Magazine Cultura

Bologna Children's Book Fair

Da Zazienews

Bologna Children's Book Fair
Tutti ci stiamo preparando alla cinquantesima edizione della Bologna Children’s Book Fair e giorno dopo giorno apprendiamo anticipazioni dei programmi, delle feste, delle presentazioni, delle mostre. E’ un anno speciale perché si tratta della cinquantesima edizione. La stampa locale  ha cominciato a preannunciarla e a seguito della prima conferenza stampa sono usciti diversi articoli, uno dei quali è balzato nelle pagine nazionali e riguarda Daniel Pennac al quale sarà conferita una laurea  honoris causa in Pedagogia. Fra le altre notizie ne appare una che necessita di una smentita.  Si legge che la fiera fu opera di Antonio Faeti e delle “studiose” della Giannino Stoppani. Saremmo ben vecchie se così fosse, anzi non saremmo più! In realtà una delle mie prime frequentazioni risale all’anno del venticinquesimo. Di quell’anno ricordo la festa “argentea” a Palazzo Albergati, una bellissima dimora nei dintorni di Bologna dove la Fiera invitò tutti i suoi clienti. E’ molto interessante la storia di questa fiera e penso che sarà istruttivo leggere il frutto della ricerca storica che è stata commissionata. A me piace molto la storia e in particolare mi interessa la parte di storia della Fiera che mi manca, dalla sua nascita fino al momento in cui l’ho potuta scoprire e frequentare. Fa impressione ritornare ad un tempo nel quale in contemporanea con questo evento, fuori in città c’erano i carri armati parcheggiati lungo i portici. C’è una bellissima testimonianza nel libro di una autrice-illustratrice inglese, Shirley Hughes, che racconta di come si dovettero barricare negli alberghi. Era la primavera del 1977, noi eravamo per strada, gli elicotteri sopra la testa e i lacrimogeni in Piazza Maggiore. Shirley, nata nel 1927, aveva proprio quell’anno vinto la Kate Greenaway Medal e la rivincerà 26 anni dopo nel 2003. Io la scoprirò solo sul finire degli anni Ottanta, me ne innamorerò e diventerà l’autrice preferita del mio cucciolo, nato nel 1993. Una straordinaria disegnatrice e una finissima conoscitrice dell’animo infantile. Mi piacevano anche i segni nuovi, i fumetti, il rock, il cinema ed ero molto legata alla cultura vivissima della mia città. La Fiera era lontana da tutto ciò. Fondata nel 1964, frutto di istanze  pedagogiche, culturali ed economiche, nacque come una sorta di Festival  che si teneva a Palazzo del Podestà, ed era poi cresciuta sino a diventare il più importante appuntamento mondiale per il mercato editoriale . In certi anni era stata anche contestata da personaggi come Antonio Faeti, Eugenio Barba, Gianni Rodari, i quali pensavano, forse, che dovesse essere un’occasione anche per i bambini. Lo pensano ancora in molti e da ultimi gli Svedesi che, sempre stando ai giornali, in conferenza stampa si sono chiesti come mai un evento così importante sia precluso ai piccoli. Io ho sempre trovato molta chiusura nell’establishment. All’inizio, quando con spirito collaborativo mi presentai con le tavole di Lorenzo Mattottti sotto braccio per suggerire una mostra del suo Pinocchio (1986), non suscitai interesse. Di lì a poco, nel 1989, invitammo di nuovo l’establishment all’inaugurazione di una memorabile mostra per bambini al Museo Archeologico, inaugurata dal Prof. Giovanni Maria Bertin, il Mestro di Faeti, dedicata al lavoro di Lisbeth Zwerger che venne a Bologna in gennaio e ritornò nello stesso anno a marzo in fiera a prendersi l’Hans Christian Andersen. L’establishment ci guardava con circospezione, e così è sempre stato. Oggi, nel nostro trentennale, la distanza è ancor più marcata. Chissà perché? Noi siamo sempre le stesse, quelle che con fiducia andarono con le tavole di Lorenzo sottobraccio e nel 2000 a proporre Fieri di leggere, una manifestazione rivolta al pubblico dei ragazzi, al quale per molto tempo nessuno aveva più pensato. Ricordo Elena Pasoli alla conferenza stampa della prima edizione di Fieri di leggere. Seduta fra i rappresentanti stranieri in città, Maison Fançaise, Goethe Institute e British Council, da noi invitati a partecipare alla creazione di un nuovo evento, ringraziò per questa bella idea che alla Fiera “non costava nulla” e che risolveva la mai sopita questione di un appuntamento non accessibile ai  bambini. Grazia Gotti che nel 1964 aveva 13 anni

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Book Blogger Hunt!

    Book Blogger Hunt!

    Buongiorno a tutti ^__^oggi siamo qui pronte a parlarvi di un'iniziativa a cui abbiamo deciso di partecipare e di rendere partecipi anche voi...L'iniziativa di... Leggere il seguito

    Da  Arianna E Arimi
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Slow Book

    Slow Book

    Pubblicato da Simona Postiglione Carissimi, oggi presentiamo il tempo di leggere come tempo di vivere perché, come affermava D. Bonhoffer, teologo luterano... Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Interesting book 79

    Interesting book

    Buon inizio settimana a tutti!! come va con la soluzione ai nostri quiz?? Bene ragazzi, oggi è lunedì quindi è il giorno ella rubrica Interesting Book! Ecco... Leggere il seguito

    Da  Bookland
    CULTURA, LIBRI
  • Interesting book 81

    Interesting book

    Buon inizio settimana lettori! ecomi con una nuova puntata di interesting book! Oggi vi presenterò tre libri: un thriller storico che è entrato nella mia... Leggere il seguito

    Da  Bookland
    CULTURA, LIBRI
  • leonardo luccone di oblique su milano book fair

    leonardo luccone oblique milano book fair

    CLICK ON THE PIC cosedalibri ne aveva parlato qui. oblique è qui. Leggere il seguito

    Da  Aa
    CULTURA, LIBRI
  • Milano book fair: la mia esperienza

    Milano book fair: esperienza

    Milano Book Fair 2012 Sabato sono stata alla Milano book fair, la prima fiera del libro di Milano. Se vivete a Milano, probabilmente l’avrete almeno vagamente... Leggere il seguito

    Da  Anjaste
    CULTURA, LIBRI
  • Interesting book 82

    Interesting book

    Benvenuti all'ottantaduesima puntata della nostra rubrica storica interestig book! Oggi vi proporrò tre libri usciti da pochissimo che mi hanno colpita! Leggere il seguito

    Da  Bookland
    CULTURA, LIBRI