabiliato dalla spettacolarità di The Avengers ho deciso di dedicarmi per questa nuova recensione ad una commedia molto meno impegnativa ch... Leggere il seguito

    Da  Frenckcinema
    CINEMA, CULTURA
  • American Pie: ancora insieme

    John Hurwitz e Hayden Schlossberg“Quant'è bella giovinezza / che si fugge tuttavia”. Rivedendosi per la riunione della classe del '99, nel gustoso “American Pie... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • Stati Uniti d'Oriente: I Miraggi di Richard Brautigan

    Stati Uniti d'Oriente: Miraggi Richard Brautigan

    Rileggo dopo qualche anno Richard Brautigan (1935 - 1984) , autore del romanzo Pesca alla trota in America (Trout Fishing in America,1967) che a suo tempo mi... Leggere il seguito

    Da  Alessandro Manzetti
    CULTURA

Magazines