Magazine Società

Elezioni a Milano: un ventenne si candida a sindaco

Creato il 30 gennaio 2011 da Oblioilblog @oblioilblog

Clicca qui per vedere il video incorporato.

No, non è uno scherzo è tutto vero, e non è una provocazione, nonostante tutto ciò sia avvenuto sotto l’ala del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo: si chiama Mattia Calise, classe 1990, viene da Segrate e studia Scienze Politiche.

Un candidato sindaco di vent’anni. Ecco la risposta dei grillini alla sfida tra Letizia MorattiGiuliano Pisapia per le prossime Comunali di Milano. Ambiente, trasporti, connettività. Nel segno della “rivoluzione” su Internet e di Beppe Grillo, che di Mattia Calise, questo il nome del giovane portabandiera dice:

Quando parliamo di rivoluzione, parliamo di facce così.

E l’inesperienza?

Andrà seguito, aiutato a crescere, ma la stessa inesperienza è fantastica.

Gli iscritti al Movimento 5 stelle hanno dunque scelto lui come candidato sindaco di Milano e provincia. Eletto il 22 di gennaio attraverso una sorta di primarie, lo studente ha sbaragliato altri otto candidati. “Ma non c’è stata rivalità e non può esserci rancore”, dice Renato Plati, il primo degli esclusi. Battuto da Calise per un solo voto, Plati mette le cose in chiaro: “Si è trattato di scegliere il nostro portavoce – spiega – Il programma è uno solo e sugli obiettivi l’intero movimento è concorde. Siamo tutti con Mattia”.

Ilfattoquotidiano.it ha incontrato Mattia in una delle sedi dell’università degli studi di Milano, come potete vedere nel filmato, dopo un’intera giornata di lezioni. Una folta, riccia chioma e tanto entusiasmo:

Seguo le battaglie di Beppe da quando avevo quattordici anni e oggi dedico all’attivismo buona parte delle mie giornate.

Studio permettendo, si capisce. Ma in casa, per fortuna, lo sostengono. Infatti sembra che la passione per il mattatore del V-Day, secondo Mattia, è di famiglia.

Il programma, per il momento, include quelle che sono da sempre state le battaglie del movimento lanciato da Beppe Grillo: acqua pubblica, rifiuti zero, trasporti sostenibili e connettività alla rete per tutti. Mattia, mostrando il progetto per le piste ciclabili del Comune di Reggio Emilia, spiega che

Le eccellenze le abbiamo anche in Italia. Con i rifiuti un Comune può addirittura guadagnarci, ma per fare questo la politica devo tornare a essere un servizio reso alla cittadinanza.

Mattia si dichiara antiberlusconiano, ma non risparmia critiche all’opposizione. E dell’avvocato Pisapia, vincitore delle primarie del centrosinistra e principale sfidante del sindaco Moratti, fa una riflessione:

Sarà comunque costretto ad assecondare i partiti che lo sosterranno. La logica rimane la stessa. La politica non è forse l’arte del compromesso? In democrazia non servono i compromessi, ma proposte concrete e disinteressate. Sarà il voto dei rappresentanti, in Parlamento come in Consiglio comunale, a decretarne le sorti.

Insomma, niente alleanze nel futuro del Movimento 5 stelle. O meglio, alleanze con nessuno, ma disponibilità a fare rete con tutti:

Chi viene eletto è in realtà il terminale di un’intera rete di persone, associazioni, esperti, professionisti. Tutti interconnessi tra loro , attivamente partecipi della vita pubblica.

È la nuova frontiera della democrazia diretta. Quella che il filosofo Norberto Bobbio bollava come utopia (“Il cittadino totale non può esistere”, scriveva) e che oggi si reinventa grazie a internet e a megafoni mediatici come il blog di Grillo o il cosiddetto partito dei Pirati:

Prendendo esempio dal Piratpartiet svedese – svela Mattia – stiamo lavorando a un software che consentirà all’intero movimento di interagire con me durante le sedute del Consiglio o durante le commissioni. Se viene eletto uno di noi, veniamo eletti tutti.

Raggiunto telefonicamente, Beppe Grillo commenta entusiasta:

È Mattia che si riprende il suo futuro. I cittadini e soprattutto i giovani si riappropriano dello Stato dopo che per anni si è detto loro che non contavano più nulla.

L’obiettivo, anche a Milano, è alla fine di portare a casa un consigliere. La strada è lunga e la campagna elettorale sarà difficile. Ma è ancora Grillo, il padre del movimento, a mettere in chiaro le cose:

Ci vorrà tempo, è vero, ma la gente inizia a capire. Il movimento, si differenzia intanto per il fatto di non attingere ai fondi pubblici. Chi è stato eletto non ha preso i rimborsi. Almeno questa diversità, ce la dovete concedere.

Thanks to IlFattoQuotidiano.it


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Delle elezioni svedesi

    Da quando sono tornata dalla Spagna mi sono impegnata a informarmi sulle elezioni di questo fine-settimana. Lavoro permettendo, ovviamente. In realtà non è stat... Leggere il seguito

    Da  Kata
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Quale bosnia dopo le elezioni?

    Nuove divisioni, incertezze e molte sfidedi Marina SzikoraIl testo è la trascrizione della corrispondenza per lo Speciale di Passaggio a Sud Est andato in onda... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    SOCIETÀ
  • Haiti: uragani, colera ed elezioni

    Haiti: uragani, colera elezioni

    di Fabrizio Lorusso Da qualche settimana a questa parte, l’attenzione dei mass media internazionali è tornata un po’ a intermittenza a concentrarsi su Haiti, a... Leggere il seguito

    Da  Vfabris
    SOCIETÀ
  • Elezioni politiche o governo tecnico?

    Elezioni politiche governo tecnico?

    L’altra volta ho enunciato per la prima volta il “Teorema dell’elettore indeciso”, e la conclusione alla quale sono giunto si può riassumere in questi... Leggere il seguito

    Da  Bruno Corino
    CULTURA, POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Verso le elezioni in primavera

    Per 3 voti la sfiducia al governo Berlusconi è stata respinta alla Camera.314 No alla sfiducia contro 311 SI, 2 astenuti, 2 non hanno partecipato al voto. Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Elezioni in Sudan

    Il reportage di Paolo Rumiz su RepubblicaIl 9 gennaio la parte Sud del Paese, cristiana e animista, voterà per staccarsi dal Nord a maggioranza islamica. Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • Italia prossima fermata, elezioni !

    La sostanziale bocciatura, da parte della Corte Costituzionale, del provvedimento di legge sul cosidetto “legittimo impedimento” è ipotizzabile sarà l’evento, i... Leggere il seguito

    Da  Diarioelettorale
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ