Magazine Cultura

I lost the will to fight

Creato il 30 ottobre 2010 da Robomana
I lost the will to fightL'altra settimana mi è capitato di rivedere Il grande freddo di Lawrence Kasdan: il classico esempio di film che ha fatto epoca, visto da chiunque a suo tempo e diventato il modello per qualsiasi altra storia su riunoni di amici, sogni del passato e compromessi del presente. Ancora oggi - ora che la gente se l'è dimenticato e le tv non lo passano più - è ancora un film bellissimo, di una lucidità e una finezza impareggiabili. Sono cambiati i tempi a cui applicare il modello della nostalgia, ma l'approccio vitalistico di Kasdan e dei suoi attori pazzeschi (Kline, Close, Berenger, Hurt, Tilly, Goldblum) non ha smarrito di precisione e passionalità. Oggi, insomma (come fece Branagh con gli anni '80 in Gli amici di Peter), il film si potrebbe rifare, di attori altrettanto bravi ce ne sarebbero e al massimo la sceneggiatura la si potrebbe scopiazzare. Quello che si dovrebbe cambiare è invece la colonna sonora, che comprende un sacco di roba da urlo, i Rolling Stones, Aretha Franklyn, Percy Sledge, i Beach Boys, The Band, Marvin Gaye, A Wither Shade of Pale, e che rappresenta in modo immediato il mito dei '60: la si dovrebbe cambiare non solo per motivi cronologici, ma soprattutto per una questione generazionale.
Nel contesto di un racconto che parla di 35enni all'inizio degli anni '80 e quindi universitari quindici anni prima, quella musica rappresenta il portato di tutti i loro sogni, la forza del loro movimento in quanto generazione. Guardando Il grande freddo e ascoltando You Can't Always Get What You Want ti accorgi che quella musica è lì, nel film, non grazie a quelle persone, ma, al contrario, che quelle persone sono lì - e sono lì in quanto generazione - grazie a quella musica.
Il passaggio è fondamentale, perché oggi per fare un amarcord bisognerebbe ambientarlo negli anni '90 o magari già nel presente, visto che la nostalgia è uno dei nostri totem, e si dovrebbero usare il grunge, l'indie, il brit pop, magari pure l'elettronica, vale a dire una musica bellissima, anche migliore di quella celebrata degli anni '60 e '70, ma purtroppo incapace di creare partecipazione, coinvolgimento, non a caso nata come ripiegamento solipsistico e depresso dei loro autori, come fuga dal mondo e riparo di fronte all'incertezza del futuro, tra il buio di fronte agli occhi del Cobain strafatto e meraviglioso, le morti solitarie di Jeff Buckley ed Elliot Smith e l'estraneità aliena di Thom Yorke; tra Eddie Vedder che si rivolge alla società sperando che lei non si senta troppo sola senza di lui e il folle visionario Sufjan Stevens che in The Age of Adz, che dovrebbe essere l'inno di una nuova era, in un passaggio dolentissimo di verità lancinante, canta I lost the will to fight / I wasn't made for life.
Lì c'è tutta la differenza tra la nostra generazione e la loro, noi che generazione non siamo mai stati e che nel grande freddo ci siamo nati.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 03 - I Grandi Personaggi

    Grandi Personaggi

    06 - Frank Sinatra(1915-1998) considerato uno dei più grandi interpreti di tutti i tempi, personaggio importante e carismatico,protagonista della storia di... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • 04 - I Grandi Personaggi

    Grandi Personaggi

    Gli ultimi tre artisti che ho inserito in questa mia personalissima divisione sono Gerorge Gershwin e Irving Berlin due compositori che hanno scritto pagine... Leggere il seguito

    Da  Robertocassandro
    CULTURA, JAZZ / BLUES, MUSICA
  • I love Islam

    love Islam

    P. Finucci Gallo, I love Islam. Cinque ragazze occidentali, single e modaiole, alla scoperta dell’Islam che conquista, Newton Compton Editori, Roma 2010 In line... Leggere il seguito

    Da  Jolandaguardi
    CULTURA, LIBRI
  • I corridoi

    corridoi

    Perdersi nei meandri di un teatro è come entrare in un labirinto senza uscita. Bisogna viverci per poterne conoscere tutti i segreti. Erano ancora in corso molt... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • I vicari

    Quel pomeriggio che mi dovevano esaminare Sulle principali verità della fede Superata ogni prova preliminare Ero vicino al giudizio più alto Ti interrogherà –... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I Menestrelli colpiscono ancora…

    Menestrelli colpiscono ancora…

    ... e presenteranno la nuova rivista letteraria Arabica Fenice venerdì 16 luglio 2010 alle ore 19.00 presso il locale Blues Café in via Grandi 18 a Novara. Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA, EVENTI
  • I mattini passano chiari

    mattini passano chiari

    I mattini passano chiari e deserti. Così i tuoi occhi s'aprivano un tempo. Il mattino trascorreva lento, era un gorgo d'immobile luce. Taceva. Tu viva tacevi; l... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    CULTURA, POESIE