Magazine Società

Chi???

Creato il 28 settembre 2011 da Alesan
Chi???Il Fatto Quotidiano ne dà addirittura notizia in prima pagina sul proprio sito. Verrebe da dire che è quindi una notizia che, come lo stesso articolista afferma alla fine del suo pezzo, "certamente farà discutere". Parliamo della decisione di Mario Adinolfi di lasciare il PD. Adinolfi eh! Non, che so io, la Bindi. Marino. Veltroni. No, Adinolfi, uno che quando si presentò alle primarie del PD alla voce professione scriveva blogger, presumo perché faccia innovativo. Molto fico e giovane insomma. Uno di quelli che puntano alla rivalsa dei giovani ma non sa che dopo i 40 non si è più in quella fascia di età della società che riguarda la popolazione giovane. Avere un blog, giocare a poker e farsi aperitivi con gli amici non rende giovani. Ora, io non sono iscritto al PD e dovrei farmi i fatti miei, ma davvero mi sfugge quale sia la notizia. O meglio, finché Adinolfi lo scrive sul proprio blog ok, ma davvero questa cosa farà discutere? E perché? Per le motivazioni che, per altro, chiunque può riconoscere pur rimanendo dentro ad un partito per condividere idee e strade da percorrere cercando di dar forza a mozioni interne che puntino sui giovani, sulle nuove idee, su quello che volete voi. Ripeto: è davvero una notizia? Adinolfi interessa davvero a qualcuno?
Il giornalista del Fatto dimentica infatti nel suo pezzo di mettere molte cose che risultano dalla lettera originale (attualmente è il secondo post) e che, a prescindere dallo scarso interesse che suscita Adinolfi in generale, dovrebbero far riflettere tutti quelli che, magari, gli daranno pure ragione. Il PD, che dovrebbe essere laico, perde un pezzo di quel cattolicesimo che di diritti civili ed individuali proprio non vuol sentire parlare. Lo stesso Adinolfi, che ammira Matteo Renzi e già questo è di per sé discutibile, ammette di essere contrario alle coppie omosessuali e gli sfugge che forse anche per questo non vi siano coppie di fatto, in Italia, nemmeno secondo i dettami della natura (o di Dio, vedete un po' voi). Adinolfi si meraviglia che personaggi di una certa esperienza politica e di una vita navigata tra le istituzioni vogliono continuare a dirigere un partito, quindi ne esce. Si meraviglia? E di cosa? Lo stesso giornalista dimentica di dire che nei commenti al pezzo originale, l'Adinolfi è preso per il culo più o meno da tutti e che quindi chi ha deciso di dare un contributo lo ha fatto per far sapere all'autore che può prendere e andare via anche ieri. Adinolfi non è e non è mai stato propositivo, coinvolgente, interessante, per cui non si capisce tutta questa demagogia nel criticare postumo arrogandosi il diritto di parlare come uno dei maggiori politici del decennio.
Adinolfi, che in televisione lo si ricorda (dio, lo si ricorda magari no...) per interventi insipidi e vuoti, non si capisce bene perché ci renda pubblica questa cosa. Cioè, un bel chissenefrega no? Il suo sperticarsi per convincerci che il PD non deve dare quelle ricette economiche, aderire a scioperi di altre organizzazioni, lottare perché i vecchi perdano i loro diritti per darne di più ai giovani dimostra la semplificazione del pensiero di questo personaggio, che non sa di cosa parla e dimostra di non aver mai capito il percorso di questo partito, trasversale sì ma soprattutto indipendente scelte e strategie dal pensiero cattolico.
Ribaltare poi il polentone dei diritti dei più vecchi è meschino, oltre che controproducente, perché invece di proporre un'estensione degli stessi chiede di limitare quelli già esistenti e per questo, suppongo, ha in antipatia Vendola e la CGIL. Complimenti, roba da grande statista, da democratico, da uomo lungimirante e grande analista del sistema. Peccato non abbia scritto qua e là "ce lo chiede l'Europa", che fa sempre la sua figura. Gli è mancato il guizzo, poteva davvero convincerci di essere uno in gamba. Dopo tre parole, infatti, ci stavo per cascare pure io.
Penso che a forza di perdere pezzi del genere il PD possa arrivare a vincere le elezioni senza nemmeno presentarsi.
Adinolfi, si accomodi.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Di chi stiamo parlando?

    stiamo parlando?

    "Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Chi lo sa?

    Ho promesso di scrivere un post allegro, e per me, ogni promessa è debito, purtroppo! Fatto sta che non so da dove cominciare. Poi mi è venuto in mente questo... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Ceroni, chi era costui?

    L'articolo 1 della nostra costituzione è frutto del lavoro dei membri dell'assemblea Costituente: liberali, comunisti,socialisti, popolari.Andreotti, Scalfaro,... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Chiedi chi era Lukashenko

    Chiedi Lukashenko

    Ho provato due brividi prima, mentre controllavo alcune biografie su Wikipedia e leggevo degli articoli di giornali che conservavo. Leggere il seguito

    Da  Giba1985
    SOCIETÀ
  • Moderato a chi?

    Moderato chi?

    Oramai tutti saprete dall’attacco della Moratti a Pisapia durante il confronto televisivo su Sky. L’attuale sindaco, approfittando del fatto che avesse... Leggere il seguito

    Da  Ippaso
    SOCIETÀ
  • Si Salve chi può

    Salve

    Ieri pomeriggio la processione della Salve è transitata in piazzetta della Lega, proprio mentre si stavano esibendo alcuni gruppi musicali giovanili impegnati... Leggere il seguito

    Da  Lapulceonline
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Chi la fa l’aspetti

    l’aspetti

    La campagna elettorale per le amministrative comunali di Milano è stata sinora una delle meno edificanti del già sconfortante panorama politico italiano. Sono... Leggere il seguito

    Da  Lucamangogna
    SOCIETÀ