Magazine Sport

Coppa Davis: partiranno Fognini-Cilic

Creato il 31 gennaio 2013 da Sportduepuntozero

Fognini - Foto Massimo Pinca

Ultimo atto ufficiale pregara, questa mattina alle 12 presso la Sala Rossa del Comune di Torino, in Piazza Palazzo di Città 1. Assente il sindaco Piero Fassino a far gli onori di casa è stato l’assessore allo sport del Comune di Torino, Stefano Gallo: <<Porto i saluti del sindaco che è stato il primo, in piena assonanza con il sottoscritto, a volere questa grande manifestazione a Torino. Città che è stata designata quale capitale europea dello sport nel 2015. Non un caso ma il frutto di anni di esperienza ed investimenti nel settore dello sport e dei grandi eventi. Un doveroso augurio alle squadre presenti di dar vita allo spettacolo che tutti attendiamo>>.
Presenti le massime autorità della Federazione Italiana Tennis, presidente Angelo Binaghi in testa, l’ambasciatore del tennis italiano Nicola Pietrangeli, il presidente della Federazione Internazionale Francesco Ricci Bitti: <<Un aneddoto – ha raccontato – legato all’ultima vittoria della Coppa, da parte della Repubblica Ceca in casa. Al termine sia Tomas Berdych che Radek Stepanek, autori del successo, hanno dichiarato che quello rappresentava il più bel momento della loro vita e carriera agonistica. Questo è ancora oggi il significato della Coppa Davis, che porta il nome del giocatore statunitense che la inventò>>.


Dopo gli interventi spazio al sorteggio. Dalle urne sono usciti i nomi dei primi singolaristi che domani alle 14, al Palavela, apriranno le danze di campo. Saranno per l’Italia Fabio Fognini, assente alla cerimonia del sorteggio a causa di un attacco influenzale dal quale si spera di recuperarlo a breve, e per la Croazia Marin Cilic, numero 1 della sua compagine. Sabato il doppio. Formazioni dichiarate, con la possibilità di cambiarle fino ad un’ora prima del via, Bolelli e Lorenzi (molto probabilmente il secondo doppista sarà Fognini, condizioni fisiche permettendo), Pavic e Metkic, vista l’indisponibilità di Veic per infortunio (anche in questo caso potrebbe trattarsi di pretattica). Domenica gli ultimi due singolari. Apriranno alle 14 Seppi contro Cilic, match già visto pochi giorni fa in Australia con affermazione dell’azzurro al quinto set, e chiuderanno Fognini – Dodig. Dalle urne passaggio alle interviste televisive. Prima è toccato alla squadra azzurra, mentre i croati rispondevano al “fuoco incrociato” delle domande dei colleghi della carta stampata; poi parte invertite, con la Croazia davanti alle telecamere e l’Italia ai taccuini. Il più gettonato è stato Andreas Seppi: <<Sarà una partita difficile, da giocare quindici su quindici. Con Cilic ho vinto a Melbourne e questo certo mi dà fiducia. Avevo però perso i precedenti tre incontri. Sarà fondamentale rispondere bene. Anche quella con Dodig si preannuncia una battaglia. L’ultima sfida, a Metz, l’ho conquistata in tre set. E’ un po’ più aggressivo di Cilic ad inizio gioco e ama maggiormente venire a rete, con il rovescio tagliato. Un giocatore da prendere con le molle. Siamo motivati e vogliamo far bene in casa>>.


In sintonia le dichiarazione di Simone Bolelli. Sei diventato un gran doppista, è questo il tuo futuro?: <<Con Fabio abbiamo trovato intesa e schemi e le due semifinali Slam raggiunte ne sono il risultato. Faremo in stagione ancora doppi insieme, compatibilmente alla programmazione rispettiva in singolare. Rimane questa la mia principale esternazione agonistica. Non mi pongo obiettivi di ranking ma ho iniziato bene l’anno e voglio proseguire sulla stessa strada. Il match con la Croazia è sulla carta un 50 e 50. Dovremo cercare di portarlo subito dalla nostra parte aumentando le nostre possibilità di affermazione finale>>. Le motivazioni ai ragazzi non mancano, come ha confermato il capitano Corrado Barazzutti: <<Il fatto di essere forse un po’ favoriti aumenta ancor di più la voglia di far bene. I ragazzi sono pronti e la possibilità di salire nei quarti del gruppo mondiale è ghiotta. Non dimentichiamo però il valore degli avversari. Cilic è il numero 12 del mondo e si adatta bene a qualsiasi superficie. Dodig è un signor giocatore. Sarà una sfida tutta da vivere e da gustare>>. Appuntamento da domani alle 14, al Palavela e con diretta Supertennis TV. 

Condividi via:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :