Magazine Per Lei

I migliori anni della loro e nostra vita.

Creato il 30 novembre 2012 da Handmadeinvaders @handvaders
Vi avverto: è un post leggermente nostalgico. Ma Liana vi ha già un po' abituati, mi ha spianato la strada. Quindi, pronti? Via!
Ieri mattina, mentre andavo ad un appuntamento, ascoltavo la radio in macchina, come al solito. Non so stare senza musica quando guido. La amo da sempre e ascoltarla durante un viaggio in auto, lungo o breve che sia, mi regala rari momenti in compagnia dei miei pensieri in totale libertà.
Dopo molti anni di fedeltà assoluta, sono passata da Radio Deejay a Virgin Radio. Ho bisogno di meno parole e più buona musica, ecco il motivo del tradimento: su Virgin infatti passa solo rock e anche molto rock d'annata. Va da sè che il mio lato nostalgico venga continuamente sollecitato e solleticato.

I migliori anni della loro e nostra vita.

(Foto da web)

Ieri mattina, dicevo, uno dei primi pezzi che sono passati è stato Dancing with myself di Billy Idol.
Ed ecco che in un attimo mi sono ritrovata ai tempi del liceo.
Mi sono ricordata di lui, di quel biondino cattivello, del poster che avevo in camera e di tutto il mio mondo musicale di quegli anni. Credo che un sorriso ebete mi si sia stampato in faccia a ripensare a tutte le volte che ho ballato su quelle note al mitico Vinile di Rosà, vicino a Bassano. Tutti vestiti di nero, si condivideva una macchina e via: tutti a ballare con i Cure, i Joy Division, i Soft Cell, Siouxsie, gli Smiths, i Bauhaus... che begli anni, quando tutto doveva ancora cominciare e tutto sembrava possibile.
Vedere oggi Billy Idol mi mette un po' di tristezza. Così come anche vedere Robert Smith, ingrassato, imbolsito... loro erano i miei idoli, i miei riferimenti anche per il loro aspetto, così trasgressivo allora. Mi fa tristezza soprattutto perché vederli invecchiati mi dà la dimensione di quanto tempo sia passato e di come sia passato in fretta. E capisco lo stato d'animo di mia madre quando, uno dopo l'altro, vengono a mancare i miti dei suoi anni migliori: Brando, Newman, Mastroianni... si perdono pezzi di vita e di gioventù.

I migliori anni della loro e nostra vita.

Rolling Stones: Nonnetti un cazzo!!! (Foto da web)

Il rovescio della medaglia però è che il rock (e la bella musica in generale) mantiene giovani, almeno dentro. Quanti artisti degli anni '80 infatti, proprio come i già citati Cure, ancora oggi riempiono gli stadi? E per andare più indietro ad altri mostri sacri, parliamo dei Rolling Stones, dei Deep Purple, di Bruce Springsteen, di Iggy Pop... Dopo più di 40 anni sulle scene sembra abbiano ancora tantissimo da dare! Nonnetti un cazzo, insomma! ^___^
Ed anche se io non suono, quando vado a vedere un concerto sono una teen ager di 47 anni. Magari non pogo più e sotto il palco non sempre ci vado, ma la musica live - ooooooooh! - è una delle cose per cui vale la pena vivere! E i nostri anni migliori sono dentro di noi anche oggi, se li sappiamo tenere vivi!
Long live rock 'n' roll!

‪Deep Purple - Smoke on the water (Live at Montreux 2006‬)
Questo post voglio dedicarlo a un po' di persone:
  • mio padre, che mi ha regalato l'amore per la musica;
  • le mie sorelle, da sempre compagne di scorribande musicali e non;
  • mia mamma, che ha sempre sopportato ore di musica new wave a palla e alla fine l'ha amata anche lei (e la ascolta tutt'ora alla tenera età di 77 anni);
  • mio marito Adriano, da sempre mio "pusher" di ottima musica e compagno di concerti;
  • il mio amico Max, che vivrebbe ancora negli anni '70, per sempre;
  • i miei amici Marco e Sandrino, grazie ai quali ho visto taaaaanti concerti gratis;
  • la mia amica Schultz, autista di tante serate al Vinile e amica di una vita intera;
  • la mia amica Ilaria, anche lei amante della buona musica e anche lei amica di una vita;
  • la mia amica Mara metallara che sta allevando la sua piccola Lisa a latte e rock;
  • le mie nuove amiche Natalia e Claudia che non si perderebbero mai un concerto. 

I migliori anni della loro e nostra vita.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I love Santorini - preview

    love Santorini preview

    Siamo tornati. Finisco di far lavatrici, vado a farmi dare qualcosa per l'esplosione di brufoli che mi sono portata a casa come ricordo, magari faccio anche... Leggere il seguito

    Da  Bri
    PER LEI, TALENTI
  • I Decalage.

    Sono giornate calde, caldissime, inerti e piuttosto statiche. Dopo esserci abituati a camminare in vacanza, e tanto, ora siamo di nuovo rinchiusi in casa,... Leggere il seguito

    Da  Mafalda1980
    MATERNITÀ, PER LEI
  • “Bamboccioni”…più i figli o i genitori?

    Oggi vorrei condividere con voi un caso che ho trattato in studio qualche tempo fa e che può indurci a riflettere sulla responsabilità che come genitori... Leggere il seguito

    Da  Psytornello
    BAMBINI, MATERNITÀ, PER LEI, PSICOLOGIA
  • Fratelli: i pro e i contro

    Fratelli: contro

    Leggo. Rannicchiata sul divano, facendo attenzione a non sporgere troppo un piede per non distruggere un fantasmagorico mondo di lego e kapla che si erge dal... Leggere il seguito

    Da  6cuorieunacasetta
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, PER LEI, TALENTI
  • I miei pancakes

    miei pancakes

    Ultimamente sono andata in fissa con i dolci americani: muffin, cupcakes, brownies e pancakes!Questi ultimi li ho imparati a fare da tempo ma ho finalmente... Leggere il seguito

    Da  Chiccamakeup
    BELLEZZA, PER LEI
  • i love my legs

    love legs

    Nel 1963 la stilista Mary Quant vendeva il primo modello di minigonna nella sua boutique Bazaar di Chelsea, a Londra, e nello stesso anno comparve per la prima... Leggere il seguito

    Da  Laura66
    EROTISMO, PER LEI
  • I need you

    Volli, fortissimamente volli. Ma ora, per dirla con un francesismo, mi sto cagando in mano.Perché non sarà più come nel week end o come in vacanza quando è tutt... Leggere il seguito

    Da  Bri
    PER LEI, TALENTI