Magazine Società

Il coraggio degli operai

Creato il 15 gennaio 2011 da Silvanascricci @silvanascricci

Il risultato del referendum di Mirafiori mi è sempre parso scontato.

E’ ovvio che, in questi tempi magri, la preoccupazione primaria sia il mantenimento del posto di lavoro a qualunque costo, rinunciando anche a diritti che si sono conquistati in decenni di lotte e di sacrifici.

Ma mi hanno stupito.

Non pensavo sarebbe stata così alta la percentuale dei no al contratto Fiat proposto da Marchionne.

Nonostante la paura, nonostante i timori hanno avuto il coraggio di vedere le carte della controparte; perchè sia chiaro che questo contratto non garantirà affatto il lavoro a Mirafiori o negli altri stabilimenti Fiat.

Gli operai hanno detto di no, gli impiegati che  non erano interessati al peggioramento delle condizioni di lavoro hanno detto sì.

Era certamente giusto che gli impiegati votassero, dal momento che se Mirafiori chiude vanno a casa anche loro, però è un dato sintomatico; gli operai mettevano sul piatto la loro salute e le loro condizioni professionali, per mantenere la fabbrica aperta sono loro a doversi sacrificare.

Ma non saranno le riduzioni delle pause, non saranno le giornate di malattia non pagate, non saranno i turni di lavoro articolati in 7 giorni su 7 a garantire il lavoro domani, se la Fiat continuerà a perdere attrattività nel mondo del mercato automobilistico (- 17% contro il – 4% delle altra case).

Si dice sempre di guardare alla Germania, alla Francia, agli altri grandi paesi produttori di automobili.

Ebbene guardiamoci.

In Germania, Volkswagen, gli operai lavorano 35 ore la settimana se assunti dopo il 2006, 33 ore se assunti prima; tre turni di lavoro su cinque giorni e 2.800 euro al mese.

In Francia, Peugeot e Citroen, gli operai lavorano 34 ore e 40 minuti la settimana; due turni di lavoro su sei giorni, un terzo turno solo nei picchi produttivi e 2.550 euro al mese.

In Giappone, Toyota, gli operai lavorano 39 ore la settimana; due turni di lavoro su sei giorni, 1.900 euro al mese.

Naturalmente Toyota e Volkswagen sono i primi due produttori al mondo di automobili.

Intanto in Serbia stanno ancora aspettando l’investimento in milioni di euro garantiti da Marchionne, stanno ancora aspettando di aprire le fabbriche promesse.

Ed era a novembre che dovevano arrivare soldi e lavoro…



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lusso

    Il costo del lavoro? Un lusso.Le leggi per la sicurezza? Un lusso: "robe come la 626 sono un lusso che non possiamo permetterci"Parola di Tremonti (sempre più... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il ritardato

    Bello il discorso di Fini eh. Solo che, dice Casini, lui quelle cose le aveva dette due anni fa. Solo che, dice Di Pietro, lui quelle cose le aveva dette due... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il lupo e il vizio

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Potete vedere questa gallery di Repubblica.it come il leader e fondatore della Lega Nord, il senatùr Umberto Bossi, non... Leggere il seguito

    Da  Giba1985
    SOCIETÀ
  • Il vizietto

    vizietto

    IL VIZIETTO Ci fu un tempo tal Igor Marini (riarrestato di recente), un faccendiere che giurò e spergiurò di aver visto Mortadella (Prodi), Cicogna (Fassino) e... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il Finimondo

    foglia di gran fico La signora Baiocchi abita al terzo piano. Sale le scale piano, con le buste della spesa che pesano e il respiro un po’ affannoso. Leggere il seguito

    Da  Hydepank
    SOCIETÀ
  • Il mercato

    Pare che il mercato dei parlamentari sia agli sgoccioli (tanto lì la prostituzione è lecita, no?), dopo gli acquisti di Massimo Calearo, di Michele Pisacane,... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il garantista

    Lo sgarbi show, a Novecento, me l'ero perso (ma ieri sera Blob, ne ha riproposto un gustoso pezzo).Di fronte a Pippo, si è lanciato in una una lunga... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine