Magazine Talenti

I colori della libertà

Da Fishcanfly @marcodecave

 

Quell’angolo di quartiere mai era stato intaccato da alcun desiderio di bizzarria estetica, ma erano chiari i segnali di stanco convivere tra i membri della famiglia Raminghi. Un caldo pomeriggio, con l’afa ben delineata tra i piccoli anfratti del centro storico, la nonna della famiglia, la Signora Berta, affermò che il colore della casa era fuori moda e che doveva essere rinnovato. Il colore doveva essere palesemente il rosa.

Lo annunciò mentre si svolgeva il solito pranzo domenicale, consumato quasi in silenzio dai commensali famigliari, venuti lì per il solito calcolo delle eredità che per sincera passione per la cucina della vecchia arpia. Sebastiano , il genero, sorpreso nel sorseggiare un Cacchione di qualche anno prima, quasi sputò il contenuto in faccia a Roberto, fratello della moglie.

Che cosa stai dicendo? Farfugliò , quasi. Questa casa è orrenda, ma così lo diventerà ancor di più. Il colore dovrà essere un marrone cotto che si intonerà perfettamente con le altre case dei vicini. Interruppe la discussione Claudia, moglie di Sebastiano. Questa casa non si tocca e se si tocca si farà sentendo il parere dei vicini e delle autorità e del potestà, se necessario. Anzi, oggi pomeriggio sentirò anche il prete, forse dio potrà illuminarci di più. Sebastiano ruotò vistosamente gli occhi in segno di disappunto. Si sa che i panni sporchi è meglio lavarli in casa.

Lo stesso pomeriggio l’argomento divenne di pubblico dominio all’interno della cittadina. Si risvegliò il buon gusto di ciascuno, ma si sa che l’arte nasce dalle opinioni e che le opinioni sono mutevoli. L’imbarazzo sull’opinione della vecchia fu totale, le pressioni sui capimastri dell’edilizia divennero troppe. Il prete disse che dio in queste faccende non avrebbe messo piede, però un colore sul mattone spento non sarebbe stato male.

Parole sacre, disse la moglie. Si sa però che gli uomini sono destinati a disobbedire alle autorità, soprattutto a dio. Ecco i nuovi Adamo che si susseguirono, un partito fu finalmente preso. La maggioranza era d’accordo con un cotto, annacquato si disse, che poi non si sapeva bene che fosse, ma era per far dispetto a dio, alla vecchia arpia e lo stesso podestà che aveva accennato ad un rosso spento.

Viva la libertà, si sentì gridare per le vie. La situazione stava sfuggendo di mano, il capomastro dei futuri lavori della casa dei Raminghi era momentaneamente l’autorità riconosciuta. Demiurgo della nuova primavera di quel paesotto.

Il podestà gridò alla pubblica piazza nella domenica della Pasqua di quell’anno Voi siete dei pazzi! Ve l’avevo detto che era meglio rosso spento!

I colori della libertà

I colori della libertà



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ti ho conciato per mangiarti!

    conciato mangiarti!

    Ieri pomeriggio andando in ricognizione nel mio freezer mi sono accorta di avere in giacenza 3 arrosti arrotolati nella retina, muti e rassegnati all’idea di no... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • I bambini un po’ così

    Tu vedi – mettiamo – una finestra con le grate e le tende leggere. Sei in una scuola, ma in una scuola fortunata dove i bambini sono belli tutti un po’ così.... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    CULTURA, TALENTI
  • Rewind the tape-1

    Rewind tape-1

    Quattro mesi di 2015, senza tenere conto che sono già 14 anni di delusioni, (da piccola mi avevano promesso che dopo il 2001 saremmo andati tutti nello spazio,... Leggere il seguito

    Da  Madhouse
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Alcune idee di look per la Primavera

    Alcune idee look Primavera

    Buongiorno amici,finalmente torno a scrivere sul blog dopo una piccola pausa: non mi sono riposata e non ho oziato durante le vacanze di Pasqua, anche se mi... Leggere il seguito

    Da  Lauraz
    CREAZIONI, FAI DA TE, HOBBY, TALENTI
  • Vinci una vacanza per due persone a Ischia con Bottega Verde

    Vinci vacanza persone Ischia Bottega Verde

    Concorso Bottega Verde per  partecipare all'estrazione di un soggiorno di una settimana per due persone a Ischia acquistando un prodotto delle linee... Leggere il seguito

    Da  Maddalena R.
    FAI DA TE, PER LEI, TALENTI
  • Infanzia 4

    Infanzia

    Una delle calette de LA PUNTA DEL CANE, promontorio nei pressi di Fontane Bianche, il mio mare da bambino e adolescente. Luogo di scorribande e gite... Leggere il seguito

    Da  Narcyso
    POESIE, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazine