Magazine Diario personale

il disegno di casa

Da Ducdauge @ducdauge

Casa. Di solito ce n’è solo una, come la mamma. No, non parlo di un edificio particolare, di una villa o di un appartamento; intendo dire quelle case che di solito disegnano i bambini già da piccolissimi, col tetto rosso a forma di triangolo, una porticina al centro e due finestrelle poco sopra. I più meticolosi disegnano la cassetta della posta, e anche un gradino. Questa è la casa di cui parlo.
Molti, per studio o per lavoro, decidono di andare a vivere in un’altra città, per necessità o semplicemente per curiosità. Spesso è naturale decidere di partire, altre volte sembra un obbligo, altre volte ancora un modo per mettersi alla prova. Ma quel disegno di casa lo si porterà sempre dentro, il disegno perfetto di un’atmosfera che ti dà sicurezza e ti tiene aggrappato a quell’idea di casa che si ha da piccoli.
Chi parte, soprattutto da giovane, per un bel lasso di tempo vive sospeso tra una residenza, venti domicili e diversi recapiti. Ogni vacanza e ogni giorno di festa sono le occasioni giuste per tornare, ché ritornare a casa è sempre una festa. Così come ripartire: «Quando?» «Ancora non so. Prima o poi.».
E quando sei giovane non si riesce mai a capire se casa è una scusa per tornare o casa è una scusa per partire.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Storia di una casa (#14)

    - 14 - Un improvviso scintillio balenò nei miei occhi. La mente era tutta un fermentare d’idee, trasformazioni e cambiamenti. I pensieri ribollivano come acqua ... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Storia di una casa (#16)

    - 16 -Sono cresciuto in adolescenza e, per quel che posso ricordare dell’infanzia, con una madre tutto-fare. Si svegliava la mattina di buon ora, prima di ogni... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Storia di una casa (#20)

    - 20 -Scese la sera e con essa il cielo si dipinse d’arancio, colorando le piccole nuvole sparse sulla città. Adoravo osservare il tramonto. Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Storia di una casa (#21)

    - 21 -Abbassai gli occhi tristi e rassegnati che speravano che un cielo clemente consegnasse alla vista qualche stella. Era tutto troppo luminoso perché la nott... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Storia di una casa (#23)

    - 23 -6 : 47 pmFinalmente a casa… Poggiai a terra la pesante borsa dell’università ricolma di libri. Il gran peso caricato mi aveva indolenzito una spalla e... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Storia di una casa (#24)

    - 24 - La caffettiera fumava e brontolava in un insolito sabato mattina. Insolito, perché l’ospite cui stavo servendo il caffè, non immaginava affatto di dovers... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Parliamo di cose serie: i progressi di casa mia

    Parliamo cose serie: progressi casa

    In molti mi avete scritto preoccupati, chiedendomi: 'Ma Ele, casa tua? Come procede? Tutto bene? Non ce ne parli piu' e stiamo in ansia, ti prego aggiornaci'. E... Leggere il seguito

    Da  Ele
    DIARIO PERSONALE, TALENTI