Magazine Società

Il brasile in ginocchio. frane spazzano via interi villaggi.

Creato il 14 gennaio 2011 da Madyur

La presidente brasiliana , Dilma Rousseff, è andata a visitare una serie di paesi di montagna devastati dalle inondazioni e frane, con il bilancio delle vittime che ha raggiunto almeno 361 vite.

Le forti piogge nella notte di Martedì ha attivato alcune delle più letali frane nella storia del Brasile, Il fango ha spazzato via tre città e seppellito intere famiglie, mentre dormivano.

video

In Teresópolis, un piccolo paese a circa 60 miglia da Rio de Janeiro, sono stati confermati 146 decessi , ma le autorità locali si aspettano che la cifra possa salire.

Nella vicina città di Nova Friburgo, sono stati recuperati almeno 155 cadaveri .

Una rete televisiva brasiliana ha affermato che più di 419 persone sono morte nello stato di Rio e che almeno 1.000 persone potrebbero ancora essere dispersi.

"Questa famiglia non esiste più", si legge il titolo di un giornale di Rio, a fianco la foto di un designer di moda ed ex collaboratore Newsweek , sepolto accanto a otto parenti.

"E 'una scena terribile", ha detto un giudice locale, José Ricardo Ferreira de Aguiar, appena è uscito da da un telone nero a Teresópolis , in un obitorio improvvisato ( il garage della stazione di polizia della città)

Sul pavimento di cemento di fronte a lui giacevano 100 corpi, tra cui neonati, bambini, donne , anziani e adolescenti. Incrostati di fango marrone , i corpi erano ammucchiati in maniera confusa .

I parenti sono stati condotti nella camera mortuaria in gruppi di quattro per identificare i corpi sotto pezzi di cartone, fogli e piumoni fangosi . Coloro che erano già state individuati avevano targhette di identificazione ai loro piedi.

Mario Sergio Macario, 22 anni, uno studente a cui è stato dato il compito di guardia all'ingresso della camera mortuaria, ha detto che diversi colleghi del suo corso di turismo sono dispersi.

"La stazione è il caos. E 'una calamità pubblica. Non ho mai visto niente di simile", ha detto.

Circa 1.000 persone sono rimaste senza casa, appena le acque hanno sfondato Teresópolis, distruggendo case, linee elettriche e strade. Il sindaco, Jorge Mario Sedlacek, ha decretato lo stato d'emergenza, chiamando la calamità "il peggiore della città". Circa 800 lavoratori di ricerca e salvataggio del dipartimento della protezione civile dello Stato e vigili del fuoco scavano in cerca di sopravvissuti.

Marquinho Maia, un addetto stampa che stava dando una mano a all'obitorio, ha detto : "Abbiamo tirato fuori almeno 16 corpi. Tutti i morti E 'orribile La città non ha mai avuto così tanti morti.....

"Ho perso molti amici. Uno dei miei amici non ha ancora trovato la mamma o la moglie. Alcune aree sono state completamente distrutte."

Parlando dopo un volo in elicottero sopra Teresópolis, segretario all'ambiente di Rio, Carlos Minc, ha descritto le colate di fango come la peggiore catastrofe nella storia della regione.

"Credo che il bilancio delle vittime è molto più alto di quanto sia stato finora annunciato," ha detto. "Molte persone sono morte nel sonno. Le montagne stanno scendendo. Le aree sono molto instabili."

Fernanda Carvalho, una cameriera di 27 anni, provenienti dalla regione, ha detto al sito web G1 che la catastrofe non aveva fatto alcuna distinzione tra ricchi e poveri. "La casa del ricco, la casa del povero è tutto. Distrutto", ha detto.

Elicottero ha mostrato immagini di almeno due persone bloccate che sventolavano magliette bianche, nel tentativo di essere salvate .

A Nova Friburgo, dove almeno 97 morti , dopo che in 24 ore sono caduti un mese di pioggia , quattro vigili del fuoco sono stati segnalati sepolti vivi, tentavano di raggiungere le vittime.

"Ci sono così tanti scomparsi e tanti che probabilmente non saranno mai trovati ", ha detto Angela Marina de Carvalho Silva, che crede di avere perso 15 parenti per il diluvio, di cui cinque nipoti.

"Non c'era nulla che potessimo fare. E 'stato un inferno", ha detto in un'intervista telefonica.

Carvalho Silva si è rifugiata a casa di un vicino su un'altura con il marito e la figlia, e guardava le piogge torrenziali portareia le automobili, i rami degli alberi e degli animali e lacerare le case di amici e familiari.

"È finita. Non c'è nulla. L'acqua scende e spazza via tutto", ha detto suo marito, Sidney Silva.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :