Magazine

Dipendenza da videogiochi. E pure io mi sono trasformata in una contadina (virtuale).

Creato il 14 novembre 2013 da Chiamatemi Lucrezia @fabfer31

Dipendenza da videogiochi. E pure io mi sono trasformata in una contadina (virtuale).Ho vissuto un dramma. E ve ne parlo soltanto ora che l’emergenza è finita. Ora che le pecore hanno smesso di produrre lana, le zucche di crescere e il forno di pasticceria di cuocere  torte ai mirtilli. E ve ne parlo per dirvi che, se siete nella mia stessa condizione, se ne esce. Si può fare, basta impegnarsi un pochino.

Perchè…ebbene sì, per quanto abbia sempre e fermamente respinto qualsiasi invito a giocare a Farmaville e altri giochetti del genere…ce so’ rimasta ’ncastrata pure io, e per qualche giorno mi sono trasformata in una contadina! No, è chiaro, non ho fatto alzatacce, nè indossato tuta e scarpacce… (percaritàdeddio), ma vi assicuro che l’impegno era lo stesso. Lo giuro! Davvero!!!
E per questo ringrazio i miei dolcissimi mini-nipotini(“£”$%&/()=£@#!!!), che a forza di scaricare app dal mio Ipad mi hanno trascinata nel bucolico mondo di “Hai Day”.

Per chi non lo sapesse ”Hai Day” è una fattoria virtuale dove, di livello in livello, si ha la possibilità di comprare terreni, ararli e iniziarli alla coltura di cereali o piante, comprare pollai e galline, ovili e pecore, stalle e mucche. E passare poi la giornata a raccogliere uova, lana e latte. O, ancora, a tagliare grano da riutilizzare per la produzione di mangimi per galline, canne da zucchero per produrre zucchero, o indaco da impiegare nel telaio e produrre camicie blu…! Tutta merce da vendere, volendo, sulla “bancarella sulla strada” o comprare dal “giornale di annunci” e guadagnare così denari, da spendere a loro volta per acquistare bestiame e ricominciare così il ciclo di produzione. Un circolo vizioso, insomma. Un tunnel senza uscita. Una droga.

Una droga che – saranno stati i suoni, i colori, o la sfida co’ non so chi – per giorni ha disturbato le mie giornate (e non sto scherzando). D’un tratto le mie proccupazioni non erano più lavorative, sociali o relazionali. Ero in ufficio e mi chiedevo ”Chissà se il latte è pronto”, andavo in palestra mi preoccupavo di sapere se la pancetta si era fatta, se i campi di soia - che impiegava tre ore per crescere - si eran o infoltiti o se il telaio avesse finito di tessere le camicie bianche. Manco me chiamassi Penelope!!!
Per giorni sono andata a caccia di quel chiodino in più che mi consentisse di allargare il granaio - e mettere così da parte più merce - anzichè dell’ultimo paio di scarpe firmate Christian Louboutin. E lo ammetto: ho tentato di scaricarmi l’app pure sul telefonino (ma non avendo l’I-phone non è stato possibile) per seguire il raccolto stando ”comodamente” sul tapis roulant, o imbottigliata nel traffico. E se questa non è pazzia…poco ce manca!

Poi ad un certo punto la situazione si è aggravata. Di molto. E quando, oltre a trascorrere il mio tempo libero con l’Ipad in mano, ho cominciato a leggere le ore con la meridiana, seguire le fasi lunari, e muovermi guardando le stelle, ho capito che dovevo disintossicarmi, o avrei cominciato ad andare in giro vestita come Martufello!

E voi capite…sì?!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Botta e risposta tra Napoli e Roma

    Botta risposta Napoli Roma

    Pubblicato da Vincenzo Tedesco Le due squadre soffrono ma alla fine la spuntano – Si è conclusa ieri sera la 28^ giornata di Serie A con due posticipi che... Leggere il seguito

    Da  Webnewsman
    ATTUALITÀ, DA CLASSIFICARE
  • E' primavera!

    primavera!

    "E' primavera, svegliatevi bambine..." Iniziava cosi' una vecchia canzone degli anni '50 cantata da Narciso Parigi, un fiorentino di razza come l'attuale... Leggere il seguito

    Da  Trinat
    DA CLASSIFICARE
  • E poi?

    “Fermo restando che non risultano a carico dell’assessore Marco Sorbara procedimenti penali in corso, ho comunque manifestato allo stesso tutto il mio disappunt... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • E preferisco questa palla verde e bianca e azzurra

    preferisco questa palla verde bianca azzurra

    Helen YancyE preferisco questa palla verde e bianca e azzurra e brulicante di bene di male di vita che chiamano Terra. È una palla avvelenata, lo so, e a... Leggere il seguito

    Da  Sunwand
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • e se ...

    ... alla parata di domani per festeggiare il compleanno della Repubblica sfilassero, oltre alle forze militari, anche gli operatori degli asili nido e quelli... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Philip Seymour Hoffman in riabilitazione per dipendenza da droga

    Philip Seymour Hoffman riabilitazione dipendenza droga

    LOS ANGELES – L’attore Philip Seymour Hoffman è appena uscito dalla disintossicazione per un problema di droga che gli stava sfuggendo di mano e che voleva... Leggere il seguito

    Da  Ladyblitz
    ATTUALITÀ, GOSSIP
  • Positano e' ....

    Positano ....

    Un mare d' incanto Un pomeriggio da veleggiare in una giornata di sole. Un pomeriggio per dirsi Sì Auguri a babbo Lillotto, Maria e Marco e al piccolo... Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE