Magazine Lifestyle

From Milano to Parigi .... stilisti Italiani sotto i riflettori

Creato il 28 settembre 2011 da Dg_victims @DG_VICTIMS
Mentre la kermesse della moda lascia Milano per l'inizio della Paris Fashion Week, il Financial Times punta i riflettori su Alessandra Facchinetti, che farà il suo rientro presentando a Parigi il progetto Uniqueness, creato insieme a Pinko. L'idea è quella di proporre vestiti "accessibili", che si possono indossare in ogni occasione e in ogni stagione, e che "saranno disponibili online appena appaiono sulla passerella". Alessandra Facchinetti, che è stata designer per Valentino e per Gucci, ritorna alla moda dopo tre anni con un marchio che il Ft definisce "lontano dalle sue radici di couture e alta moda". Con Uniqueness, scrive il quotidiano britannico, la Facchinetti e Pietro Negra, fondatore di Pinko, "seguono le orme di Jil Sanders e Olivier Theyskens" (Theory), che "in contrasto con le politiche delle grandi case di moda ultimamente hanno avuto successo alleandosi con marchi retail". La collezione di 60 capi che sfilerà a Parigi sarà in vendita sul sito www.uniqueness.it e sul sito multimarca www.thecorner.com. Sarò anche venduto in alcuni grandi magazzini e sui loro siti web. La collezione vuole essere "senza stagione", con tessuti come cotone, poliestere e chiffon. I prezzi si rivolgono a un mercato "medio-alto": le T-shirt partono dai 90 euro, e la maggior parte della collezione va dai 200 ai 500 euro. Il capo più costoso è una giacca di pelliccia finta da 1.200 euro. Il sito di Uniqueness, si legge sul Ft, funzionerà anche da "hub" per uno stile di vita "alla Facchinetti". La stilista scriverà su Twitter e Facebook e si farà aiutare dai lettori a creare l'umore di bordo. Figlia del tastierista dei Pooh e appassionata di musica, Alessandra farà le sue playlist e inviterà i suoi amici DJ ad aggiungere le loro scelte musicali come ispirazione per il suo design. La moda italiana ha fatto faville sulla stampa estera in occasione della Milan Fashion Week e del suo gran finale. Oggi Le Figaro rende omaggio a Giorgio Armani il "maestro". Le Monde dà spazio al duo Dolce & Gabbana, che è alla ribalta anche su ParisMatch grazie al volto di Scarlett Johansson. Libération titola "Missoni, la distinzione". E l'Afp aggiorna i siti del Nouvel Observateur e di Les Echos: a Milano si sono alternati look da "festival rock", stile "epurato", "effetti brillanti". Non manca l'inaugurazione di un museo a Firenze da parte della Casa Gucci per festeggiare i suoi 90 anni. Il Telegraph mette sulla homepage il "finale" di Milano Moda Donna con Armani e Cavalli, la "vecchia guardia" italiana, due stilisti "agli antipodi" per il loro concetto di design. Il Daily Mail mantiene i piedi per terra citando Roberto Cavalli che sottolinea l'incertezza economica con tanto nero nelle sue collezioni dai prezzi certamente non popolari ("Oggi il cielo è molto scuro"). Il Wall Street Journal segnala la svolta avviata per Just Cavalli, che "punta più in alto": la linea "più giovane" è passata da Ittierre a Diesel (filiale di Staff International) con l'obiettivo di spostarsi nel segmento di mercato "designer contemporaneo". "Non vogliamo più che sia considerata una seconda linea, dice Roberto Cavalli, ovviamente la linea manterrà prezzi diversi, ma vogliamo che sia considerata una prima linea, solo mirata a un pubblico diverso". Tra le novità emerse in concomitanza con lo show milanese, il Wsj segnala che la casa Dolce & Gabbana lancerà una linea di alta gioielleria: una collezione a prezzi elevati (20mila dollari per una collana) con largo uso di diamanti, rubini, perle di fiume e oro e argento lavorati a mano.  Segno dei tempi, il lusso vende meglio. Dolce & Gabbana smantellano la linea secondaria D&G e puntano sul mercato d'alto bordo. I gioielli saranno densi di richiami alla tradizione italiana, con abbondanza di richiami religiosi (rosari, crocifissi e medagliette con la Madonna) che – precisa Gabbana - intendono essere un fatto di moda e non un'espressione di devozione religiosa. (fonte: ilsole24ore)

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog