Magazine Società

Guerra, ma con aerei low cost

Creato il 12 gennaio 2012 da Coriintempesta

di: Manlio Dinucci

Guerra, ma con aerei low cost

In soccorso del caccia F-35 scende in campo il generale Leonardo Tricarico, già capo di stato maggiore dell’aeronautica, che con piglio autoritario bacchetta quei politici e giornalisti «avventuratisi su temi militari con i quali hanno poca dimestichezza». Indubbiamente di aerei da guerra Tricarico se ne intende. Dopo aver comandato le forze aeree italiane che bombardarono la Jugoslavia nel 1999, venne scelto dal presidente del consiglio D’Alema quale consigliere militare, carica che mantenne nei successivi governi Amato e Berlusconi. Nel 2006, venne inviato dal governo Prodi al Pentagono per definire la partecipazione dell’Italia al programma dell’F-35, quale partner di secondo livello, in base al memorandum firmato nel 2002 dall’ammiraglio Giampaolo Di Paola, oggi ministro della difesa. Il nostro eventuale abbandono dell’F-35 – avverte Tricarico – toglierebbe «miliardi di lavoro a una settantina di aziende italiane, dai giganti Finmeccanica e Fincantieri, a molte pmi». E all’argomento economico unisce quello politico-militare: dopo aver precisato che l’F-35 non è un «costoso sfizio» ma «uno dei pilastri della Difesa italiana nel XXI secolo», ammonisce che «senza un aereo tattico credibile, domani potremmo essere costretti a chiamarci fuori se un altro dittatore dovesse massacrare il proprio popolo». Chiaro il riferimento alle «guerre umanitarie» di Jugoslavia e di Libia. Mentre il generale va alla carica con tali argomenti, condivisi da un vasto arco politico multipartisan, in parlamento nessuno sa, né vuole, rispondergli. I pochi critici si limitano all’obiezione che l’Italia, in difficoltà economiche, non può permettersi un aereo tanto costoso. Non mettono in discussione il modello economico di cui l’F-35 è uno dei prodotti, né chiariscono che, mentre i contratti per la sua produzione accresceranno i profitti di aziende private, sarà il settore pubblico ad addossarsi le spese: almeno 15 miliardi di euro per l’acquisto degli aerei, più un costo operativo superiore di un terzo rispetto a quello degli attuali caccia.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L'arte della guerra

    Il rifinanziamento alla missione in Afghanistan è stato votato bipartisan: le poche voci discordanti sono state messe in silenzio.Forse l'apertura degli uffici... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Napoli - Tassisti sul piede di guerra (26.07.11)

    Napoli Tassisti piede guerra (26.07.11)

    Click to Play Napoli - Tassisti sul piede di guerra (26.07.11)----------------------------- Questa ed altre notizie le trovi su www.CorrieredelWeb.it -... Leggere il seguito

    Da  Apietrarota
    ATTUALITÀ, INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Una guerra incomprensibile, per fortuna

    guerra incomprensibile, fortuna

    Il termine ‘caso’ è improprio, azzarderei del tutto privo di significato. Va chiarito una volta per tutte che in natura il caso non esiste. Il caos si, ma non i... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Libia: crimini di guerra Nato

    Libia: crimini guerra Nato

    di Marinella Correggia L’intervento militare si basa su una serie di menzogne e omissioni. I media internazionali sono stati i primi ad alimentare la... Leggere il seguito

    Da  Malpaese
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Una lunga guerra lampo

    lunga guerra lampo

    I mesi sono passati, la primavera araba ormai è un periodo storico che non ha più niente a che vedere con le stagioni. Non ha neanche più le caratteristiche di... Leggere il seguito

    Da  Kris
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • La guerra dei pomodori

    guerra pomodori

    La Tomatina di Buñol è la festa più famosa di Valencia in Spagna. Si tratta una vera e propria guerra, un pò particolare se volete, infatti le armi da... Leggere il seguito

    Da  Gps
    SOCIETÀ
  • Crimini di guerra in Jugoslavia

    Crimini guerra Jugoslavia

    Momcilo Perisic, con Slobodan Milosevic, all'epoca in era alcomando dell'esrcito jugoslavo L'ex capo di Stato maggiore delle forze armate jugoslave, Momcilo... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ