Magazine Lavoro

Il banco vince sempre

Creato il 17 gennaio 2011 da Jollyroger
Più o meno vent’anni fa, insieme ai personal computer che costavano come una panda, giravano anche programmini stupidi come, ad asempio, uno che calcolava, non si sa su quali basi, il bioritmo mensile, settimanale o giornaliero. Bastava inserire la data di nascita e questo ti spiattellava un bel diagramma con la linea oscillante tra picchi, dirupi e pianure, della carica vitale. Poteva inoltre calcolare due bioritmi e mostrarli contemporaneamente in modo da poter verificare a colpo d’occhio le affinità con il proprio partner. Ma non solo, credo ci fosse anche una linea a rappresentare il lavoro e un’altra la salute.
Nessuno ci credeva, era solo un giochino innocente per passare il tempo e scherzare con gli amici. Purtroppo i sistemi operativi sono cambiati innumerevoli volte e, a quei giochini semplici e veloci, sono subentrati mastodontici videogames con richieste hardware superiori a quelle necessarie per il lavoro di routine.
Mi piacerebbe averlo adesso sottomano, quelllo stupido giochino, per vedere quale sarebbe il responso. Non tanto quello sentimentale che, meno male, fila che è un piacere, ma quello relativo a come mi sento in generale, perché qui, di carica vitale, ne vedo ben poca.
Me ne accorgo quando mi sveglio per cento volte prima, o appena dopo l’alba e non riesco più a dormire, preso da mille preoccupazioni e tante paure. Mi guardo allo specchio e vedo la mia bocca prendere una piega sempre più amara contro la mia volontà. Ridere e sorridere diventa un esercizio obbligatorio in presenza dei figli, ma sempre meno praticato in loro assenza.
Come un operaio della fiat, penso e ripenso alle mie scelte, mi domando se ho fatto bene a rifiutare un contratto capestro ancor peggiore di quello che è toccato a Mirafiori. Non orari di lavoro pesanti, mal pagati, ma ben delineati nella loro struttura, ma una firma in bianco che mi avrebbe costretto a giornate massacranti in cambio di una paga non più alta di quella di un operaio.
Mi sono illuso di avere una specializzazione e un’esperienza che mi avrebbero consentito di muovermi da una posizione privilegiata, di poter ricostruire una vita dignitosa, in cui sarei stato pagato per ciò che valevo, e invece mi sono sbagliato. Gli operai hanno accettato a malincuore un contratto duro, ingiusto, retrogrado, ma hanno (forse) salvato il loro lavoro e la sussistenza della loro famiglia. Io ho peccato di presunzione e non ho voluto piegare la testa, pensando addirittura che, chi ci avrebbe perso di più sarebbe stato il padrone e non io.
Mi sbagliavo, come al casinò, il banco vince sempre.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ma sacconi e’ proprio il meglio?

    sacconi proprio meglio?

    MA SACCONI E’ PROPRIO IL MEGLIO? Quando Marchionne è andato in America, alla Chrysler, lì c’era Obama,  c’era cioè presente il Presidente degli Stati Uniti.... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Come il Titanic

    A volte mi sento spaesato. Vedo tutta questa gente intorno a me e mi domando che cosa facciano, quanto guadagnino, se il lavoro va bene o se hanno problemi... Leggere il seguito

    Da  Jollyroger
    LAVORO
  • Il pensiero creativo

    pensiero creativo

    Una bella presentazione sul pensiero creativo. La creatività può essere intesa come la capacità di immaginare o inventare qualcosa di nuovo ovvero la capacità d... Leggere il seguito

    Da  Steprincipato
    CARRIERE, LAVORO
  • Trentin e il sindacato che cambia

    Il titolo del libro è "Autunno caldo, 40 anni dopo" (edizioni Ediesse, a cura di Carlo Ghezzi). E' un altro modo per ricordare Bruno Trentin, scomparso tre... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Il lusso e il patto sociale

    lusso patto sociale

    Mettiamole assieme le due dichiarazioni, del ministro e del manager di una delle più importanti imprese italiane.Le leggi a tutela dei diritti dei lavoratori... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Il puff non glielo do !

    puff glielo

    «Il più grave errore di ogni azienda è quello di considerare i consumatori come degli imbecilli...»Da un fatto realmente accaduto.Ritengo opportuno raccontare l... Leggere il seguito

    Da  Marco
    LAVORO
  • Oggi c'è il sole

    C’è aria di autunno, di passeggiate al parco Sempione sulle foglie cadute che scrocchiano sotto i piedi, sul ponte delle sirenette, attraversando il laghetto... Leggere il seguito

    Da  Jollyroger
    LAVORO

Dossier Paperblog

Magazine