Magazine Cinema

Black or White: né bianco né nero – La recensione

Creato il 06 marzo 2015 da Oggialcinemanet @oggialcinema

Il giudizio di Elisabetta Bartucca

Summary:

Da quel Balla coi lupi che gli valse due Oscar – uno come regista e l’altro come produttore – sono passati ventiquattro anni. Tanti per una carriera che lo ha visto ricoprire i ruoli più diversi, non abbastanza però per lasciar sedimentare una questione spinosa come quella dello scontro razziale. Così Kevin Costner torna a parlare di diversità “perché il razzismo in America è tutt’ora un grosso problema” e lo fa ancora una volta con un piccolo film, oggi come allora, se pensiamo che Balla coi lupi costò 16 milioni e ne incassò 500: Black or White di Mike Binder, vecchia conoscenza dai tempi di Litigi d’amore, si inserisce proprio in questa tradizione.

Costner interpreta e produce un film che lo ha commosso sin dalla prima pagina di sceneggiatura, la quinta che Binder gli mandò; la divorò in soli tre giorni al termine dei quali decise che quella storia meritava di essere raccontata, a costo di metterci dei soldi. E così è stato. Insolito vederlo nei panni di un nonno, l’avvocato Elliott Anderson, che affoga nell’alcol il dolore per la perdita delle due figure più importanti della sua vita, figlia e moglie: la prima morta di parto all’età di 17 anni, la seconda in un incidente.

Ora quello che gli rimane è la nipotina birazziale, Eloise, che la nonna paterna Rowena (Octavia Spencer) vorrebbe affidare alle cure del padre, Reggie (André Holland), l’uomo che l’aveva abbandonata subito dopo la morte della madre, a un passo dalla redenzione ma irrimediabilmente tentato dal crack. La battaglia per l’affidamento rispolvera rancori sopiti fino a quel momento e diventa l’occasione per riportare alla luce comportamenti, clichè, luoghi comuni di uno scontro di razze con cui l’America contemporanea non può non fare i conti.

Certo, un film che non brilla per originalità con un impianto narrativo tradizionale, che forse vale più nelle intenzioni che nella fattura; un dramma familiare e sociale, stemperato dallo humour che ne risolleva qui e lì le sorti. L’ironia con cui Octavia Spencer caratterizza il suo personaggio, le battute di una ragazzina (l’esordiente Jillian Estell) che bacchetta il nonno rimettendolo in riga, in un mondo in cui i bambini assumono le movenze degli adulti, la sequela di duetti tra l’alcolizzato e barcollante Elliot e l’audace nonna Wee Wee o il tutore tutto fare Duvan (Mpho Koaho), regalano gli unici guizzi del film, che purtroppo affoga i buoni propositi nella retorica e si rivela prevedibile ad ogni scena.

Magra consolazione il fatto che il film si ispiri ad una storia vera.

Di Elisabetta Bartucca per Oggialcinema.net

Black or White: né bianco né nero – La recensione ultima modifica: 2015-03-06T08:58:45+00:00 da Redazione OAC

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Epitaph

    Epitaph

    Mamma, papà, quanto mi mancate. Da quassù vi vedo sapete? Vi vedo piangere tutto il giorno e anch’io piango per voi. Qui attorno è tutto un mondo nuovo e io... Leggere il seguito

    Da  Theobsidianmirror
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Miami Vice

    Miami Vice

    Regia: Michael MannOrigine: USAAnno: 2006Durata: 131'La trama (con parole mie): Sonny Crockett e Ricardo Tubbs sono due detectives della polizia di Miami... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Snowtown"

    Recensione: "Snowtown"

    presenti piccoli spoileril film è presente anche nella piattaforma MyMovies, se qualcuno vuole posso "inviarglielo" in qualsiasi momentoSi parlava proprio ieri... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Fury – Carri armati e capelli Rockabilly

    Fury Carri armati capelli Rockabilly

    E’ abbastanza noto che l’identità di un attore passa anche dal suo aspetto e da come questo rimanga tale dentro e fuori di un film. Leggere il seguito

    Da  Raystorm
    CINEMA, CULTURA
  • Ciao 'tata

    Ciao 'tata

    Tata. Abbreviazione di patata. Tanto era patato il tuo fratellone Elvis, tanto eri riuscita a farti patata anche tu, amore mio. Non posso credere che non ci... Leggere il seguito

    Da  Theobsidianmirror
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Unfriended

    Unfriended

    Questo film sono andato a vederlo al cinema proprio ieri sera, con due amici, dei quali uno è l’altro amministratore di questo blog, Fabio Buccolini, e ve lo... Leggere il seguito

    Da  Fabio Buccolini
    CINEMA, CULTURA
  • Bellissima vince a Cortinametraggio e al David di Donatello

    Bellissima vince Cortinametraggio David Donatello

    Per il secondo anno consecutivo il corto vincitore a Cortinametraggio si aggiudica il David di Donatello E’ Bellissima di Alessandro Capitani con Giusy LodiLa... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA