Magazine Cucina

Cacao + fichi + arancia = una crostata profumata e golosa!

Da Paneemarmellata
~ ♪ Blame it on me - George Ezra ♪ ~
Come credo molti di voi, amo moltissimo l'aroma intenso e delizioso delle arance e nella stagione fredda, quando ci sono a disposizione questi meravigliosi frutti, li uso tantissimo in cucina, non c'è dolce che esce dal mio forno che non diffonda per tutta la casa l'inebriante profumo di questo fantastico agrume. E spesso alle arance abbino il cioccolato poichè, a mio avviso, questi due ingredienti insieme creano uno dei connubi di sapori più riusciti in assoluto. Nella ricetta di oggi la freschezza dell'arancia si accompagna come sempre divinamente al cacao, che invece crea un contrasto straordinario con la dolcezza della confettura di fichi. Otterrete un dolce sublime, nonostante la sua semplicità.
Crostata al cacao, fichi e arancia
Cacao + fichi + arancia = una crostata profumata e golosa!
Ingredienti per la frolla:
  • 150 g di farina integrale di farro
  • 100 g di fecola
  • 50 g di cacao amaro
  • 100 g di zucchero di canna
  • 90 g d’olio extravergine d'oliva
  • 40 g di succo d'arancia
  • 50 g di acqua o latte vegetale
  • 8 g di lievito chimico per dolci
  • Una bacca di vaniglia
  • Scorza grattugiata di 2 arance
Per completare:
  • Un vasetto di confettura di fichi
  • Un'arancia e mezza
Sbattere lo zucchero con l'olio, i semi di vaniglia (ottenuti incidendo e raschiando la bacca con un coltello), e la scorza grattugiata, aggiungere poco per volta la farina, la fecola, il cacao e il lievito setacciati insieme alternandoli all'acqua/latte e succo d’arancia. Continuare a impastare fino a quando il composto sarà omogeneo. Foderare con la frolla una tortiera di 28 cm di diametro, farcire con la marmellata e disporre sopra le fettine di arancia pelata. Infornare nel forno caldo a 180° per 45 minuti circa. Lo sapevate che il fico...
... è il frutto di una pianta (Ficus carica) dei climi subtropicali temperati? L'epiteto specifico carica fa riferimento alle sue origini che vengono fatte risalire alla Caria, regione dell'Asia Minore. Testimonianze della sua coltivazione si hanno già nelle prime civiltà agricole di Palestina ed Egitto, da cui si diffuse successivamente in tutto il bacino del Mar Mediterraneo. Se per definizione è detto "Fico Mediterraneo", si considera originario e comune delle regioni Caucasiche, e del Mar Nero. Solo dopo la Scoperta dell'America il fico si diffuse in quel continente, in seguito in Sud Africa, per i contatti con l'Oriente fu diffuso in Cina ed in Giappone; infine giunse in Australia.
fonte: Wikipedia 

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog