Magazine Attualità

Il caso Fazıl Say

Creato il 20 ottobre 2012 da Istanbulavrupa

Il caso Fazıl SayFazıl Say è un grandissimo pianista e compositore, sul blog ho segnalato alcune delle sue performances. Fazıl Say è anche un ateo militante, che considera i credenti di una qualsiasi religione – ma ovviamente ce l’ha soprattutto con l’AKp e i suoi sostenitori – dei coglioni (scusate per la brutalità). Qualche tempo fa si è messo a fare lo spiritoso su twitter ed è finito nei guai, sotto processo per aver violato l’art. 216 del codice penale turco che punisce le offese al credo religioso di “gruppi” (non solo musulmani, ma anche ebrei, armeni etc etc). Say ha accampato scuse dicendo che i messaggi non erano suoi (magari e’ proprio così) e si è dato al vittimismo, annunciando la possibile emigrazione in Giappone; e la solita stampa anti-Akp c’ha montato il caso, trovandoci la prova di chissà quale “islamizzazione”: mentre la legge esiste da molto tempo e non per iniziativa di Erdoğan.

Personalmente, considero tutte le norme che condannano l’espressione di idee un’aberrazione: tutte, anche quelle che puniscono – come avviene in alcuni stati europei – il “negazionismo” (cioè, chi ha idee alternative su cos’è accaduto durante la Seconda guerra mondiale) e con esclusione forse di quelle che reprimono l’incitamento diretto alla violenza. Personalmente, trovo inaccettabile la posizione di Fazıl Say: perché l’essere un grande musicista non lo autorizza a mancare crassamente di rispetto nei confronti di chi ha idee diverse dalle sue (e che è liberissimo, in privato, di ritenere stupide e aberranti).


Filed under: disinformazione, Islam, politica interna, Turchia Tagged: art. 216, Fazil Say, Giuseppe Mancini, islamizzazione, kemal-leghisti, libertà d'espressione, negazionismo, processo a Fazil Say

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il sogno

    sogno

    Dino Licci-Voluttà-acrilico su tela 50X70Cavalli alati, turbinio, tormento,confonde il crine e i tuoi capelli il vento.Onde di mare, fulmini e bagliori,brucia i... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il Bombarolo

    Bombarolo

    Come e mestiere faccio? Non lo sai? Faccio il bombarolo. Faccio le bombe. Costruisco le bombe. Cerco la materia prima per fare le bombe. Metto le bombe. Lancio... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Il Confucianesimo

    Confucianesimo

    Io trovo molto stimolante questa comparazione tra le diverse religioni che esistono sul pianeta. Stimolante e molto istruttivo ma soprattutto l’unico metodo... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il listofante

    listofante

    Confesso di aver preso il titolo dalla risposta a uno stato che ho fatto su Fb sul caso Cosentino, il primo al mondo di trafugamento delle liste. Come... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • il primo

    primo

    8 agosto 1936, un marinaio spagnolo ferito viene soccorso da marinai inglesi. Lo stanno trasportando, per essere curato d'urgenza, in un centro sanitario situat... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il Pittore

    Pittore

    +Dino Licci-la bagnante-acrilco su tela 50x70E dipingere il mondo coi colori del ventoe le strade d’asfalto con l’azzurro del mare,salvare verdi campi e... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il signore il leader e il clown

    signore leader clown

    Non è un film di Sergio Leone o di Corbucci: è il primo film di quella che sembra essere la III repubblica, ma con la “r” minuscola. I atto: Il SIGNORE (attore... Leggere il seguito

    Da  Chiosaluxemburg
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ