Magazine Cultura

Come scrivere in maniera zen

Da Marcofre

In realtà il titolo esatto di questo post dovrebbe essere:

Come scrivere in maniera sobria.

Però a quanto pare la moda di definire tutte le cose semplici, sobrie appunto, con il termine “zen” finisce per contagiare tutti. O quasi.

La sobrietà ha a che fare con l’impegno e l’amore per la parola. Ti rendi conto che è abusata, ce n’è troppa in giro e viene usata per nascondere, invece che per svelare. Il primo passo dovrebbe essere questo: la consapevolezza che stai per imbarcarti in un’avventura che il buonsenso ti sussurrerà essere folle. Ma per i motivi più strani, decidi di persistere.

C’è una sorta di (udite udite) giustizia da ripristinare. E decidi che la tua battaglia sarà quella. Diventa inutile prevedere come finirà, anche se intuisci che la sconfitta sarà probabilmente il destino che ti attende.
Fa nulla.

E in seguito? Prima di continuare, non è detto che chi si batte per la parola, debba scrivere. Qui entrano in gioco così tanti fattori, in buona parte non dipendenti dalla nostra volontà (talento, fortuna), che forse è meglio NON scrivere. Il buon leggere, il buon pensare sono qualità rare, o rarissime, ma apprezzate; e forse possono bastare.

Un altro passo verso una scrittura sobria, è il lettore. No, non bisogna scrivere per far piacere a lui, e nemmeno per proporgli quello che vuole; anche perché di solito non lo sa nemmeno lui.
Quando parlo di lettore penso (sono banale, e me ne scuso), a qualcosa fatto di carne e sangue. E per farsi intendere da costui (o costei), devi proporre qualcosa della stessa natura. Carne e sangue.

Se leggi davvero i grandi autori, ti renderai conto che l’effetto delle loro pagine non è mai qualcosa di soltanto “intellettuale”. Raskolnikov, il protagonista di “Delitto e Castigo” in un certo senso non fa altro che pensare. Combina dell’altro certo, ma nelle pagine del romanzo quello abbiamo. Eppure c’è tutta la carnalità del pensiero, perché il pensiero può essere carne, e pesare come un macigno.

Quando l’autore è bravo, sulla pagina il personaggio emerge, assume spessore, respiro e vita. Carne e sangue appunto. Anche con Carver accade qualcosa del genere, ma la sua capacità è tale che anche un dettaglio della stanza, o la luce, entrano a far parte di questo spettacolo vivo e potente.

C’è dell’altro? Quello che dicono gli scrittori: sudare. Non è nobile, e soprattutto si distacca dall’idea romantica dello scrittore che sospira, e scrive, lo so bene. Non c’è niente da sospirare, ma solo tanto da rileggere, rivedere, revisionare, eliminare. Leggere tanto, e poi esercitarsi, la soprattutto smontare i racconti altrui, leggerli con cura maniacale, aiuta a arrivare all’obiettivo.

Una parola potente e sobria. Capace di muovere, di smuovere. Il resto è bla bla bla.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come scrivere la sinossi

    Come scrivere sinossi

    Posted by IceLady on set 21, 2011 in Blog, Consigli scrittevoli | 0 commentsCapita spesso che, quando vogliamo sottoporre il nostro manoscritto a un editore o... Leggere il seguito

    Da  Ayameazuma
    CULTURA, LIBRI, TALENTI
  • Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Riverbero di idiozia in questa grande nostalgia, appoggiati sui gomiti a rimirar il vuoto. E' facile rimaner attaccati alla zizza della madre, a gustar il... Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • Come usare gli avverbi?

    Gli esordienti sono affascinati dalle parole; e bisogna comprenderli. Spesso è un fascino pericoloso, che ammalia sino a far perdere il lume della ragione (si... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Come scrivere dialoghi efficaci

    Inizio subito con lo scrivere che tanto per cambiare non ci sono regole. Non puoi credere davvero che basti trovarlo scritto da qualche parte, per riprodurlo... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Come si scrive una storia

    Che cosa scrive uno scrittore? Delle storie. Lo riscrivo: delle storie. Certi concetti sono talmente ovvi che finiscono con l’essere del tutto ignorati. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Come un custode geloso...

    Come custode geloso...

    "Questo posto è un mistero. Un santuario. Ogni libro, ogni volume, ha un'anima. L'anima di chi lo ha scritto e di quelli che lo hanno letto e vissuto e sognato. Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI