Magazine Maternità

Di viaggi e di malanni.

Da Mafalda1980 @mafalda1980
Maggio è in iniziato in modo movimentato.
Abbiamo approfittato del ponte per fare un viaggetto in Germania: siamo andati a Legoland.
Che dire, mi sono divertita ed entusiasmata come non mi capitava da tempo.
Anche Elisa ed Ettore si sono divertiti parecchio.
Attila ha apprezzato moltissimo il davanzale dal quale ha potuto ammirare il panorama, con sguardo sognante.
Questa foto gliel'ha fatta la Purulla.
Di viaggi e di malanni.
Il parco è bellissimo (per chi ama il Lego) e ben gestito.
L'unico problema è il clima.
L'Elisa aveva attivato il culetto, come le avevamo chiesto prima del viaggio.
L'attivazione del culetto permette di trovare parcheggio vicino all'entrata nelle ore di punta, di far sì che arrivi quella telefonata, di trovare bel tempo in Germania e così via.
Ha piovuto ininterrottamente venerdì (il giorno del nostro arrivo) e domenica (il giorno della partenza), così come fa sempre da quelle parti.
Sabato, neanche una goccia.
In quei giorni mi faceva molto male la gamba sinistra.
Imputavo il dolore al tentativo maldestro di scendere dal letto a castello che si trovava nella camera del garni.
Invece lunedì sera mi sono accorta che la gamba era gonfissima, il doppio della destra dal ginocchio in giù.
Sono andata alla guardia medica, dove mi ha accolto una dottoressa sui cinquant'anni, molto somigliante alla mia prof di italiano del liceo.
Si è preoccupata per me come fosse una parente, tant'è che l'avrei abbracciata.
Mi ha spedito al pronto soccorso, parlando di sospetta tromboflebite, così ci sono andata di corsa.
Mi ha raggiunto mia mamma che mi ha dato supporto morale durante le lunghe, lunghissime, interminabili e scomode ore di attesa.
Abbiamo fatto people watching, che è sempre formativo, e abbiamo potuto parlare come non accadeva da tanto tempo.
Abbiamo un rapporto strano, mia mamma ed io, fortissimo e complicato dal fatto di essere molto diverse: col mio babbo basta uno sguardo, con mia mamma sono necessarie parole, spesso troppe parole. La capisco molto meglio da quando sono mamma a mia volta (grazie, mamma, anche se so che non mi leggi).
Alla fine non era tromboflebite, è che ho il linfedema congenito (cosa che so da vent'anni) e i lunghi viaggi in auto hanno fatto la loro parte.
Sono stata molto orgogliosa di Elisa, che non è abituata a vedermi uscire la sera ed era un po' preoccupata, avendomi vista andar via di corsa (o meglio, zoppicando).
IlMioAmore ed io siamo riusciti a tranquillizzarla e si è addormentata serenamente col suo papà. non prima di avermi inviato i messaggi amorosi della buonanotte su Whatsapp.
Ogni esperienza, anche quelle più fastidiose, è utile e interessante, e questo credo di averlo già trasmesso alla Purulla.
Quel lunedì sera ho visto tante persone.
Un signore distinto, che si è presentato in pronto soccorso alle 22:45 perché gli faceva male un'unghia.
Un giovanotto cagacazzi che si era ferito tirandosi una racchetta in testa (in certi casi invocherei la selezione naturale, ma è meglio che taccia).
Un fratello e una sorella, più o meno della mia età, dall'aspetto che traeva in inganno, lei in particolare sembrava avercela col mondo intero, poi parlando è venuto fuori un animo buffo.
E infine una signora africana in abito tradizionale, anziana, dagli arti lunghi e magri, accompagnata da due figli grandi che la accudivano con un amore e un rispetto più unici che rari.
Mia mamma e io ci siamo commosse.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • le streghe di salem

    streghe salem

    a me le streghe di salem, sia in versione storica che in versione cinematografica mi sono sempre state simpatiche!ieri anche noi abbiamo girato il pentolone:... Leggere il seguito

    Da  Ilcerchiomagico
    DIARIO PERSONALE, ECOLOGIA E AMBIENTE, FAI DA TE, MATERNITÀ, PER LEI, TALENTI
  • Di futilità ed orgoglio

    futilità orgoglio

    Sissi World Questo blog é pura futilità, me ne rendo conto ogni volta che accade qualcosa di serio attorno a me. Penso anche che se avessi un figlio malato... Leggere il seguito

    Da  Sissimum
    MATERNITÀ, MODA E TREND, PER LEI
  • Carpaccio di Rape Rosse!

    Carpaccio Rape Rosse!

    Se c’è una verdura che era davvero scomparsa da quasi tutte le nostre tavole sono proprio le rape rosse… ed è un vero peccato, perché hanno proprietà... Leggere il seguito

    Da  Lefashionmama
    MATERNITÀ, MODA E TREND, PER LEI
  • Le luminarie di Salerno

    luminarie Salerno

    Questo Natale abbiamo deciso di visitare la città di Salerno famosa per le sue luminarie e non solo. Siamo arrivati di primo pomeriggio, appena il tempo di... Leggere il seguito

    Da  Mammecomeme Capaldo
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Col senno di poi

    senno

    Dev'essere una cosa che succede spontaneamente: intorno al giro di boa dei 40 giorni, si ripensa al parto e ne si rielabora la narrazione (infatti ho letto... Leggere il seguito

    Da  Sfollicolatamente
    MATERNITÀ, PER LEI, RICERCA
  • Primo giorno di scuola

    Primo giorno scuola

    Oggi primo giorno di scuola, siamo arrivati pian pianino in quarta elementare. Qualche giorno fa ho chiesto a Marco se si sentiva pronto ad iniziare questo nuov... Leggere il seguito

    Da  Mammecomeme Capaldo
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Attività di drammatizzazione

    Attività drammatizzazione

    La drammatizzazione nel bambino è un gioco! E’ difatti gioco imitativo, è una simulazione di ruoli, di abitudini, è travestimento, è gioco di mimo arricchito... Leggere il seguito

    Da  Martavi
    MATERNITÀ, PER LEI