Magazine Salute e Benessere

Il dono: espressione del cuore o delle convenienze sociali?

Creato il 28 dicembre 2011 da Informasalus @informasalus
CATEGORIE: Etica
regali natale
Il dono: espressione del cuore o delle convenienze sociali?

È ormai arrivato anche quest'anno il periodo delle festività natalizie, e con uno sforzo di originalità indubbiamente "unico", voglio occuparmi anch'io dell'argomento.


Il consumismo, per esempio, ha eletto questo periodo come il paradiso dello shopping, e forse ormai pochi si rendono conto che l'origine dell'usanza di scambiarsi doni risale a culture e tradizioni molto antiche.
I nativi americani che vivevano sulla costa del Pacifico, dall'Oregon all'Alaska, per fare un esempio, praticavano un tempo la cerimonia del Potlatch, per celebrare particolari momenti sociali: nascite, matrimonio, funerali di membri illustri della loro cultura. Si trattava di una festa nella quale venivano raccontate leggende, si cantava, si danzava e si mangiava per molti giorni; al termine, venivano distribuiti dei doni con modalità purtroppo fin troppo "moderne": i regali esprimevano nella loro maggiore o minore opulenza le condizioni economiche e sociali dell'ospite. Nasceva così una specie di "gara": chi riceveva un dono, era tenuto a sua volta a farne uno ancora più costoso, per riaffermare a sua volta il proprio status sociale.
Tutto questo era regolato da un'etichetta molto rigida e serviva come elemento di coesione sociale: da un lato ribadiva lo status presente, dall'altro le leggende e le tradizioni narrate nell'occasione richiamavano il lignaggio di ognuno. Per il sociologo e antropologo francese Marcel Mauss, la storia del Potlatch è stato il punto di partenza per elaborare le sue teorie sul dono. E chissà quante volte sarà capitato anche a voi di fare un regalo o di giudicarne uno ricevuto in base al suo valore esteriore, e non come espressione del cuore e dell'affetto del donatore.
In sé, il dono non è altro che una manifestazione di cuore e d'amore; e il concetto di donare implica il fatto di non avere nessun secondo fine e di non aspettarsi niente in cambio, altrimenti, si parla di scambio e non di dono. Ma questo è un aspetto decisamente non convenzionale. I rituali sociali impongono anche nella cultura occidentale l'utilizzo del dono come elemento di convivenza e (purtroppo) convenienza sociale, e proprio su questo si innesca il fenomeno del consumismo che riguarda non solo se stessi ma a questo punto anche la persona alla quale si intende fare un regalo. Io ho sempre considerato molto importante, nella scelta di un dono, chiedermi cosa realmente potesse far piacere alla persona che l'avrebbe ricevuto.
Oggi, è la moda e l'economia a suggerire: cose che fanno tendenza, ultimi modelli di telefonino, gadget che molto probabilmente non servono realmente alla persona che li riceverà; qualche decennio fa le cose non andavano certamente meglio. Le tristi ed immancabili cravatte esprimevano come oggi l'assoluta mancanza di creatività ed attenzione verso chi le riceveva.

Voglio proporvi una cosa che so che nella modalità culturale contemporanea è estremamente inusuale: se avete intenzione di fare qualche dono per le prossime festività, invece di farvi guidare da ciò che il mercato ha deciso al posto della vostra testa e del vostro cuore, pensate per un momento a chi riceverà e chiedetevi che cosa potrebbe realmente fargli o farle piacere. Lasciatevi guidare dei vostri sentimenti senza paura di fare "brutta figura". Se invece preferite lasciarvi guidare un po' passivamente dalle leggi del mercato dell'industria, probabilmente non siete in una condizione diversa da coloro che erano prigionieri della rigidità rituale del Potlatch.
Ancora una volta, qualunque situazione quotidiana può essere un'opportunità per confrontare all'interno di ognuno il cuore e la mente, l'Io e i condizionamenti sociali, e vedere chi vincerà.


Hai un account google? clicca su:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lusso…tira. Il sociale spira.

    lusso…tira. sociale spira.

    Secondo Tablet Hotels si può scegliere una vacanza in base alla piscina dell’hotel, sopratutto se questo si trova in una località amena (montagna, al lago,... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • Il rosmarino: buono con il cervello

    rosmarino: buono cervello

    Una spezia presente sulle nostre tavole è il rosmarino. Il rosmarino è sempre stato considerato terapeutico, in particolare per i suoi poteri anti... Leggere il seguito

    Da  Rossellagrenci
    LIFESTYLE, SALUTE E BENESSERE
  • Il potere dell’acqua

    potere dell’acqua

    18 luglio 2011 admin Sapienza antica Tempo di bagni, se non è possibile al mare al lago, o anche in piscina. Sembra che ci siamo dimenticati del potere che ha... Leggere il seguito

    Da  Rossellagrenci
    LIFESTYLE, SALUTE E BENESSERE
  • Il volantino

    Guarda, ho trovato questo volantino e l’ho preso. E’veramente divertente! E mi porge il volantino sullemani, sorridendo.La ragazza è venuta a trovaresuo padre i... Leggere il seguito

    Da  Maricappi
    DIARIO PERSONALE, SALUTE E BENESSERE, TALENTI
  • Il Tao dell’Armonia

    dell’Armonia

    “Il Tao dell’Armonia vuole affrontare il tema dei rapporti in un modo nuovo. poiché il Tao ha a che fare con una causa e un effetto personali (la percezione e l... Leggere il seguito

    Da  Giovannipelosini
    SALUTE E BENESSERE, SPIRITUALITÀ
  • Il cittadino e il contadino

    cittadino contadino

    Il contatore segnala 234 post e non siamo ancora ad 1 anno (manca pochi giorni) e avendo scritto spesso di agricoltura sociale,  di agricoltura civica, agrinidi... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    ECOLOGIA E AMBIENTE, ECONOMIA, SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • Il rural chic!

    rural chic!

    View This PollSabato 30 luglio la Stampa di Torino riportava un’intervista ad un celebre chef romano Filippo La Mantia che avendo un ristorante in Via Veneto,... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ