Magazine Religione

Il giurista Kohler: «matrimonio tra uomo e donna non è equiparabile»

Creato il 28 giugno 2011 da Uccronline

Il giurista Kohler: «matrimonio tra uomo e donna non è equiparabile»Il docente di legge alla facoltà di Boston, Thomas Kohler è intervenuto nel dibattito pubblico circa la recente approvazione dei matrimoni omosessuali nello stato di New York.

Kohler studia da anni l’impatto delle istituzioni sociali sugli individui ed è giunto alla conclusione che «l’istituzione classica del matrimonio è più importante che mai nella nostra società». Infatti, risponde l’esperto ad una intervista su Avvenire, gli studi dimostrano che i bambini crescono meglio assieme ai loro genitori biologici uniti da un matrimonio intatto (ad esempio Ultimissima 1/12/10, Ultimissima 24/2/11Ultimissima 15/4/11) . Gli stessi genitori, se è presente questo tipo di matrimonio, godono di migliore salute, benessere, stabilità finanziaria e vivono addirittura più a lungo delle persone single o divorziate (ad esempio cfr. Ultimissima 1/10/10). Il matrimonio quindi, «definito come istituzione che riconosce le differenze complementari fra uomini e donne e riconosce il bisogno dei bambini di un padre e una madre, è un bene sociale i cui benefici sono stati riconosciuti da ogni società umana. Nessun altra relazione fra individui, anche se nobile, può assolvere le stesse funzioni».

Tuttavia è sotto attacco da decenni e la legge appena approvata «influenzerà il modo con cui la gente considera il matrimonio, perché la legge esercita un ruolo pedagogico: ci dice quali comportamenti sono accettabili». Sostenere il matrimonio omosessuale dicendo che comunque gli eterosessuali potranno continuare a sposarsi normalmente e non ci sarà alcuna conseguenza sociale sulla famiglia tradizionale, è un argomento fallace. Anche lui infatti, come fece il filosofo Marcello Veneziani qualche mese fa (cfr. Ultimissima 2/12/10) ricorda, usandola come esempio, la questione del divorzio: «la liberalizzazione delle leggi sul divorzio negli anni ’70 negli Stati Uniti ha portato ad una crescita esponenziale del numero dei divorzi, ridefinendo il matrimonio come una relazione transitoria».


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog