Magazine Diario personale

Che ne sarà de "ITDA"?

Da Sayuko
Quando ho aperto questo blog ho pensato che sarebbe stato qualcosa di diverso, un mio spazio personale che rispettasse chi sono e cosa mi piace, che non fosse omologabile in una sola categoria, che non avesse etichette preconfezionate.
Ma con più il tempo passa, con più mi rendo conto che quelle che possono essere idee o spunti che mi verrebbero da condividere qui sono già stati sviscerati da mille altri blog, tanto da chiedermi "cosa aggiungo io che non è già stato detto? un'opinione in più? o scadrei nel banale?".
Questi pensieri, ultimamente, mi hanno molto frenata nell'aggiornare questo spazio.
Credo che sia impensabile che, seguendo tantissimi blog, non finisca per esserne un minimo influenzata ma quello che sta capitando è che guardo questa pagina e mi sembra come tutte le altre. Niente di più, niente di meno.
Sarà un periodo un po' "depresso"? Sarà l'inverno e le giornate buie che influiscono sul mio umore?
Non lo so.
Sta di fatto che mi sono detta che non ha più molto senso scrivere qualcosa che non mi convince, quasi avessi una sorta di obbligo nell'aggiornare almeno settimanalmente questo "the' dell'Assurdo" e da qui deriva poi la mia mancanza di argomenti o quei post pieni di foto perchè non riesco a trovare le parole o forse il tempo/voglia per cercarle e preferisco affidare il tutto ad un'immagine. Molto più semplice ed immediato e in un certo senso anche d'effetto.
Il motivo per cui scrivo questo e non me ne sto in silenzio aspettando chissà quale prossima illuminazione è che ormai considero questa pagina non solo un mio spazio, ma un "salotto" anche vostro, di chi passa di qui per caso o di chi mi segue, di chi legge una riga e scappa via e di chi si ferma e arriva alla fine.
Per ciò, in questa mia totale apatia ed indecisione, sento che la cosa più democratica che io possa fare è chiedere a voi cosa vi piacerebbe trovare qui.
Aspettando le vostre risposte, vi auguro buona serata.
Io la passerò alla ricerca di un bracciale di H&M e un correttore da Sephora!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog