Magazine Cultura

Dal libro al film: Molto forte, incredibilmente vicino

Creato il 11 luglio 2012 da Dida

Dal libro al film: Molto forte, incredibilmente vicinoCon estremo e imbarazzante ritardo la scorsa settimana sono finalmente riuscita a vedere Molto forte, incredibilmente vicino il film di Stephen Daldry tratto dall’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer

La recensione sul libro la potete trovare qui: (al minuto 10,30) Perdonate la goffaggine, ma era il mio primo video, ma ora non è che le cose vadano meglio ^_^ Foer è un autore che ho scoperto grazie alle video recensioni su youtube ed è stato amore a “prima lettura”. E’ un autore che apprezzo moltissimo perché ha la capacità di parlare di temi estremamente dolorosi e toccanti in modo delicato, senza scadere nel pietismo e senza angosciare il lettore, ma al contrario riesce a trasmettergli un sentimento di speranza e rinascita. In Molto forte, incredibilmente vicino Foer ha dimostrato ancora una volta le sue doti di narratore. Nel romanzo, infatti, sceglie di parlare di un tema, l’attacco alle Torri Gemelle, che i contemporanei non hanno ancora metabolizzato e non si è impantanato in un tipo di narrazione lacrimevole e angosciosa. Visto l’amore che nutro per quest’autore, quindi, mi aspettavo moltissimo dalla declinazione cinematografica di Molto forte, incredibilmente vicino, visti anche i commenti entusiasti di altri utenti, ma ahimè devo dire che il film mi ha delusa. Nulla da dire sul cast. Ho apprezzato tantissimo sia l’interprete di Oskar, che la Bullock e Tom Hanks, oltre che la fotografia, a mio avviso, magistrale. Quello che non ho apprezzato è stato il messaggio che il regista ha voluto trasmettere al suo pubblico. Il film, a differenza del libro, trasmette due sentimenti: ansia e claustrofobia.A mio parere, infatti, nella trasposizione cinematografica si punta troppo sull’angoscia, sull’ansia e le paure di Oskar, sentimenti che nel libro non appartengono al nostro protagonista.

La bravura di Foer, infatti, sta nel fatto di aver letto un evento liminale e traumatico con gli occhi di un bambino, che alla ricerca del "perché" riesce a trovare un senso in questa storia e avrà la forza di superarlo. Nel libro inoltre Oskar non è  mai maleducato, autolesionista e scontroso, come avviene nel film. Se nel libro ho amato alla follia Oskar: un bambino intelligente, sveglio, socievole e dolcissimo, nel film l’ho odiato e non ho apprezzato la scelta del regista di giustificare la sua vivacità intellettuale con una malattia: la sindrome di Asperger. Di bambini vivaci, intelligenti e curiosi ne è pieno il mondo, perché quindi rendere Oskar diverso? La dolcezza e l’essere bambino di Oskar si vedono in due occasioni, che nel film sono state omesse: le lettere che scrive a scienziati, politici e scrittori e nel rapporto con la nonna. Inserendo questi elementi, quindi, non era necessario bollare la sua intelligenza come sintomo di una malattia. I nonni, ecco un altro tasto dolente, sono stati messi all’interno del film senza uno scopo. Nel libro hanno un ruolo importantissimo e conoscere la loro storia è di fondamentale importanza per capirne il messaggio, ma nel film fanno brevi ed enigmatiche apparizioni. Non ho quindi apprezzato le scelte di chi ha deciso di portare sullo schermo questo libro straordinario. Aver tolto la speranza e tutto il genuino ottimismo di Oskar ha reso Molto forte, incredibilmente vicino un film angoscioso, che gioca sulla facile commozione dettata da un evento storico traumatico e che non ha la capacità di arricchire lo spettatore. Fatemi sapere la vostra.Alla prossimaDiana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cose molto cattive.

    I Monologhi di Sana – RubricaÈ un sapore di cannella e malizia,quello che lentamente tinge le mie ore.I miei occhi languidi mangianocon inavvertita... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA
  • Una top 5 molto natalizia

    molto natalizia

    In questo giorno di vigilia, attendendo il momento in cui si apriranno i pacchetti di rito, ho deciso di rubare (che brutta parola in questo periodo…) l'idea... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CULTURA, LIBRI
  • Un tralcio molto antico

    tralcio molto antico

    Quando si parla di singhiozzo nelle barzellette si pensa agli ubriachi. Ma chi prese la prima, mitica sbronza? Secondo la Bibbia il patriarca Noè, sfuggito al... Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA
  • Un discorso molto attuale

    discorso molto attuale

    "Buona sera, Londra. Prima di tutto vi prego di scusarmi per questa interruzione. Come molti di voi io apprezzo il benessere della routine quotidiana, la... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Molto forte, incredibilmente vicino

    Molto forte, incredibilmente vicino

    Quando si prende per la prima volta in mano un libro, spesso viene voglia di andare all’ultima pagina e sbirciare l’ultima frase, o anche solo l’ultima parola. Leggere il seguito

    Da  Tiziana Zita
    CULTURA
  • Molto forte, incredibilmente vicino

    Molto forte, incredibilmente vicino

    di Stephen Daldrycon Thomas Horn, Tom Hanks, Sandra Bullock, Max von Sydow, Jeffrey Wright, Viola Davis, Paul Klementowicz, Julian Tepper, John Goodman, Zoe... Leggere il seguito

    Da  Bunnymunro
    CINEMA, CULTURA
  • Molto debole, incredibilmente palloso

    Molto debole, incredibilmente palloso

    "Se ingrassi ancora un po', mi fai morire di mal di schiena, altroché 11 settembre..." Molto forte, incredibilmente vicino (USA 2012) Titolo originale:... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA