Magazine Cultura

Certi racconti sono un tiro mancino – Un bilancio

Da Marcofre

Giunto a metà dell’opera (cinque racconti pubblicati, il sesto sulla rampa di lancio), è necessario un bilancio di questa avventura che dovrebbe chiudersi nel giro di qualche settimana.

Il blog innanzitutto, è il luogo dove oltre ai racconti brevi, sono ospitati diversi contenuti. Ma sono le piccole storie ambientate a Savona a dominare; almeno credo e spero.
Se devo provare a osservare con un po’ di distacco, quello che ho prodotto in queste settimane, posso dirmi soddisfatto. Non parlo però dei contenuti, dei racconti brevi che ogni lunedì ho messo online.

Mi riferisco invece al dialogo che si è instaurato con alcuni lettori: incoraggiante, come si dice.
Non stiamo parlando di grandi cifre: in poco più di un mese, è impensabile smuovere le acque. E poi, come credo di avere già scritto, l’obiettivo di certa scrittura è la nicchia, non il mucchio informe, la folla.

Certi racconti sono un tiro mancino, proseguirà, ovviamente. Non sarà “spento”, ma anzi sarà aggiornato con altri contenuti: anche racconti? Credo/spero di sì. Adesso che scorgo la fine, percepisco con maggiore forza la follia che mi sono imposto. Chi me lo ha fatto fare?
Nessuno, si capisce.

Ho pensato di affrontarlo come un gioco, ben sapendo che la parola tutto è, tranne che gioco. Ha una tendenza: spesso e volentieri, morde. Se le dai fiducia, lei alza l’asticella, pretende da te sempre di più. Ne sei consapevole, ma decidi di rischiare.

Per questo, ho scelto di aprire di fretta e furia questo blog, verso la fine del mese di dicembre: impormi una scadenza fissa, un impegno da onorare con perfetti sconosciuti (che forse, sarebbero diventati un po’ conosciuti), e capire se la mia mano era in grado di creare qualcosa.
Diceva Henry James: Quello che possiamo chiedere a una storia, senza paura di apparire presuntuosi, è di essere interessante.
Non sono le sue parole precise, ma il senso era quello.

Quel giudizio, può essere esteso a dei racconti brevi? Immagino di sì, ma qui mi fermo.
Mi piace però pensare di aver mostrato ai lettori, pochi ma non importa, aspetti e volti di persone che esistono eccome. Storie “sociali”? D’impegno civile? Non sta a me dare le risposte: quando si scrive, buona parte di queste sono in mano ai lettori.

Loro distribuiscono consenso, critiche, insuccesso. Non di rado, sbagliano, ma fa parte del gioco. Per me, le storie sono state un modo per formare uno stile, una voce. Che cosa accadrà nei mesi che verranno, è impossibile prevederlo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un re

    Questa me la raccontava la mia nonna, quando stanca delle 10 favole già raccontate, non sapeva più come intrattenermi: C'era una volta un reseduto sul sofàdicev... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Un libro...

    libro...

    Oggi niente recensione (ohhhhh!). Colpa del duro lavoro di editing su testi quali Polvere Eravamo ed Eva che, come potrete ben immaginare, hanno rubato molto... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Un pensiero e un ricordo.

    pensiero ricordo.

    Oggi 16 marzo 2011, mio fratello Totò avrebbe compiuto 70 anni. A Lui va il mio pensiero commosso e il mio ricordo affettuoso nella consapevolezza che la Vita,... Leggere il seguito

    Da  Trinat
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un videogame

    videogame

    In questi tristi giorni dove il fatto che di nuovo cadono le bombe,ovviamente intelligenti,da qualche parte del mondo,e' come e' normale che sia, argomento di... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un booktrailer un po’ speciale

    Avrete notato che ultimamente ci siamo appassionate molto al booktrailer, scrivendone in vari post (e posti) qua e là. Vi avevamo anticipato che ci stavamo anch... Leggere il seguito

    Da  Biblioragazzi
    CULTURA
  • Un bambino

    bambino

    Sono ancora visibili, fino a sabato 30 aprile presso le Officine Minganti di Bologna, le tavole di Sonia Possentini, giovane reggiana, i cui lavori esulano dall... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Un inno

    Poi mi hanno chiesto di cantare "Che sarà" e volevo tornarmene in camera. E invece l'ho cantata e ho pensato un milione di cose. Leggere il seguito

    Da  Fabriziogabrielli
    CULTURA